FIFA, 5 teorie sui motivi della fondazione del Piemonte Calcio

Le ragioni alla base della nascita della nuova squadra potrebbero essere diverse rispetto a quelle che ci hanno raccontato.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Mentre gli addetti ai lavori e gli appassionati erano distratti dall'affare de Ligt, la Juventus e PES hanno messo in scena un atto rivoluzionario: i Campioni d'Italia hanno stretto un accordo con il videogame, e questo ha comportato la loro scomparsa da FIFA, l'altro gioco di calcio concorrente. Nulla di strano, fino a questo momento. Anzi: è stato preso come un qualcosa di divertente.

Dai nomi storpiati (Tipo "Romaldo", "Din Balla", eccetera) al possibile logo, gli utenti sui social si sono scatenati. In molti hanno colto l'occasione per prendere in giro la Juventus, altri invece hanno provato a ipotizzare i nuovi cori: "Piemonte Calcio, storia di un grande amoreeee". No, non funziona bene. Però almeno Mark Lenders adesso potrebbe riuscire a coronare il suo sogno di giocare in Italia, visto che nel cartone animato era stato tesserato proprio da una squadra con questo nome.

Ironia a parte, la nascita del Piemonte Calcio potrebbe nascondere dietro di sé qualcosa in più. Qualcosa che i poteri forti non vogliono farci sapere, qualcosa che non può essere oggetto di meme perché top secret. Le televisioni non ne parlano, i giornali non lo dicono. Ma dietro a questa piccola, grande rivoluzione potrebbe celarsi di tutto.

Agnelli, Paratici e Nedved: la dirigenza della Juventus

Le 5 teorie dietro la fondazione del Piemonte Calcio

Ci sono complotti di ogni ordine e grado dietro questa creazione improvvisa: si va dalla banale competizione al totale disfacimento del campionato - e, perché no, di tutto il movimento calcistico nazionale. Ecco le cinque teorie:

Agnelli è il nuovo Frankenstein

E ciò non vuol dire che sta cercando di fondere Chiellini con Bonucci per creare il difensore perfetto. Semplicemente, avendo visto che il livello di competizione in Serie A si sta abbassando sempre di più, il presidente bianconero ha deciso di creare una nuova squadra, impostandola sullo stesso modello-Juve nella speranza che, una volta raggiunta la massima serie, le due sorelle possano contendersi lo scudetto ridando lustro al nostro campionato. Tutto ovviamente comincia da un test, e il Piemonte Calcio è il modo con il quale Agnelli ci sta comunicando in maniera criptata la sue intenzioni.

Khedira è il proprietario di PES

Ah! Vi ricordate la storia dei capelli di Khedira su FIFA? Ecco, dopo il bel commento simpatico di PES in risposta a quel tweet, secondo alcune fonti segrete il centrocampista bianconero avrebbe deciso di entrare in società con la casa di videogiochi che meglio è riuscita a rappresentare il suo look. A due anni di distanza (e nonostante le correzioni di FIFA) il tedesco ha preteso che il suo gioco, del quale nel frattempo è diventato azionista di maggioranza, diventasse l'unico a detenere il nome della sua squadra. La Juventus ovviamente lo ha accontentato, temendo altri tweet polemici.

Obiettivo clamore mediatico

La Juve negli ultimi anni sta alzando sempre di più l'asticella: prima l'acquisto di Ronaldo, poi l'arrivo di Sarri, ora la dirigenza bianconera non sa più che inventarsi per far parlare di sé. Tutto talmente scontato e banale da aver portato Paratici&Co a questa drastica decisione: adesso la società bianconera comincerà a fare cose buffe in serie solo per suscitare clamore mediatico. Next step: magliette indossate al contrario, con nomi e numeri sul petto per tutta la durata del campionato. 

Allegri e la sua squadra ombra

C'è chi sostiene che tutto questo sia opera di Allegri, che ha ancora in mano le sorti della squadra bianconera. Dopo aver vinto una scommesse con Agnelli alle corse di cavalli, l'ex allenatore della Juventus ha strappato una promessa al presidente: Max condurrà un campionato parallelo con il suo Piemonte Calcio, e se a metà stagione su FIFA avrà più punti della squadra di Sarri nella vita reale, verrà richiamato sulla panchina bianconera.

Juventus, il presidente Agnelli e l'ormai ex allenatore Allegri

Piemonte is not Italy

La creazione di una squadra ad hoc altro non è se non il primo passo verso la piena autonomia del Piemonte. Piano piano gli utenti si abitueranno a questa versione totalizzante della Juventus, che in questo caso rappresenta Torino, che espanderà i suoi orizzonti trainata da Agnelli e dai suoi fedelissimi. La diffusione delle Panda vi dice niente? Sì: qui tra poco sarà tutto Piemonte.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.