MMA, Dana White: "Non ci sarà mai un altro Conor McGregor"

Notorius è senza se e senza ma la star per eccellenza dell'intero movimento: proprio per questo, secondo Dana White, non esisterà mai nessun altro come lui.

4 condivisioni 1 commento

di - | aggiornato

Share

C'è, c'è stato e ci sarà spazio per un solo Conor McGregor. Per quanto molti fighter del circus delle MMA attuali si sforzino di copiarne l'indole, i modi di fare, il trash talking e il modus operandi in generale è evidente come non ci sia spazio per le libere interpretazioni. Sì perché c'era un modo di comunicare in questo sport prima di Notorius, e poi uno dopo: in quello che però potrebbe sembrare un paragone o una metafora a tratti messianica, è evidente come l'ex champ champ abbia rappresentato un enorme ariete nello sfondamento delle porte del mainstream per le arti marziali miste.

L'approccio comunicativo di McGregor, e parliamo nello specifico di quello mantenuto contro Chad Mendes, José aldo ed Eddie Alvarez, è stato d'altronde fondamentale nell'opera di demolizione mentale dell'avversario, con Notorius che ha fatto breccia nelle sicurezze mentali di alcuni tra gli atleti più importanti dell'ultimo triennio delle MMA targate UFC. Adesso, d'altro canto, si vedono spesso delle pavide imitazioni di atteggiamenti già sdoganati e ormai veramente abusati. Precursori del trash talking di un certo tipo, seppur con modi a tratti più eleganti - paradossale, vero? -, furono Michael Bisping e soprattutto Chael Sonnen, prima dell'avvento di un McGregor che, come chiarito da Dana White, resta comunque inimitabile.

Come sottolineato dallo stesso presidentissimo UFC ai microfoni di Hashtag Sports, infatti, non c'è imitatore che tenga: di Conor McGregor ce n'è uno soltanto.

Quando vedi qualcuno che ha un successo come quello che ha avuto McGregor, e vedi che il tipo è anche divertente e quant'altro, cominci a pensare: "Se mi comporto come lui potrei avere quello che ha anche lui". C'è, però, un solo Conor McGregor: la gente mi chiede spesso se troverò mai qualcun altro come lui, o se lo sto già cercando. Ma la verità è che non ci sarà un altro Conor. Ciò nonostante, qualcuno magari troverà la sua strada e diventerà una star a modo suo.

MMA: McGregor UFC
MMA: Conor McGregor nella conferenza stampa pre-UFC 205.

MMA: Conor McGregor ricorda l'assalto al bus di UFC 223

McGregor che, nel frattempo, ha anche ricordato l'attacco al bus di UFC 223, in cui schiantò un carrello da trasporto sul vetro del veicolo ferendo Michael Chiesa e Ray Borg. La promotion, che prima condannò il gesto, utilizzò poi le immagini come parziale spot di promozione per UFC 229. Notorius, dal canto proprio, non pare affatto essersi pentito, vantandosi addirittura di aver portato tre Rolls Royce nell'area d'attesa del Barclays Centre.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.