Copa America, i rigori dicono Cile: Colombia ko, la Roja in semifinale

Il Cile gioca meglio, si vede annullare due rigori dal Var, ma poi trionfa ai calci di rigore. La Roma non sbaglia mai, per la Colombia errore decisivo di Tesillo.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il Cile ai rigori supera la Colombia, conquista la semifinale e continua a sognare il terzo successo consecutivo in Copa America. La Roja gioca meglio una partita comunque equilibrata, tesa, con poche occasioni. La squadra di Rueda però tiene bene il campo, sfruttando il grande lavoro a centrocampo di Pulgar e Vidal, lavorando meglio rispetto ai Cafeteros che invece si affidano soprattutto alle giocate di James. 

Il Cile viene fermato due volte dal Var: la prima dopo un quarto d'ora di match con Aranguiz che infila la porta di Ospina dopo un malinteso tra il portiere e Yerri Mina, ma un fuorigioco in avvio d'azione di Sanchez strozza in gola la gioia ai tifosi cileni che devono replicare l'amarezza al 74', stavolta è il tocco di mano di Maripan che aggiusta il pallone per il destro di Vidal a essere punito dalla tecnologia. 

La Colombia soffre, si rende pericolosa solo da fermo, ma riesce a difendersi e a portare a casa la quarta gara consecutiva con la porta inviolata. La partita si trascina ai calci di rigore e dagli undici metri i giocatori cileni sono perfetti non dando a Ospina alcuna possibilità d'intervenire. Tesillo invece calcia malissimo il quinto penalty e manda in fumo il sogno colombiano di riuscire a esorcizzare finalmente l'incubo Cile che ora aspetta in semifinale la vincente di Uruguay-Perù. 

Copa America, Cuadrado ammonito
Copa America, la sfida tra Cile e Colombia

Copa America, Colombia-Cile: la cronaca della partita

Queiroz tiene in panchina, almeno inizialmente, Duvan Zapata. In attacco ci sono Martinez e Falcao con il supporto di James. Nel Cile tornano Vidal e Fuenzalida dopo il turno di riposo osservato contro l'Uruguay. Primi minuti di studio, le squadre tengono bene le distanze tra i reparti, la prima emozione è il giallo per Aranguiz per un fallo piuttosto ingenuo su Cuadrado.

Al 15' il Cile troverebbe il gol del vantaggio proprio con Araguiz, abile a sfruttare l'errore di Mina e Ospina, ma dopo un lungo check il Var segnala un fuorigioco di partenza di Alexis Sanchez e annulla quindi la rete del centrocampista cileno. Offside veramente millimetrico. Il pericolo scampato sembra dare una scossa alla Colombia che alza il baricentro ma i tentativi di Falcao e Martinez non creano problemi ad Arias. 

È un'illusione perché nel complesso la Roja tiene meglio il campo, è più ordinata e poco dopo la mezzora il colpo di testa di Maripan finisce di poco oltre la traversa. Il Cile fa la partita, Isla imbuca per Edu Vargas che calcia di prima intenzione, ma Mina è provvidenziale e in spaccata tiene il pericolo a distanza dalla porta di Ospina. Poi è Vidal a sfiorare l'incrocio dei pali con un sinistro dai 18 metri. La Colombia si salva ancora. 

La ripresa

Il secondo tempo si apre senza cambi e con una Colombia subito proiettata in avanti: James ci prova su punizione, ma la sua conclusione finisce sull'esterno della rete e dà solo per un momento l'illusione del gol ai tanti tifosi colombiani presenti a San Paolo. Il Cile risponde con Edu Vargas che impegna Ospina dai venti metri, ma il portiere del Napoli risponde in due tempi.

Rispetto alla prima frazione però la squadra di Queiroz è molto più dentro la partita, trascinata soprattutto dalla visione di gioco e dalla classe di James Rodriguez. Poche occasioni, tanti contrasti e ne pagano le conseguenze Vidal e Cuadrado che finiscono sul taccuino dell'arbitro Pitana. Al 74' ancora il Var sulla strada del Cile: Vidal conclude a rete e trova l'angolo basso alla destra di Ospina, ma dopo l'on field review il gol viene annullato per un tocco di mano di Maripan che aveva poi fornito il pallone al centrocampista del Barça.

Quiroz si gioca anche la carta Zapata, ma il finale è tutto di marca cilena; la Roja spinge sull'acceleratore, Isla trova un cross basso per Edu Vargas che però a centro area controlla male e si fa anticipare da Yerri Mina che spazza e allontana quindi il pericolo. Il forcing del Cile però non porta al gol che potrebbe indirizzare la sfida. Sfida che dunque si decide ai calci di rigore. Dal dischetto il Cile non sbaglia mai e il sigillo lo mette Alexis Sanchez, mentre la Colombia recrimina per l'errore di Tesillo e saluta la Copa America. La Roja invece vola in semifinale e sogna il tris. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.