Torino, sparito il data-base del mercato: uno sgarbo di Petrachi?

Il club granata è nei guai: avrebbe perso tutto il data-base con le schede dei giocatori seguiti negli anni nei quali c'era l'attuale direttore sportivo della Roma.

3 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Sono passati quasi 10 anni da quando Gianluca Petrachi, nel dicembre 2009, era arrivato al Torino, giovane e rampante dirigente giunto per affiancare un Rino Foschi che stava per lasciare. E Foschi, infatti, lasciò i granata nel successivo gennaio con un mercato invernale tutto da inventare.

Così l'ex centrocampista di Palermo, Perugia e Nottingham Forest aprì i cassetti delle scrivanie, mise insieme gli appunti che trovò con le sue poche, allora, conoscenze e si mise all'opera. Erano tempi duri quelli per il mercato granata: Urbano Cairo aveva preso pochi anni prima il club per i capelli salvandolo dal fallimento e aveva impostato una gestione all'insegna se non del lacrime e sangue, quanto meno dell'austerity.

Bambole non c'è una lira, insomma, ma Petrachi era abituato a fare le nozze coi fichi secchi: appesi gli scarpini al chiodo nel 2003, era passato subito al ruolo di team manager dell'Ancona, poi al Pisa, prima come responsabile dell’area tecnica e poi con la qualifica di direttore sportivo a 37 anni: una promozione in Serie B e una sfiorata nella massima divisione con Gian Piero Ventura, guarda un po', in panchina.

Torino Petrachi in panchina
Torino: Petrachi è stato ds del club per quasi 10 anni

Torino, sparito il data-base del mercato: colpa di Petrachi?

Lasciato il Pisa nel 2008, era approdato al Torino un anno più tardi, rivelandosi uno degli "acquisti" più azzeccati di Cairo. Il Toro era allora in Serie B, ma grazie anche agli oculati acquisti del suo uomo-mercato, nel 2011 era tornato in Serie A e da allora non si è più mosso. L'abilità del ds granata, originario di Lecce, non è passata inosservata e quest'estate la Roma, al termine di una vicenda tribolata, l'ha inserito nei propri ranghi, nel ruolo lasciato libero da Monchi.

Urbano Cairo
Urbano Cairo: con Petrachi è stata rottura

Un passaggio che non è stato indolore: il presidente granata non ha gradito le voci secondo le quali Petrachi si occupasse del mercato giallorosso prima di dare le dimissioni dal suo club e non ha sicuramente facilitato la sua uscita. Ma ora emergono altri strascichi di un rapporto da tempo difficile: secondo quanto riporta Tuttosport, infatti, l'ex ds granata avrebbe portato con sè l'enorme data-base con le schede su tutti i giocatori seguiti dagli osservatori del Torino nel periodo dell sua permanenza. Nulla di certo, naturalmente, ma ora il nuovo ds granata Bava dovrà ripartire da zero con tutte le difficoltà del caso.

I colpi di Petrachi in granata

In questi nove anni e mezzo al Torino, Petrachi ha collezionato, insieme a qualche inevitabile flop - da Gabionetta a Larrondo, da Gaston Silva a Niang fra gli altri - una belle serie di acquisti che in granata hanno trovato la loro dimensione e si sono ampiamente rivalutati. Impossibile citarli tutti, ma non si può non ricordare fra gli altri Danilo D'Ambrosio, scovato in Serie C a costo quasi zero, Matteo Darmian, Kamil Glik, Alessio Cerci, Ciro Immobile - tutte plusvalenze da favola - Emiliano Moretti e poi ancora Maksimovic, Bruno Peres, Belotti e Sirigu fra i tanti.

Andrea Belotti
Andrea Belotti , uno dei migliori acquisti del Torino di Petrachi

 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.