Moto3: bis di Arbolino ad Assen, Dalla Porta battuto al fotofinish

Dopo il Mugello, Tony vince anche in Olanda, beffando Lorenzo ed il ceco Kornfeil. Moto2 nelle mani di Fernandez, Binder e Marini sul podio. Contatto tra Baldassarri e Marquez ed entrambi a terra.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Grande inizio domenicale nel Motomondiale di Assen. Nella "Università" delle due ruote, lo spettacolo in pista ha raggiunto livelli tecnici ed agonistici di altissimo livello, offrendo gare divertenti, addirittura risolte al fotofinish. Nella piccola e combattuta Moto3, l'ultimo giro ha risolto una bagarre feroce e tutta italiana. Il milanese Tony Arbolino ha vinto, battendo sul traguardo il toscano Lorenzo Dalla Porta. Quarantacinque i millesimi tra i due, i migliori della entry class oggi.

Se per il pilota del team Snipers è la seconda affermazione stagionale, con il secondo posto il portacolori Leopard rimane agganciato al leader Aron Canet. Lo spagnolo ha finito la corsa in dodicesima posizione, restando in vetta alla graduatoria piloti. In un podio completato dal ceco Jakub Kornfeil, due gradini sono azzurri, come italiani e bravi sono stati Antonelli, Foggia e Fenati, ancora protagonisti ed a punti in Olanda.

La Moto2 ha finito con un episodio e relativa polemica. Le tante cadute hanno spianato la strada e Fernandez, vincitore con merito. Tuttavia, i candidati al primo posto sono scivolati, trai i quali Baldassarri ed Alex Marquez. Lorenzo ed il fratello di Marc si sono toccati, con la Direzione Gara al lavoro per capirne le responsabilità. Sul podio sono saliti Augusto - seconda volta per lui - Brad Binder e Luca Marini. Locatelli, Manzi e Bezzecchi hanno concluso in top ten, in una corsa condizionata da episodi tutti da chiarire. Mentre stiamo scrivendo, sotto le ceneri del Motomondiale covano odori di penalizzazioni. 

Dalla Porta, secondo nella Moto3 di Assen e secondo in campionato
Dalla Porta è, dopo Assen, in seconda posizione di classifica nella Moto3

Motomondiale, Gran Premio d'Olanda: Arbolino saluta tutti dall'alto per la seconda volta in carriera

Tony è salito in cattedra per la seconda volta con una prestazione maschia. Il Van Drenthe non regala nulla, perché alterna lente e "banali" curve a pieghe velocissime e tecniche. Per andare forte ad Assen, servono velocità - Arbolino ne ha da vendere - ed esperienza. Il pilota Snipers cresce in ogni weekend iridato, dimostrando che l'allenamento con Jorge Lorenzo sia utile e proficuo. Dopo tanti giri in gruppo, si sono ritrovati in due a spartirsi il successo. Tony e Dalla Porta.

Lorenzo ed i colori verde acqua Leopard sembravano aver tagliato il traguardo in prima posizione, invece è saltata fuori la Honda rosa e bianca numero 14 nei teleschermi dei cronometristi. Un gap ridicolo tra Arbolino e Lorenzo, appena 25 millesimi. La seconda affermazione del ragazzo di Garbagnate è da considerare una prova di maturità: quarto in campionato, lui è adesso uno dei top rider della Moto3.

Dalla Porta è più regolare nella striscia di risultati. Stesso atteggiamento per Aron Canet, oggi lontano dal podio ma in cima al mondiale. Il pilota della squadra di Max Biaggi è furbo e strategico, sia in sella che nel garage. I consigli del pluricampione romano sono utili, come è utile il dodicesimo posto finale colto dal Aron. Non ha brillato, però il numero 44 lascia Assen da leader della classifica. Per una domenica molto positiva e vestita di azzurro, non è andata bene a Vietti. Celestino non ha finito il Gran Premio, ma si potrà riscattare in Germania. 

Gran Premio di Assen Moto 3, ordine di arrivo

  1. 14 Tony ARBOLINO ITA VNE Snipers HONDA 38'03.113 157.5
  2. 48 Lorenzo DALLA PORTA ITA Leopard Racing HONDA 38'03.158 157.5 0.045
  3. 84 Jakub KORNFEIL CZE Redox PruestelGP KTM 38'04.675 157.4 1.562
  4. 19 Gabriel RODRIGO ARG Kömmerling Gresini Moto3 HONDA 38'05.271 157.4 2.158
  5. 17 John MCPHEE GBR Petronas Sprinta Racing HONDA 38'05.314 157.4 2.201
  6. 79 Ai OGURA JPN Honda Team Asia HONDA 38'05.377 157.4 2.264
  7. 42 Marcos RAMIREZ SPA Leopard Racing HONDA 38'05.549 157.3 2.436
  8. 23 Niccolò ANTONELLI ITA SIC58 Squadra Corse HONDA 38'05.693 157.3 2.580
  9. 7 Dennis FOGGIA ITA SKY Racing Team VR46 KTM 38'05.871 157.3 2.758
  10. 21 Alonso LOPEZ SPA Estrella Galicia 0,0 HONDA 38'06.013 157.3 2.900
  11. 55 Romano FENATI ITA VNE Snipers HONDA 38'06.029 157.3 2.916
  12. 44 Aron CANET SPA Sterilgarda Max Racing Team KTM 38'06.194 157.3 3.081
  13. 22 Kazuki MASAKI JPN BOE Skull Rider Mugen Race KTM 38'06.380 157.3 3.267
  14. 12 Filip SALAC CZE Redox PruestelGP KTM 38'06.850 157.3 3.737
  15. 11 Sergio GARCIA SPA Estrella Galicia 0,0 HONDA 38'15.818 156.6 12.705

