Serie A, cantieri aperti in diversi stadi: gli effetti sul campionato

Mancano sette settimane all'inizio del campionato 2019/2020 e sono numerosi gli impianti che subiranno interventi più o meno importanti: ecco come potrebbero influenzare il calendario nelle prime giornate.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

A meno di due mesi dall'inizio della Serie A 2019/2020 le 20 squadre che prenderanno parte al campionato sono già pronte a mettersi al lavoro per affrontare al meglio la stagione che verrà: circondati da voci più o meno concrete di calciomercato, i club della massima serie sono alla caccia dei rinforzi necessari per inseguire i rispettivi obiettivi e prossimi a partire per il ritiro, che da oggi impegnerà ad esempio Fiorentina, Napoli e Parma.

7 società, inoltre, ai lavori di rafforzamento della rosa e di preparazione affiancheranno anche quelli legati allo stadio: Atalanta, Bologna, Brescia, Genoa e Sampdoria, Lecce e Napoli sono pronti a sottoporre i propri rispettivi impianti a lavori più o meno importanti, lifting necessari per affrontare al meglio la prossima stagione e che potrebbero influenzare la Serie A al momento della stesura dei calendari.

A fare il punto della situazione è la Gazzetta dello Sport, che analizza uno per uno gli impianti coinvolti e gli interventi a cui questi saranno sottoposti, stimando date in cui i lavori saranno conclusi e ipotizzando gli effetti che gli stessi avranno sul campionato che avrà inizio nel fine settimana del 24 e 25 agosto 2019.

Lo stadio di Genova intitolato a Luigi Ferraris
Lo stadio di Genova sorge nel quartiere di Marassi ed è intitolato dal 1933 a Luigi Ferraris, pioniere del calcio cittadino ed eroe di guerra. Inaugurato nel 1911, è il più antico stadio d'Italia ancora in uso.

Serie A, 7 club al lavoro sugli stadi: la situazione

Partiamo da Bergamo e dallo Stadio Atleti Azzurri d'Italia, acquistato dall'Atalanta nel 2017 e oggetto di lavori di ampliamento e modernizzazione che si concluderanno soltanto nel 2021, quando probabilmente l'impianto cambierà nome trasformandosi in Gewiss Arena. Un impianto moderno e confortevole, che rientrerà nei parametri UEFA per le competizioni europee e che testimonierà l'ormai avvenuta crescita del club orobico. Il quale lavora al massimo per rendere disponibile lo stadio già da settembre, quando arriverà il debutto nell'Europa che conta. Di sicuro l'Atalanta dovrà traslocare a Parma per le prime due giornate, se i lavori non dovessero concludersi in tempo si potrebbe andare alla settima, con conseguente debutto in Champions nella sede alternativa di Reggio Emilia.

Grandi ambizioni anche per il Bologna di Joey Saputo, che dopo aver ottenuto una rocambolesca salvezza nella scorsa Serie A intende rilanciare le proprie ambizioni di medio-alta classifica e per farlo ritiene fondamentale il rimodernamento dello stadio intitolato allo storico presidente rossoblù Renato Dall'Ara. Nelle prossime settimane il club felsineo procederà alla rizollatura del campo dopo la stagione dei concerti estivi, quindi presenterà al Comune il piano definitivo per il restyling dell'impianto cittadino. Più che probabile che per questo la squadra guidata da Sinisa Mihaijlovic chiederà di poter giocare in trasferta la prima di campionato.

Prima giornata in trasferta anche per il neo-promosso Brescia, che sta ristrutturando il Rigamonti: lavori alle gradinate nord e sud e l'inserimento di uno skybox al posto del parterre tra gli interventi di restyling di uno stadio che non vede la Serie A da quasi dieci anni e che con ogni probabilità ricomincerà a vederla dalla seconda giornata del campionato 2019/2020.

Genoa e Sampdoria condividono lo stesso stadio, sorto nel lontano 1911 e intitolato alla memoria del pioniere del calcio e eroe di guerra cittadino Luigi Ferraris: un impianto che come è facilmente immaginabile nel corso della sua lunga storia è stato oggetto di diversi lavori di ammodernamento e ristrutturazione. Quelli che lo riguarderanno quest'estate però sono poca roba: la rizollatura del terreno di gioco, e un parziale restyling della tribuna non dovrebbero impegnare molto tempo e tutto dovrebbe essere pronto per l'inizio del campionato.

Dovrebbe essere tutto pronto prima della prima giornata anche a Lecce, dove il Via del Mare verrà adeguato alla massima categoria - che come a Brescia qui hanno disputato per l'ultima volta nella stagione 2010/2011 - in attesa di futuri lavori di ristrutturazione. Per il momento il club salentino si limiterà a intervenire su illuminazione e sostituzione dei seggiolini, lavori marginali che si concluderanno ben prima del 24 agosto. 

Il Napoli infine: lo stadio San Paolo è stato già oggetto di lavori per le Universiadi che attualmente sono in pieno svolgimento in città. Dopo il 14 luglio, a manifestazione conclusa, il club effettuerà nuovi interventi che potrebbero riguardare la costruzione di nuovi bagni e che sicuramente porteranno al completamento della curva B. La società presieduta da Aurelio De Laurentiis controllerà periodicamente lo stato dei lavori per verificare se sarà necessario chiedere alla Lega Serie A un intervento sul calendario in vista della prima giornata di campionato.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.