Barcellona, ufficiale Griezmann: pagata la clausola da 120 milioni

Il francese lascia l'Atletico e passa in blaugrana, nonostante il veto posto da Messi e compagni. Contratto quinquennale (fino al 2024) con ingaggio a salire e clausola da 800 milioni.

1 condivisione 1 commento

di - | aggiornato

Share

Antoine Griezmann è ufficialmente un giocatore del Barcellona. C'è voluto tanto tempo, molto più di quanto si aspettassero i blaugrana, ma alla fine l'affare di calciomercato che ha portato il francese in Catalogna si è finalmente concluso. La trattativa non è stata facile, perché si è sviluppata in tante piccole tappe che hanno riservato intoppi. Una situazione ai limiti del paradossale, con il presidente Bartomeu che aveva l'accordo con il giocatore e viceversa, ma anche con l'Atletico Madrid abbastanza indispettito dal comportamento del Barça.

Inoltre, come se non bastasse, vanno registrati anche i malumori dei senatori dello spogliatoio catalano, con Leo Messi, Luis Suarez e Gerard Piqué che più volte - e nemmeno in una maniera troppo velata - hanno informato la dirigenza del fatto che la punta colchonera non è che fosse poi così tanto gradita. Poco male, perché il trasferimento che in origine si sarebbe dovuto consumare l'estate scorsa, finalmente è andato in porto. Il francese si unirà al Barcellona legandosi con un contratto quinquennale, un accordo che prevede un ingaggio a salire (i primi due anni a 18 milioni di euro netti, poi 21,23 e l'ultimo a 25) proprio per assicurare al giocatore una centralità futura nel progetto tecnico di squadra. Inserita anche una clausola di ben 800 milioni di euro. 

Inoltre, il presidente Bartomeu ha voluto premiare la forza di volontà di Griezmann, che da mesi si era impuntato per lasciare l'Atletico Madrid. Un atteggiamento comune a molti giocatori, che ha fatto infuriare il numero uno biancorosso Gil Marin a tal punto da paventare l'ipotesi di convocare il giocatore per il ritiro. Il motivo per il quale la trattativa si è sbloccata solo di recente è facilmente intuibile: fino al 30 giugno l'attaccante aveva una clausola rescissoria pari a 200 milioni di euro, una cifra davvero esorbitante per chiunque tentasse di avvicinarlo. Con lo scavallamento al mese successivo, tale valore si è ridotto a 120 milioni di euro, permettendo al Barça di imbastire l'affondo decisivo.

Griezmann, nuovo colpo di mercato del Barcellona, con la Francia
Dopo un anno di inseguimenti e corteggiamento, Antoine Griezmann è ufficialmente un giocatore del Barcellona: il francese lascia l'Atletico Madrid dietro il pagamento della clausola rescissoria da 120 milioni di euro

Barcellona, ufficiale Griezmann: la cronistoria dell'ultimo anno

Le strade di Barcellona e Griezmann si sarebbero già dovute unire la scorsa estate. Durante la sessione di mercato di un anno fa, infatti, l'accordo tra le parti sembrava definito. Per convincere il francese a restare si era dovuto esporre in prima persona Diego Simeone: il tecnico dell'Atleti ha molta influenza sullo spogliatoio e, proprio per questo motivo, era riuscito a convincere il suo punto di riferimento offensivo a non lasciare il gruppo ma anzi, addirittura a rinnovare il contratto. Con il prolungamento del vincolo al club della capitale, il numero 7 si era legato fino al 2023 ottenendo però in cambio un cospicuo aumento di stipendio.

Il rapporto con la piazza però è sembrato incrinato fin da subito, nonostante - per annunciare il suo rinnovo - Griezmann avesse concordato col club un video di una manciata di minuti, nel quale annunciava la sua intenzione a rimanere. Una sorta di scopiazzatura dell'annuncio di LeBron James ai tempi in cui lasciò Miami per tornare a Cleveland, un'idea che però non ha fatto molto piacere ai giocatori più rappresentativi del Barcellona. Che, per tutta risposta, hanno deciso di prendere posizione ponendo un veto sull'eventuale arrivo del centravanti in occasioni future.

Ora però Le Petit Diable è un giocatore blaugrana. Valverde è uno dei pochi a esserne contento: secondo quanto filtra dai media spagnoli, già lo scorso anno fu l'ex allenatore dell'Athletic Bilbao a spingere per il suo ingaggio, mentre Messi e compagni avrebbero visto di buon occhio l'eventuale ritorno di Neymar. In mezzo a tutto questo c'è stata anche la peggiore stagione di Griezmann da quando è all'Atletico, un'annata terminata con appena 21 gol segnati e tante, troppe delusioni.

L'ultima, quella che si dice abbia incrinato definitivamente i rapporti con l'ambiente, si è consumata all'Allianz Stadium di Torino, dove i Colchoneros - dopo essere stati strapazzati ed eliminati dalla Juventus negli ottavi di Champions League - avrebbero anche dovuto incassare le parole di addio da parte dello stesso Griezmann. Un gesto che non è piaciuto per niente alla società, la quale ha sempre considerato il giocatore come uno dei leader tecnici e carismatici della squadra. Ma questo ormai è il passato: da oggi Grizou volta pagina e proverà a conquistarsi il cuore e la fiducia di una piazza che non lo accoglierà certo con i petali di rosa. Ma le potenzialità per far ricredere la gente del Barcellona ci sono davvero tutte.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.