Classifica piloti: è ancora duello Spagna - Italia

  1. Canet (Spagna) 107 punti
  2. Dalla Porta (Italia) 100 punti
  3. Antonelli (Italia) 83 punti
  4. Arbolino (Italia) 76 punti
  5. Vietti (Italia) 68 punti
  6. Masia (Spagna) 65 punti

Bis di Fernandez nella Moto2 di Assen, caduta e polemica tra Baldassarri e Marquez

Fernandez ha vinto il Gran Premio di Assen della Moto2
Fernandez è a quota due: suo il successo della Moto2 di Assen

Tanti piloti scivolati, molti protagonisti. Bastianini è caduto, Remy Gardner ha dimenticato la pole con uno zero, poi Bulega, Corsi, Martin, Lowes e Navarro. Fernandez ha vinto - meritatamente - ma lo spagnolo ha avuto una vita un po' più facile, grazie ai numerosi ritiri. L'episodio più delicato in una curva veloce a destra: Baldassarri e Alex Marquez si toccano, finendo nella sabbia entrambi. Fino a lì, tutto "normale".

Non normale la mossa del catalano, che ha tentato di recuperare la propria Kalex, con Lorenzo ancora a terra ed incastrato tra le due moto. Alex ha "spostato" l'italiano, non curandosi delle condizioni del pilota Pons, teoricamente infortunato o, comunque, bisognoso di aiuti. La Race Direction sta valutando dinamiche dell'incidente ed atteggiamento del numero 73. La KTM è uscita dal limbo con il secondo posto di Brad Binder.

Luca Marini ha ottenuto un bel podio, terzo posto per il fratello di Valentino Rossi. I ritiri e l'ordine di arrivo hanno ritoccato leggermente la classifica di campionato, ora condotta da Thomas Luthi. Lo svizzero non è il più veloce del lotto, però sa fare bene i calcoli. Essendo già stato campione nel Motomondiale, il numero 12 - ex iridato 125 - guarda tutti dall'alto, Baldassarri ha perso terreno. Lorenzo va via dall'Olanda con la quinta posizione in classifica.

Gran Premio di Assen Moto2, ordine d'arrivo

  1. 40 Augusto FERNANDEZ SPA FLEXBOX HP 40 KALEX 39'24.779 165.9
  2. 41 Brad BINDER RSA Red Bull KTM Ajo KTM 39'25.391 165.9 0.612
  3. 10 Luca MARINI ITA SKY Racing Team VR46 KALEX 39'28.465 165.6 3.686
  4. 12 Thomas LUTHI SWI Dynavolt Intact GP KALEX 39'28.807 165.6 4.028
  5. 45 Tetsuta NAGASHIMA JPN ONEXOX TKKR SAG Team KALEX 39'30.170 165.5 5.391
  6. 5 Andrea LOCATELLI ITA Italtrans Racing Team KALEX 39'37.906 165.0 13.127
  7. 62 Stefano MANZI ITA MV Agusta Idealavoro Forward MV AGUSTA 39'37.962 165.0 13.183
  8. 23 Marcel SCHROTTER GER Dynavolt Intact GP KALEX 39'38.346 165.0 13.567
  9. 77 Dominique AEGERTER SWI MV Agusta Idealavoro Forward MV AGUSTA 39'44.571 164.5 19.792
  10. 72 Marco BEZZECCHI ITA Red Bull KTM Tech 3 KTM 39'46.070 164.4 21.291
  11. 21 Fabio DI GIANNANTONIO ITA Beta Tools Speed Up SPEED UP 39'48.370 164.3 23.591
  12. 96 Jake DIXON GBR Sama Qatar Angel Nieto Team KTM 39'51.364 164.1 26.585
  13. 3 Lukas TULOVIC GER Kiefer Racing KTM 39'55.596 163.8 30.817
  14. 16 Joe ROBERTS USA American Racing KTM KTM 39'58.901 163.5 34.122
  15. 27 Iker LECUONA SPA American Racing KTM KTM 39'59.185 163.7 34.406

Classifica piloti

  1. Luthi (Svizzera) 117 punti
  2. Marquez (Spagna) 111 punti
  3. Fernandez (Spagna) 92 punti
  4. Navarro (Spagna) 89 punti
  5. Baldassarri (Italia) 88 punti
  6. Marini (Italia) 84 punti

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.