Barcellona nel caos: Bartomeu blocca Griezmann, ma Messi vuole Neymar

Il presidente dei blaugrana deve far fronte alle dimissioni del suo braccio destro e gestire la grana legata al francese, mal visto dallo zoccolo duro dello spogliatoio.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Neymar Junior o Antoine Griezmann? È questo il caso di mercato più spinoso che rischia di far saltare il banco a Barcellona. Dopo anni di campagne acquisti condivise tra squadra e società, in questa lunga estate di trattative il pericolo che il giocattolino possa rompersi sta diventando sempre più concreto. Al centro di tutto c'è la scelta dal prossimo attaccante incaricato di affiancare Messi e Suarez nell'attacco blaugrana. Avercene di questi problemi, direte voi: effettivamente, a una prima riflessione, la situazione che si sta vivendo in Catalogna può risultare paradossale.

Guardandola invece dalla prospettiva opposta, è curioso come da mesi vada avanti una telenovela infinita legata al futuro di Griezmann. L'attaccante francese è in uscita dall'Atletico Madrid, club al quale aveva già comunicato le proprie intenzioni nell'immediato postpartita di Champions League, a pochi minuti dalla clamorosa eliminazione subita in rimonta dalla Juventus. Lì qualcosa con i Colchoneros si è rotto definitivamente, nonostante il legame con l'ambiente biancorosso sia sempre stato abbastanza forte da far superare qualunque tipo di dissapore o fraintendimento.

Dietro a questi mal di pancia c'è sempre stato il Barcellona, convinto da oltre un anno a puntare su questo particolare cavallo: al Camp Nou sono convinti da tempo che il profilo di Griezmann sia l'ideale per rilanciare in grande stile l'immagine della squadra in vista della prossima stagione. L'ex Real Sociedad stuzzica il tecnico Valverde e solletica l'immaginario collettivo, oltre ad andarsi incastrare perfettamente in un tridente ideale completato dagli altri due fenomeni. Tutto bello, se non fosse che a Barcellona Grizou non è (più) ben visto e, la sua figura, rischia di compromettere il rapporto tra spogliatoio e dirigenza.

Josep Maria Bartomeu, presidente del Barcellona
Guai per Josep Maria Bartomeu: il presidente del Barcellona ha incassato le dimissioni del suo braccio destro e deve gestire l'annosa questione legata all'arrivo di Griezmann

Barcellona, Messi contro Bartomeu: la Pulga non vuole Griezmann

A raccontarcelo è il quotidiano spagnolo Marca, da sempre molto vicino alle vicende societarie che riguardano i blaugrana. L'eventuale ingaggio dell'attaccante transalpino avrebbe indispettivo molto Lionel Messi, serafico nel mostrare tutto il proprio disappunto verso il presidente Bartomeu. Che, a sua volta, si sarebbe già imparolato con l'entourage del francese: l'accordo tra le parti, solo da formalizzare, prevede un contratto quinquennale con ingaggio a salire, perché per lasciare la capitale spagnola Griezmann si era detto disponibile a tagliarsi lo stipendio.

La Pulga (ma anche Suarez e Piqué) non vedono di buon occhio l'acquisto, perorando invece la causa di Neymar. Il brasiliano spinge per tornare, ma per rivederlo in blaugrana ci sono da superare parecchi ostacoli economici, come per esempio l'esorbitante richiesta pari a 300 milioni di euro avanzata dal PSG. Eppure Messi lo ha incontrato al termine di Brasile - Argentina di Copa America, occupandosi di portare avanti le pubbliche relazioni a nome di un Barcellona che, adesso, potrebbe trovarsi nella situazione di doverli prendere entrambi.

Marca ha svelato alcuni retroscena che starebbero mettendo in difficoltà Bartomeu: il primo riguarda l'ingaggio globale che andrebbe corrisposto a entrambi, pari a quasi l'80% del fatturato totale del club. Il bilancio potrebbe non reggere una botta del genere: se n'è accorto anche Jordi Mestre, vicepresidente con delega all’area sportiva in carica dal 2010, che ha rassegnato le dimissioni irrevocabili dal suo incarico a causa di conflitti interni nella società. Mestre si è sempre opposto con forza all'arrivo del francese, soprattutto dopo aver sentito le opinioni dei big e aver appreso il malumore abbastanza trasversale dell'ambiente, offeso dal comportamento tenuto dal giocatore lo scorso anno.

Chi snobba il Barcellona deve starci lontano: questo è il sunto della posizione di una piazza che, invece, sarebbe ben contenta di riprendersi indietro Neymar. Il campione verdeoro si sente un ostaggio del PSG e, da tempo, ha cominciato a lanciare messaggi d'amore a Bartomeu. Il numero uno però ha le mani legate dall'affare Griezmann e, come se non bastasse, per acquistare O'Ney dovrà anche liberare un posto da extracomunitario. Altre manovre di mercato in più per un Barcellona che, al contrario di Messi, non sa ancora veramente cosa vuole.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.