Mihajlovic, il mondo del calcio si stringe intorno al tecnico serbo

L'allenatore del Bologna si prepara ad affrontare la leucemia e non sarà solo: all'indomani dell'annuncio sono centinaia i messaggi di affetto da parte di club, ex compagni, giocatori e addetti ai lavori.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

C'è chi, come il ct dell'Italia Roberto Mancini, ha condiviso con lui una vera e propria vita calcistica e non manca di ricordarlo in un post che è un mosaico di foto ed emozioni. Ma sono decine i messaggi di affetto via social che arrivano al 50enne tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic, da quasi trent'anni uno dei protagonisti del nostro calcio e costretto adesso ad affrontare la sfida più dura in carriera.

La conferenza stampa che lo ha visto raccontare la scoperta della leucemia, la necessità di affrontare questa battaglia e la convinzione di vincerla ha avuto come naturale reazione l'affetto e la vicinanza di un mondo che conosce bene Sinisa Mihajlovic e che non intende lasciarlo solo: calciatori, ex compagni, giornalisti e club non hanno mancato di raggiungere il serbo con messaggi di stima e di incoraggiamento.

L'effetto si è esteso anche tra i tifosi: le lacrime del guerriero serbo, la ferma volontà di sconfiggere un male così terribile, hanno unito via social davvero tutti, segno che nel corso dei numerosi anni passati in Italia prima come calciatore e poi tecnico - arrivò qui nel 1992, appena 23enne - Sinisa Mihajlovic ha saputo lasciare un segno importante.

Sinisa Mihajlovic

Calciatori, ex compagni e avversari, club e istituzioni: l'abbraccio social a Sinisa Mihajlovic

Appesi gli scarpini al chiodo nel 2006 Mihajlovic ha cominciato la propria carriera di allenatore al fianco di Roberto Mancini, compagno di spogliatoio da calciatore alla Sampdoria e alla Lazio: il commissario tecnico dell'Italia ha voluto ricordare tutte queste esperienze con un mosaico apparso sul suo profilo Instagram accompagnato da un messaggio di incoraggiamento che sottolinea la grande forza dell'allenatore del Bologna e carico di ottimismo.

Immancabili anche gli auguri da parte di numerosi club: dalla Lazio in cui il serbo ha trascorso una parte davvero significativa della carriera come calciatore - 6 stagioni, uno Scudetto, due Coppe Italia, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa UEFA, 193 gare e 33 gol - alla Roma che lo prelevò dalla Stella Rossa nel lontano 1992 portandolo in Italia. Qui fu guidato da Carlo Mazzone, che non ha mancato di ricordarlo come una persona speciale.

Un affetto che è arrivato anche da parte del mondo del giornalismo e della politica, dove non sono mancati i messaggi di affetto dell'ex Premier Matteo Renzi e dell'attuale Ministro dell'Interno Matteo Salvini, uniti come tutti dall'affetto nei confronti di Mihajlovic e pronti a sostenerlo nella dura battaglia che lo aspetta contro una malattia terribile ma che per tutti vedrà l'allenatore serbo uscirne vincitore.

Solidarietà e affetto infine anche da decine tra club, calciatori ed ex compagni di spogliatoio, avversari, semplici tifosi: il mondo del calcio, dello sport e non solo aspetta fiducioso il ritorno in panchina di Sinisa Mihajlovic, che adesso si prepara ad affrontare la sua più grande sfida con la consapevolezza che non sarà solo. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.