Benfica, Perin non supera le visite mediche: "Tempi più lunghi del previsto"

I risultati dei controlli di routine per il portiere hanno rallentato il suo passaggio in Portogallo: l'affare è stato rinviato di 4 mesi.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Sembrava tutto fatto per il passaggio di Mattia Perin dalla Juventus al Benfica, ma come spesso succede non si può considerare chiusa una trattativa finché non arriva la fatidica firma sul nuovo contratto del giocatore.

L'affare che dovrebbe portare l'ex estremo difensore del Genoa a Lisbona ha subito una brusca frenata: nulla a che vedere con gli accordi fra le Superaquile e la squadra bianconera, il motivo è legato alle non perfette condizioni fisiche del portiere italiano.

Secondo un'indiscrezione riportata in questi minuti dal quotidiano sportivo portoghese Record, Perin non avrebbe superato le visite mediche con il Benfica e il risultato dei controlli di routine sostenuti dal classe '92 in giornata hanno messo a serio rischio la chiusura della trattativa.

Mattia Perin
Frenata per Perin al Benfica: visite mediche non superate dal portiere

Frenata nel passaggio di Perin al Benfica: problemi nelle visite mediche del portiere

Quanto riportato dalle fonti giornalistiche portoghesi è stato certificato successivamente da un comunicato ufficiale del Benfica:

Il Benfica informa che in seguito agli esami medici effettuati oggi, si è concluso che il portiere Mattia Perin necessita di un processo di recupero più lungo di quanto inizialmente previsto, stimato intorno ai 4 mesi. In questo senso c'è stato un accordo tra i club e i rappresentanti del giocatore, affinché il recupero di Mattia Perin si svolga alla Juventus e, dopo quella fase, il trasferimento del giocatore si concretizzi, come concordato da tutte le parti.

Come ammesso dallo stesso giocatore poco prima di partire per Lisbona, il problema alla spalla che lo ha tenuto a lungo fuori nella scorsa stagione era ancora presente. Per parole del portiere, il suo rientro in campo sarebbe stato previsto per la metà di settembre, ma a quanto pare i problemi si sono rivelato più consistenti. Le Superaquile quindi avrebbero frenato l'affare dopo che l'accordo col giocatore e con la Juventus era stato raggiunto (2,5 milioni di euro annui di stipendio e 15 milioni ai bianconeri per il cartellino).

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.