De Rossi al Boca Juniors, la guida per seguire l'avventura argentina

Vivrà a Puerto Madero, potrà indossare la maglia numero 16 sia in Superliga che in Copa Libertadores, ma non giocherà il Superclásico di campionato alla Bombonera. E oltre a Burdisso troverà Tevez e Zarate.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Dopo diciotto stagioni consecutive vissute con la maglia della Roma, per Daniele De Rossi è tempo di salutare l'Italia e trasferirsi in Argentina. Il centrocampista ha infatti deciso di continuare col calcio giocato, rifiutando prima il ruolo da dirigente propostogli dalla società giallorossa e successivamente l'invito di Roberto Mancini a entrare nello staff tecnico della Nazionale. Per almeno otto mesi coronerà quindi il sogno di giocare al Boca Juniors. Una scelta di cuore, quella che De Rossi ha fatto rifiutando l'offerta della Fiorentina dell'ex romanista Montella e accettando la proposta di un altro suo vecchio compagno di squadra: Nicolas Burdisso, l'attuale direttore sportivo della compagine argentina.

Più volte il centrocampista ha parlato della sua ammirazione verso il club sudamericano, facendosi anche fotografare, qualche anno fa, con la maglia numero sedici degli Xenezies. Probabilmente sarà proprio il numero che indosserà in Argentina, visto che il precedente proprietario, il colombiano Wilmar Barrios, è stato ceduto allo Zenit lo scorso febbraio. E non ci saranno problemi nemmeno per l'utilizzo della '16' in Copa Libertadores, visto che De Rossi potrebbe essere inserito in lista al posto di Adrian Sanchez, giocatore delle giovanili che al momento occupa quel numero nelle partite della competizione organizzata dalla CONMEBOL.

A proposito di slot disponibili, l'ufficialità dell'acquisto di DDR avverrà solo dopo la cessione di un calciatore non argentino. Il Boca Juniors ha infatti esaurito le caselle a disposizione degli stranieri, ma a breve sarà definito il trasferimento di Nahitan Nandez al Cagliari (inoltre il terzino colombiano Franck Fabra prenderà presto la cittadinanza argentina). L'ex Roma firmerà un contratto da circa 500.000 euro della durata di otto mesi, anche se sarà libero di lasciare già a inizio 2020 per iniziare il corso da allenatore a Coverciano. Partirà per il Sud America nel fine settimana, forse già nella serata di venerdì; poi, secondo TuttoMercatoWeb, prenderà casa a Puerto Madero e i suoi figli studieranno in un istituto italiano.

De Rossi con la maglia della Roma
Daniele De Rossi ha detto sì al Boca Juniors

De Rossi al Boca Juniors, quando l'esordio?

La Superliga argentina inizierà il 27 luglio e terminerà il prossimo 1 marzo. Al torneo parteciperanno 24 squadre, due in meno delle ventisei di un anno fa (c'è una riforma in atto per portare il numero di club a ventidue nel 2020-21): le giornate da disputare saranno dunque ventitré, senza gironi di andata e ritorno. Per questo De Rossi non potrà giocare il Superclásico alla Bombonera, dal momento che l'unico incrocio di campionato tra River Plate e Boca Juniors si farà il 1 settembre al Monumental, alla 5° giornata.

I gialloblù inizieranno la nuova stagione in casa contro l'Huracan nella notte tra il 28 e il 29 luglio (fischio d'inizio all'1, ore italiane). Difficilmente il centrocampista sarà della partita, almeno dal primo minuto. Più probabile un suo ingresso a gara in corso, con l'esordio da titolare che potrebbe slittare alla 2° giornata con il Patronato, il 5 agosto, oppure alla 3° contro l'Aldosivi, due settimane più tardi.

Nel frattempo gli Xenezies giocheranno l'ottavo di finale della Copa Libertadores 2019. Il 25 luglio (ore 2.30 in Italia) gli argentini affronteranno l'Atletico Paranaense in Brasile, mentre il ritorno si disputerà il 1 agosto. Tuttavia DDR non prenderà parte ai due match, poiché potrà essere registrato solo dagli eventuali quarti (in caso di passaggio del turno il Boca incontrerà la vincente di Liga de Quito-Olimpia Assunción). Sarà comunque impossibile replicare la finale dello scorso anno, visto che il River Plate è stato sorteggiato dalla stessa parte degli 'Azul y Oro': il Superclásico potrebbe essere disputato soltanto in semifinale.

