Bayern Monaco, Kroos sul ritiro di Robben: "Non me lo aspettavo"

Il centrocampista del Real Madrid è rimasto spiazzato dalla decisione dell'olandese di appendere gli scarpini al chiodo: "Pensavo avrebbe giocato ancora qualche anno".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Testa e cuore sono entrati in collisione. Può suonare paradossale, eppure Arjen Robben, che con le sue giocate ha gonfiato d'emozione il cuore di milioni di appassionati per anni e anni, ha scelto di dare ascolto alla ragione. Da venerdì ha appeso gli scarpini al chiodo, dopo che il Bayern Monaco aveva deciso di non rinnovargli il contratto scaduto lo scorso 30 giugno.

Il 35enne non giocherà più dunque. Eppure aveva diverse proposte sul tavolo (le più interessanti dal punto di vista economico arrivavano dalla Cina e dall'America, quella che più lo intrigava era però arrivata dal PSV Eindhoven), ma a causa dei problemi fisici che da anni lo perseguitano ha scelto di smettere. Nel comunicato con cui ha reso nota la sua decisione ha spiegato quanto sia stato difficile dire basta, proprio perché di testa si sente ancora calciatore, ma, suo malgado, ha dovuto dare ascolto al fisico.

Nel corso della carriera Robben ha vinto 12 campionati in quattro nazioni diverse (Olanda, Inghilterra, Spagna e Germania), in tutto chiude la carriera con 31 titoli. L'anno migliore è senz'altro il 2012-13, quando col Bayern Monaco ha vinto il triplete decidendo la finale di Champions League contro il Borussia Dortmund con un gol all'89'. Quel giorno c'era anche Toni Kroos, che con l'olandese è diventato dunque campione d'Europa. Il centrocampista del Real Madrid si è detto sorpreso dalla decisione dell'olandese:

Pensavo che avrebbe giocato ancora 1-2 anni. Penso però che fosse stanco, specie mentalmente, dei tanti infortuni. Se era egoista? Alla fine ha sempre lavorato per la squadra e ha segnato gol importanti che hanno garantito titoli storici. Ha lasciato un'impronta al Bayern.

Ribery, Kroos e Robben con la maglia del Bayern Monaco
Ribery, Kroos e Robben insieme al Bayern Monaco

Robben si ritira, il padre: "Presto tornerà a Groningen"

Anche da Monaco, sponda Bayern, si dicono spiazzati dalla decisione di Robben di ritirarsi. Joshua Kimmich, che con l'olandese ha condiviso lo spogliatoio fino a qualche settimana fa, ha infatti ammesso di non aver mai preso in considerazione tale ipotesi:

Non pensavo si ritirasse, specie perché ha lottato per tornare a disposizione nelle ultime di campionato. Mi mancherà molto. Quando era in campo sapevi che avrebbe fatto di tutto per vincere. Ha deciso molte partite equilibrate.

Vota anche tu!

Robben ha fatto bene a ritirarsi?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Robben non ha però intenzione di lasciare il calcio. In futuro potrebbe ricoprire un ruolo dirigenziale o al Bayern Monaco o in uno dei suoi vecchi club olandesi (il Groningen e il PSV). Questo anche se suo padre, Hans Robben, ha spiegato che Arjen ha intenzione di staccare la spina per un po':

Per lui è stata una scelta difficile. Il prossimo anno vivrà ancora a Monaco, anche perché i bambini vanno a scuola. Sta costruendo una casa a Groningen, andrà a vivere lì con la famiglia.

Una scelta difficile, che ha mandato in collisione testa e cuore. Arjen Robben però potrebbe presto continuare a scrivere la storia del calcio. Anche se in un altro ruolo e senza la finta a rientrare...

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.