MotoGP, caso Jorge Lorenzo: il futuro tra smentite e silenzio

Secondo alcune voci del paddock Jorge Lorenzo sarebbe in procinto di dire addio al mondo delle corse. Dall'ambiente intorno al pilota arrivano secche smentite, ma il maiorchino si chiude in silenzio.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il week-end di MotoGP al Sachsenring non è stato movimentato solo dalla vittoria di Marc Marquez che ha messo una seria ipoteca al campionato. Nel paddock circolava voce di un possibile addio di Jorge Lorenzo alla Honda e al mondo delle corse. A monte di questa inattesa decisione ci sarebbe la lunga sequela di infortuni inanellati dal pilota maiorchino a cominciare dal GP di Aragon 2018. L'incidente alla partenza, in parte causato da una manovra al limite di Marc Marquez, gli ha procurato la frattura della caviglia. Poche settimane dopo, un problema tecnico alla sua Ducati ha causato un incidente con conseguente frattura del polso sinistro, costringendolo a prendere parte solo all'ultima gara di Valencia.

Ma la sfortuna per Jorge Lorenzo sembra non avere fine. Dopo l'intervento chirurgico al piede destro nel mese di dicembre, durante un allenamento in moto da cross su una pista privata italiana cade e si frattura lo scafoide sinistro. Partecipa alla presentazione del suo nuovo team Repsol Honda, ma salta il primo test ufficiale a Sepang. E ancora: alla prima gara in Qatar ha rimediato la frattura di una costola, in Catalunya cade ancora, ad Assen il brutto incidente con conseguente doppia frattura vertebrale che ora lo costringe a portare un busto ortopedico.

Questa scia di infortuni, abbinato ad un connubio mai instaurato con la nuova moto, sarebbero le cause che potrebbero spingere Jorge Lorenzo a dire addio alla classe MotoGP. Secondo 'La Gazzetta dello Sport', il pilota avrebbe approssimativamente incassato nel corso della sua carriera 150 milioni di euro, il che non creerebbe pensieri al suo futuro. D'altronde sembra evidente che trovare un punto di equilibrio con la RC213V, una moto disegnata secondo le richieste e le necessità del Cabroncito, è sempre più difficile. Allora perché non appendere il casco al chiodo?

Jorge Lorenzo in sella alla Honda MotoGP
Jorge Lorenzo pilota HRC

MotoGP, Puig: "Ritiro di Lorenzo? Non so niente"

Innanzitutto Jorge Lorenzo è un pluricampione molto professionale e mai si sognerebbe di chiudere anticipatamente il contratto con Honda, unico team ufficiale ad aprirgli le porte un anno fa, dopo l'addio alla Ducati. Già nel 2018 gli era balzata in mente l'idea del ritiro, ma l'ha subito respinta accorgendosi di non poter vivere lontano dai circuiti del Motomondiale. Nelle scorse settimane ci sarebbero stati dei colloqui ufficiosi tra Ducati e il maiorchino, con la Casa di Borgo Panigale che avrebbe chiuso la porta con il rinnovo a Danilo Petrucci (o forse si parlava di futuro?). Un indizio che porta a pensare che Lorenzo non avrebbe nessuna intenzione di gettare la spugna.

La prima smentita alla notizia del ritiro è arrivata dal team manager Albert Puig al termine del GP di Germania.

Non so nulla, so solo che ha rimediato un infortunio ad Assen e si è rotto una vertebra. Lo stiamo aspettando per ritornare a lavorare sul feeling con la moto. Qui siamo tutti pronti a dargli una mano.

La seconda smentita è arrivata dal suo manager Albert Valera, che ha assicurato il rispetto del contratto in scadenza nel 2020. Infine i vertici HRC, per bocca del direttore Tetsuhiro Kuwata, hanno bollato come falsa la notizia dell'addio di Jorge Lorenzo. O quantomeno si spera, perché fino ad oggi la smentita del diretto interessato ancora non è arrivata.

Noi crediamo in lui - ha detto a 'Marca' -, abbiamo sempre rispettiamo i nostri contratti. Vogliamo concentrarci sul raggiungimento del nostro obiettivo con lui. Qualche tempo fa non avevamo intenzione di andare in due direzioni differenti. Adesso è il nostro obiettivo e vogliamo raggiungerlo insieme a lui. Non posso dire molto sul suo contratto, ma speriamo che lo rispetti perché noi crediamo in lui.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.