SBK, a Laguna Seca Rea vince ancora e Bautista cade... ancora!

Negli USA, Johnny firma il successo numero 79 di carriera, approfittando dell'ennesimo zero rimediato da Alvaro. Davies e Razgatlioglu sul podio.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Dire Laguna Seca, significa dire SBK. Le derivate di serie sono approdate negli USA per la nona tappa stagionale, che precede la pausa di agosto. Tanti i VIP presenti nel paddock, in uno show tutto americano, iniziato dalla spettacolare Superpole. Per soli nove millesimi, Johnny Rea e la Kawasaki ufficiale hanno avuto la meglio della Ducati Panigale V4 R di un redivivo Chaz Davies. Appena poco meno veloce, Alvaro Bautista, che aveva velleità diverse da quanto leggerete.

In Gara 1, infatti, lo spagnolo è volato nella sabbia. Ancora. Mentre si giocava il podio nel duello con Rea e Davies, il numero 19 si è steso, scivolando in una veloce curva a sinistra. Erano stati completati pochi passaggi, ed il suo addio alla corsa e, forse, al mondiale. La lotta per il successo è rimasto un discorso tra Johnny e Chaz, entrambi britannici, già vincenti a Laguna. Giusto l'annusarsi reciprocamente, poi la fuga del campione, verso la settantanovesima affermazione, ottavo centro firmato 2019.

Con Alvaro doppiato - ed umiliato - a tenere alto l'onore della Rossa è stato Davies, finalmente a posto in sella. Il ducatista non ha esibito lo stile sontuoso ed il ritmo del rivale nordirlandese ma, dopo weeekend difficili, ul 7 è tornato in forma, cogliendo un ottimo secondo posto. Sul terzo gradino del piccolo palco americano ci è salito il turco Razgatlioglu, uno dei piloti SBK più in palla del momento. 

Bautista è caduto nella gara SBK del sabato di Laguna Seca SBK Official
Difficoltà e caduta nella gara SBK di oggi per Bautista

SBK degli Stati Uniti, Rea fa (ancora) il Cannibale, Bautista combina (ulteriori) disastri

Il trend del Mondiale, già cambiato ad Imola, è nettamente favorevole a Rea. Lo dicono le vittorie messe in fila da Johnny, lo conferma la classifica, lo manifesta l'espressione felice del campione che, da quando ha pensato solo a mettere a posto la sua Ninja, ha colmato il gap da Bautista. L'operazione sorpasso, avvenuta a Donington Park, ha ulteriormente incupito Alvaro, che a Laguna ha sbagliato. Per l'ennesima volta. 

Bella differenza psicologica ed emotiva tra i due. Il nordirlandese è duro come una roccia, lo spagnolo molle come un fico d'india. Senza esagerare. Il rookie del team Ducati Aruba ha "bruciato" tutto il vantaggio accumulato, nel giro di poco tempo, sommando errori e prestazioni deludenti. Ad un quattro volte numero 1, non si possono concedere regali di nessun tipo, invece, "Bau Bau" lo ha fatto, rimediando morsi e schiaffi dall'antagonista al titolo.

Avete visto guidare Jonathan? Non sbaglia mai, è un rasoio, contiene manovre in essenziali e veloci cambi di piega, martella. Cattivo come una "bestia", Rea è lanciato verso il quinto alloro finale e non sembra incontrare degni avversari. Con la prima punta Ducati giù, salgono le quotazioni di Davie, oggi secondo. Chaz ha adattato il proprio stile alla V4R, frenando più dolcemente e spigolando meno. Non si fa problemi a dare gas Toprak Razgatlioglu, sul gradino più basso del podio. Bravo il turco, perché su una Kawasaki indipendente, ovvero, non factory.

