Mondiali femminili, svanisce il sogno dell'Italia: l'Olanda vince 2-0

Dopo un buon primo tempo delle Azzurre, le oranje hanno preso campo, meritando la vittoria. Decidono, nella ripresa, i gol di Miedema e Van der Gragt

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Cuore e orgoglio. Anche se poco rispettate. La nazionale femminile dell'Italia ce l'ha messa tutta nei quarti di finale dei Mondiali contro l'Olanda, ma non è bastato per qualificarsi per le semifinali. Finisce 2-0 per le oranje, che passano il turno grazie ai gol di Miedema al 70', al terzo centro in questa competizione e quello di Van der Gragt all'80'. Le olandesi, nel prossimo turno, incontreranno la vincente della partita fra Germania e Svezia.

Va però sottolineato che decidere di fissare la partita alle 15 in Francia non è particolarmente rispettoso né per le ragazze, apparse ovviamente piuttosto affaticate, né è stata una decisione che ha favorito lo spettacolo. Arrivati ai quarti dei Mondiali, arrivati a livelli così alti, anche queste cose andrebbero tenute in considerazione.

Il commissario tecnico Milena Bertolini ha scelto il 4-4-2, con Bonansea e Giacinti in attacco e Girelli lasciata in panchina per far spazio a Galli per rimpolpare il centrocampo. E infatti nel primo tempo le Azzurre non solo resistono, ma creano le occasioni da gol più pericolose: al 20' è Bergamaschi ad avere sul piede il pallone del vantaggio, ma la numero 2 italiana colpisce debolmente e non riesce a impensierire il portiere avversario. Al 25' ci prova Galli, con un tiro da fuori che esce però di poco. Al 29' si vede per la prima volta l'Olanda, ma sul tiro di Miedema è brava Giuliani. AL 37' occasione colossale per l'Italia: sull'assist di Bergamaschi, Giacinti è imprecisa da ottima posizione.

Nei quarti di finale dei Mondiali femminili l'Olanda batte l'Italia 2-0
Le olandesi esultano dopo il primo gol all'Italia nei quarti dei Mondiali femminili

Mondiali femminili, Italia-Olanda 0-2: la gara

Da quel momento però l'Italia è sparita. L'Olanda prende campo nei minuti finali del primo tempo (creando occasioni con Van Spitze al 42' e Martens al 45'), e domina nella ripresa, quando le Azzurre sembrano in grande difficoltà fisica. Al 50' Miedema spreca una clamorosa occasione non inquadrando la porta di testa. Al 51' Martens si libera bene in area, ma calcia debolmente. Al 58' traversa di Van de Donk che aveva sorpreso Giuliani con un tocco morbido da fuori area, sul rimpallo è imprecisa Spitze di testa. Al 68' è ancora Spitze a sfiorare il vantaggio con un bel tiro da fuori. Al 70' arriva, meritato il vantaggio delle oranje, con Miedema che, su calcio da fermo, anticipa Cernoia di testa e batte Giuliani. 

L'Italia non riesce a reagire e all'80' arriva anche il 2-0: su cross di Spitze è Van der Gragt che di testa svetta su Guagni e batte ancora Giuliani. L'Italia non riesce a reagire e per l'Olanda gestire il vantaggio è piuttosto semplice (l'unica occasione per le Azzurre è capita a Giacinti all'83', ma è bravo il portiere olandese a chiudere la porta). Le oranje fanno girar palla e giocano con il cronometro, fino ad arrivare al triplice fischio dell'arbitro che ne certifica il passaggio in semifinale. Per l'Italia una grande delusione (la Girelli, in panchina, era in lacrime prima ancora del fischio finale), che non può cancellare però quanto di buono fatto nel corso di questi Mondiali. Era dal 1991 che le Azzurre non arrivavano ai quarti (ma all'epoca al torneo non partecipavano ancora 24 squadre) e dal 2006 non ci è mai arrivata nemmeno la nazionale maschile. Per questo, nonostante l'eliminazione, le Azzurre devono essere fiere di quanto fatto. Dopo aver smaltito la delusione se ne renderanno conto anche loro.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.