Manchester City e il volo maledetto per la Cina: Guardiola è furioso

Volo cancellato due volte per errori amministrativi della compagnia aerea. La squadra arriverà in Cina solo 24 ore prima della sfida al West Ham e Pep teme infortuni.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Gli uomini più vicini a Pep Guardiola lo descrivono furioso e preoccupato per quel che sta accadendo in queste ore al Manchester City. La squadra sarà impegnata da mercoledì nella Premier League Asia Trophy, ma l'aereo che doveva portare Laporte e compagni in Cina ha subito ben due cancellazioni mandando all'aria i programmi dell'allenatore catalano.

Il City doveva imbarcarsi sabato sul volo per Shanghai, lì stare tre giorni per cominciare gli allenamenti e abituarsi al jet lag prima di affrontare il West Ham nel primo impegno di questa competizione. Ma i piani sono andati presto in fumo. Il motivo è presto detto.

Colpa di un errore di programmazione della compagnia aerea, un disguido amministrativo che non ha permesso alla truppa di Guardiola di salire sul volo sabato. La Thomas Cook Sport si è messa subito all'opera per risolvere la questione e aveva riprogrammato il viaggio per domenica. Ma una volta in aeroporto ecco il nuovo stop. Guardiola ovviamente furioso, perché ora il City dovrà scendere in campo poche ore dopo essere arrivato dall'altra parte del mondo, con pochissimi allenamenti nelle gambe e il fuso orario a fare da ulteriore peso. Il pericolo di infortuni, fanno sapere fonti vicine allo staff tecnico, è altissimo e la situazione andrà gestita con molta razionalità e attenzione. 

Manchester City, Delph prima di una gara
Manchester City, Delph fuori dal progetto

Manchester City, Delph e Mangala fuori dalla tournée

Il City, sempre che qualcosa non si metta di nuovo di traverso, arriverà in Cina domani. Con un margine ridottissimo di tempo per preparare la partita contro gli Hammers e il rischi di infortuni muscolari a livelli ben oltre quelli di guardia. C'è da considerare inoltre che la squadra non ha preso parte alla promozione del torneo prevista dal contratto e qui è il club a essere andato su tutte le furie. Della truppa diretta in Asia non fanno parte Delph e Mangala. Entrambi non rientrano nei piani di Guardiola che ha comunicato loro l'intenzione di non portarli con la squadra in questa tournée.

Per Delph il mercato offre l'opportunità Everton. I due club stanno trattando e secondo le ultime indiscrezioni provenienti dall'Inghilterra l'affare è sul punto di andare in porto per una cifra vicina agli 11 milioni di sterline. Delph saluterà presto il Manchester City dopo quattro anni a Etihad e 89 presenze. 

Mangala invece dopo le zero presenze nell'ultima stagione con i Citizens è alla ricerca disperata di un club che possa dargli spazio e minutaggio. Il difensore francese, secondo quanto riporta l'Equipe, è in trattativa con il Besiktas che lo vorrebbe per rinforzare il proprio pacchetto arretrato. Il contratto di Mangala scadrà nel 2020 e quindi l'unica soluzione è quella di un trasferimento a titolo definitivo. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.