Terzo posto per Razgatlioglu in Gara 1 SBK a Laguna
Con una Kawasaki indipendente, il terzo posto in SBK di Razgatlioglu ha ancora più valore

La gara "americana" dei piloti giù dal podio

Negli USA, Sykes non è stato efficace quanto e come nelle uscite europee. Tom e la BMW hanno colto un quarto posto, ma con un ritardo da Razgatlioglu importante. La S 1000RR affrontava il Cavatappi e la Wayne Rainey per la prima volta, con evidenti necessità di accumulare chilometri e dati. Alex Lowes ha portato al traguardo la migliore Yamaha del lotto, con una quinta piazza. Non da strapparsi i capelli, anche se Van Der Mark, Baz, Melandri e Cortese sulla stessa R1 sono usciti battuti dall'inglese.

Si è difeso con tutto ciò che aveva ed è arrivato sesto. Bella prova di Jordi Torres, con una ZX-10RR Pedercini veloce ed affidabile. Rinaldi e Laverty hanno finito decimo ed appena fuori dalla top ten, con un dolorante e stoico Eugene, al vero rientro dopo il brutto infortunio rimediato al Santerno. L'italiano Barni e l'irlandese Go Eleven hanno portato punti alla Ducati che, a motori spenti, pensava più che altro allo zero accusato da Bautista. Per Alvaro e la Rossa sembra che il titolo SBK 2019 si stia allontanando.

Ordine di arrivo Gara 1 degli USA

  1. 1 REA GBR Kawasaki Racing Team WorldSBK Kawasaki ZX-10RR 25 1'23.100 253,4 1'21.876 253,4
  2. 7 C. DAVIES GBR ARUBA.IT Racing - Ducati Ducati Panigale V4 R 25 5.693 5.693 1'23.028 260,1 1'21.885 257,6
  3. 54 T. RAZGATLIOGLU TUR Turkish Puccetti Racing Kawasaki ZX-10RR IND 25 12.721 7.028 1'23.389 255,2 1'22.875 251,6
  4. 66 T. SYKES GBR BMW Motorrad WorldSBK Team BMW S1000 RR 25 14.957 2.236 1'23.713 256,4 1'22.444 252,2
  5. 22 A. LOWES GBR Pata Yamaha WorldSBK Team Yamaha YZF R1 25 20.621 5.664 1'23.977 252,2 1'23.076 251,0
  6. 81 J. TORRES ESP Team Pedercini Racing Kawasaki ZX-10RR IND 25 23.087 2.466 1'23.632 251,6 1'22.743 248,1
  7. 60 M. VAN DER MARK NED Pata Yamaha WorldSBK Team Yamaha YZF R1 25 26.491 3.404 1'24.302 251,0 1'23.904 248,1
  8. 76 L. BAZ FRA Ten Kate Racing - Yamaha Yamaha YZF R1 IND 25 30.605 4.114 1'24.286 248,7 1'23.185 244,7
  9. 33 M. MELANDRI ITA GRT Yamaha WorldSBK Yamaha YZF R1 IND 25 32.556 1.951 1'24.462 253,4 1'24.478 249,2
  10. 21 M. RINALDI ITA BARNI Racing Team Ducati Panigale V4 R IND 25 44.432 11.876 1'25.226 258,9 1'23.740 258,9
  11. 50 E. LAVERTY IRL Team Goeleven Ducati Panigale V4 R IND 25 46.792 2.360 1'25.003 255,8 1'23.232 257,6
  12. 36 L. MERCADO ARG Orelac Racing VerdNatura Kawasaki ZX-10RR IND 25 47.091 0.299 1'25.055 253,4 1'23.519 249,8
  13. 52 A. DELBIANCO ITA Althea Mie Racing Team Honda CBR1000RR IND 25 51.830 4.739 1'25.225 248,7 1'24.479 243,6
  14. 11 S. CORTESE GER GRT Yamaha WorldSBK Yamaha YZF R1 IND 25 53.661 1.831 1'24.840 251,0 1'23.562 252,2
  15. 28 M. REITERBERGER GER BMW Motorrad WorldSBK Team BMW S1000 RR 25 1'00.235 6.574 1'24.665 248,7 1'23.454 250,4

Classifica piloti

  1. Rea (Gran Bretagna) 401 punti
  2. Bautista (Spagna) 352 punti
  3. Van Der Mark (Olanda) 215 punti

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.