De Rossi pronto a respirare l'atmosfera della Bombonera
In questa stagione il Superclásico si disputerà solo in casa del River Plate. Tuttavia De Rossi potrebbe giocarlo alla Bombonera, nel caso in cui le due squadre si dovessero incontrare nella semifinale di Copa Libertadores

Tornando alle gare nazionali, De Rossi potrebbe trovare spazio pure nel sedicesimo di finale della Copa Argentina, nel quale il Boca Juniors, intorno al 9 agosto, sfiderà l'Almagro, squadra della Nacional B (la seconda divisione).

Questa l'agenda estiva del club sudamericano:

  • 25 luglio, andata ottavi Copa Libertadores: Atletico Paranaense-Boca Juniors (2.30 ore italiane)
  • 29 luglio, 1° giornata Superliga: Boca Juniors-Huracan (1.00 ore italiane)
  • 1 agosto, ritorno ottavi Copa Libertadores: Boca Juniors-Atletico Paranaense (2.30 ore italiane)
  • 5 agosto, 2° giornata Superliga: Patronato-Boca Juniors (1.00 ore italiane)
  • 9 agosto, sedicesimi di finale Copa Argentina: Boca Juniors-Almagro (data da confermare)
  • 18 agosto, 3° giornata Superliga: Boca Juniors-Aldosivi (data da confermare)
  • 21 agosto, eventuale andata quarti Copa Libertadores (data da confermare)
  • 25 agosto, 4° giornata Superliga: Banfield-Boca Juniors (data da confermare)
  • 28 agosto, eventuale ritorno quarti Copa Libertadores (data da confermare)
  • 1 settembre, 5° giornata Superliga: River Plate-Boca Juniors (data da confermare)

Da Tevez a Salvio, ecco i nuovi compagni di squadra di DDR

La scelta di De Rossi ha scatenato le reazioni dei media locali, che hanno prontamente celebrato il prossimo arrivo del centrocampista nel campionato argentino. I tifosi hanno riempito di commenti addirittura il profilo Instagram della moglie Sarah Felberbaum, ed è sull'onda dell'entusiasmo dei sostenitori del Boca Juniors che la dirigenza starebbe pensando di presentare il giocatore alla Bombonera, in una cerimonia in grande stile.

A Buenos Aires ritroverà due vecchi rivali come Carlos Tevez e soprattutto Mauro Zarate, che nel corso della sua esperienza laziale lanciò più volte delle provocazioni sia verso la Roma che nei confronti di Francesco Totti. L'altro ex calciatore della Serie A è Lisandro Lopez, utilizzato col contagocce da Inter e Genoa.

De Rossi contro Zarate in un Roma-Lazio
De Rossi affronta Zarate nel Roma-Lazio del 2009-10. I due saranno presto compagni di squadra

La rosa a disposizione del tecnico Gustavo Alfaro comprende diversi nomi noti al grande pubblico: dagli attaccanti Cristian Pavon e Dario Benedetto – che interessa al Marsiglia – al mediano classe 2000 Agustin Almendra; dal già citato Nandez, prossimo alla cessione, agli ultimi due acquisti ufficializzati, il venezuelano Jan Hurtado e l'ex Benfica e Atletico Madrid Eduardo Salvio.

Nella stagione passata gli Xenezies si sono classificati al terzo posto, dietro ai campioni del Racing Avellaneda e al Defensa y Justicia. Hanno però perso la gara più importante, la finale di Copa Libertadores giocata contro i cugini del River Plate nello scorso dicembre. Nel 2019 la società di Daniel Angelici – soprannominato “El Tano” per le sue origini italiane – ha disputato altre due finali, vincendo ai tiri di rigore quella della Supercopa Argentina contro il Rosario Central, ma uscendo sconfitta da quella della seconda coppa nazionale (Copa de la Superliga) per mano del Tigre (2-0).

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.