Calciomercato, quali sono i club che hanno guadagnato di più?

Il sito dedicato Transfermarkt ha stilato la classifica dei club che al netto di acquisti e cessioni hanno guadagnato di più dalle sessioni di mercato andate in scena dal 2014 a oggi. Guida il Benfica, il Genoa è settimo.

48 condivisioni 1 commento

di - | aggiornato

Share

Il calciomercato è ormai da molti anni una parte importantissima dello sport più seguito al mondo, una presenza costante che accompagna come da tradizione i mesi che segnano la fine di una stagione sportiva e l'inizio di quella successiva e che spesso però continua a essere protagonista quanto e più del calcio giocato anche una volta che la fine delle trattative diventa ufficiale.

In realtà, come ormai tutti sanno, il calciomercato non dorme mai. Ogni giorno è buono per intavolare una trattativa, portarla avanti o persino chiuderla in attesa della sessione successiva, ogni squadra - anche la più vincente e apparentemente perfetta - ha bisogno di un ritocco o di cedere un esubero. Giocatori scontenti del loro utilizzo, giovani rampanti che cercano palcoscenici più importanti oppure spazio in prestito, decine di motivi per migliaia di trattative che ogni anno spostano un'enorme quantità di denaro.

Negli ultimi 5 anni, secondo una recente inchiesta della Gazzetta dello Sport, solo gli agenti dei calciatori hanno incassato qualcosa come quasi 2 miliardi di euro in commissioni. Lo stesso periodo di tempo è stato preso in esame dal celebre sito Transfermarkt per stilare una classifica dei 10 club che dal 2014 a oggi, la netto di acquisti e cessioni, hanno guadagnato di più dal calciomercato. E le sorprese non mancano.

Matthijs de Ligt
Matthijs de Ligt: acquistarlo dall'Ajax è costato alla Juventus 75 milioni di euro.

Calciomercato, i club che hanno guadagnato di più dal 2014 a oggi

Per prima cosa è bene tenere presente la differenza fondamentale tra incassare e guadagnare: il PSG potrà anche cedere nel corso di questa sessione di mercato il gioiello Neymar a 222 milioni di euro, ma si tratta della stessa cifra investita nell'estate del 2017 per portarlo a Parigi. La classifica stilata da Transfermarkt tiene conto del guadagno netto relativo ai cartellini e premia dunque quei club che oltre a cedere bene hanno operato investimenti inferiori in entrata, valorizzando i giocatori acquistati a poco e rivenduti a peso d'oro.

Secondo questa modalità, nessun club al mondo ha saputo muoversi sul mercato bene quanto il Benfica: il club campione del Portogallo soltanto in questa sessione di mercato ha ceduto Joao Felix all'Atletico Madrid per 126 milioni di euro e il messicano Raul Jimenez al Wolverhampton per 38, investendone appena 20 per il principale colpo in entrata, lo spagnolo Raul de Tomas. I lusitani si sono distinti dal 2014 per numerose altre cessioni importanti: Perez, Markovic, Oblak, André Gomes, Cancelo, Rodrigo, Renato Sanches, Guedes e Gaitàn. E poi ancora Ederson, Lindelof, Semedo, Carvalho, Anderson Talisca.

Quella di Joao Felix è solo l'ultima cessione importante di un club che negli ultimi 5 anni ha registrato un guadagno netto dal calciomercato pari a 527,5 milioni di euro, 707 incassati a fronte di appena 180 spesi. Un vero e proprio fiume di denaro che è stato accompagnato da vittorie decisamente importanti: quattro campionati portoghesi, tre Coppe di Portogallo e tre Supercoppe i successi ottenuti superando le rivali di sempre Porto e Sporting Lisbona, che pur avendo investito di più sono comunque presenti nella top 10 al terzo e al nono posto con guadagni netti pari rispettivamente a 235,9 e 110,8 milioni. 

Il Genoa è l'unica italiana nella classifica

Alle spalle del Benfica ecco il Monaco di proprietà del magnate russo Dmitrij Rybolovlev, che dopo i grandi investimenti iniziali si è messo a cedere più che bene i suoi pezzi pregiati: James Rodriguez, Kurzawa, Carrasco, Martial, Kondogbia, Mendy, Bakayoko, Bernardo Silva, Lemar, Fabinho e il baby prodigio Mbappé sono solo alcuni dei nomi che hanno portato i monegaschi a incassare, al netto degli acquisti, la bellezza di 359,4 milioni di euro. Nello stesso periodo è arrivato un inaspettato trionfo in Ligue 1 ma anche, nell'ultima stagione, una difficile salvezza ottenuta soltanto nel finale: poco importerà alla dirigenza a fronte dei guadagni complessivi.

Quarto posto per l'Ajax, da sempre fucina di talenti che vengono puntualmente rivenduti a peso d'oro in tutta Europa ma che negli ultimi anni ha cominciato a effettuare importanti investimenti anche sul mercato in entrata: gli olandesi comunque si confermano sempre bravissimi a cedere, e se sui 212,9 milioni incassati pesano non poco i 160 ricevuti per Frenkie de Jong e Matthijs de Ligt rispettivamente da Barcellona e Juventus, degne di nota sono anche le partenze di Milik, Bazoer, Cillessen, Klaassen, Sanchez e Justin Kluivert, talenti che solo in parte si sono confermati lontano da Amsterdam.

Degne di nota anche le situazioni di Red Bull Salisburgo e Athletic Bilbao: gli austriaci si avvalgono dell'aiuto del club "gemello" tedesco RB Lipsia e occupano il quinto posto in classifica, gli spagnoli invece sono decimi anche a causa della nota e tradizionale politica societaria che li vede acquistare soltanto calciatori nati nei Paesi Baschi che rappresentano calcisticamente da sempre. Negli ultimi 5 anni, a fronte di investimenti estremamente contenuti, sono partiti dal San Mamés Ander Herrera, Aymeric Laporte e Kepa, che in tre hanno portato nelle casse dei Leones quasi 180 milioni di euro.

Non manca la presenza di un club italiano, il Genoa, sorprendentemente ottavo: nelle ultime 5 stagioni i liguri hanno registrato un guadagno netto sul mercato pari a 128,9 milioni di euro, soldi incassati attraverso le cessioni di Pavoletti, Ansaldi, Giovanni Simeone, Laxalt, il baby Pellegri e il pistolero polacco Piatek. A queste si sono aggiunte una miriade di operazioni più o meno minori, effettuate in gran numero a ogni sessione di mercato, che insieme alla continua girandola di allenatori hanno portato soltanto la permanenza, a volte peraltro stentata, in massima serie. Il presidente Preziosi sa sicuramente il fatto suo dal punto di vista economico, resta da vedere quanto questo farà felici i tifosi del Grifone.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.