Nasce il Campionato Under 18: possibili regole e squadre partecipanti

Il nuovo torneo riservato ai 2002 sarà aperto alle società di Serie A e B e sostituirà parzialmente il Campionato Berretti. Roma e Torino hanno già dato l'OK.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Nell'ultima riunione del Consiglio Federale il Direttore Generale della FIGC Marco Brunelli ha annunciato l'istituzione del Campionato Under 18. Il nuovo torneo dedicato ai classe 2002 partirà in via sperimentale nella prossima stagione, sempre che si raggiunga un numero di squadre sufficiente a far partire il progetto. Per quest'anno la partecipazione è infatti facoltativa e non obbligatoria.

La categoria Under 18 sostituirà parzialmente il Campionato Berretti, che tornerà dunque a essere un'esclusiva delle squadre di Serie C. Nelle ultime stagioni le società di A e B hanno avuto modo di parteciparvi fuori classifica, incontrando le formazioni giovanili dell'ex Lega Pro nella regular season ma venendo separate da queste al momento delle finali.

Una formula evidentemente poco apprezzata dalle big, che adesso avranno la possibilità di alzare il livello della competizione e limare le difficoltà dello step tra l'ex campionato Allievi e l'Under 19. Tanti, infatti, sono i giovani calciatori che faticano a trovare spazio nella loro prima stagione in Primavera, chiusi da compagni più grandi di uno o due anni.

La finale Under 17 tra Roma e Inter: sarà lo stesso in Under 18?
Un'immagine della finale Under 17 tra Roma e Inter, vinta dai nerazzurri. Questo scontro potrebbe riproporsi nel campionato Under 18

Chi parteciperà al campionato Under 18?

Nell'attesa che venga stabilito il regolamento, proviamo a immaginare come sarà il nuovo campionato Under 18. La FIGC punta a formare almeno un girone composto da squadre di Serie A e B, visto che come scritto in precedenza l'iscrizione non sarà obbligatoria. In base al numero di formazioni verrà poi presa una decisione anche riguardo a eventuali playoff per il titolo di campione d'Italia. Il torneo sarà aperto ai calciatori di 17-18 anni (quelli nati nel 2002 per questa stagione); presumibilmente ci sarà spazio anche per due o tre fuori quota del 2001, specie se passerà la richiesta di alzare quelli della Primavera da tre a cinque.

Al campionato parteciperanno sicuramente Roma e Torino, tra le società fautrici di questo progetto. Già qualche settimana fa il responsabile del settore giovanile giallorosso Massimo Tarantino diede la disponibilità per la creazione dell'Under 18, cosa poi ribadita all'indomani della finale nazionale Allievi, persa per 3-1 contro l'Inter guidata dalla stellina Sebastiano Esposito. Anche i nerazzurri daranno probabilmente il loro assenso, così come Atalanta e Sassuolo. Le tre società sono assieme al Torino le uniche di massima serie ad aver partecipato all'ultimo Berretti, terminato con la vittoria dei granata tra le squadre di A e B e con il successo della Virtus Entella nella finale dedicata alle formazione di Serie C. Ma il fatto che Torino, Sassuolo e Atalanta abbiano dominato i propri gironi – i bergamaschi per esempio hanno chiuso con un +16 sui cugini dell'AlbinoLeffe, giunti secondi – ha aiutato non poco lo sviluppo del progetto.

Sì all'Under 18, no all'Under 23

Fabio Pecchia, ex tecnico del Verona
Fabio Pecchia, nuovo allenatore della Juventus B. Prende il posto di Zironelli

Salvo colpi di scena, sarà di nuovo la Juventus l'unica esponente della categoria Under 23. Le società di A sono ancora interessate alla creazione di una seconda squadra, ma le difficoltà nel creare una formazione competitiva e le restrizioni sull'impiego dei calciatori fanno tentennare quasi tutti i dirigenti. Nel frattempo, dopo il dodicesimo posto dell'ultimo campionato, la Juve B ripartirà da Fabio Pecchia, dimessosi un mese fa dalla panchina dell'Avispa Fukuoka, club della seconda serie giapponese.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.