Colombia, la paura di Tesillo: minacciato di morte per il rigore fallito

Il difensore, dopo l’errore dal dischetto contro il Cile e la successiva eliminazione dalla Copa America, è in pericolo di vita. Chiusi i profili social. Il padre: “Preghiamo”.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Dopo la delusione, ecco la paura. Il difensore della Colombia, William Tesillo, è stato minacciato di morte dopo aver sbagliato il rigore che è costato alla Colombia la qualificazione alle semifinali della Copa America. Un penalty fallito nella sfida contro il Cile, dopo il quale i Cafeteros sono usciti di scena.

A denunciare il fatto è la moglie del calciatore che milita tra le fila del Leon, in Messico. Insulti e minacce via social, con alcuni screenshot pubblicati e altri rimasti in segreto. Una situazione surreale che fa tornare alla mente l’episodio che vide sfortunato protagonista Andres Escobar, autore di un’autorete costata l’eliminazione alla Colombia nel Mondiale di USA ’94.

Il difensore, ritenuto colpevole della disfatta, fu ucciso a colpi di mitragliatrice pochi giorni dopo il suo ritorno dal torneo. Una storia che spaventa Tesillo e la sua famiglia. Il padre si è subito esposto in difesa del figlio: "Parliamo di un gioco".

Colombia, l'errore decisivo di Tesillo contro il Cile
Colombia, l'errore decisivo di Tesillo: rigore sbagliato e addio Coppa America

Colombia, minacce a Tesillo dopo un rigore sbagliato

Il Cile avanti in Copa America, la semifinale è di Alexis Sanchez e compagni dopo la vittoria ai rigori contro la Colombia. L’errore decisivo è del difensore Tesillo, che calcia fuori un rigore. Addio sogni. Ora il colombiano rischia grosso: minacciati di morte lui e la sua famiglia. La moglie, spaventata, sui social mostra tutte le frasi minatorie e gli insulti. E ora i canali di comunicazione del ragazzo (Instagram e Twitter) sono stati momentaneamente sospesi. Il padre del calciatore, come riportato da Marca, ha ammesso con timore:

Possiamo solo pregare. Bisogna rendersi conto che è calcio, si può vincere e si può perdere.

Colombia, il ricordo di Escobar dopo la morte
Colombia, il ricordo di Escobar dopo la morte nel 1994

Il fattaccio fa ritornare alla mente quanto successo subito dopo USA ’94. Andres Escobar, difensore della Colombia, realizzò una sfortunata autorete che permise agli Stati Uniti di battere i colombiani per 2-1, estromettendoli dalla Coppa del Mondo. Di ritorno a Medellin, fu assassinato a colpi di mitraglia, lasciando il mondo intero tra lo sgomento. Era il 2 luglio del 1994: 25 anni dopo, sembra di rivivere la stessa storia. Perché il calcio è divertimento, e non bisogna mai dimenticarselo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.