Napoli, De Laurentiis su Manolas e James: "Giochiamo su più tavoli"

Il presidente azzurro non si sbilancia sui principali obiettivi in entrata ed esalta Carlo Ancelotti: "Dobbiamo approfondire con lui, che è un maestro, che tipo di gioco fare".

3 condivisioni 1 commento

di - | aggiornato

Share

Giorni decisivi per i primi colpi di calciomercato in casa Napoli. Non è un mistero che il mirino del club azzurro sia puntato su Kostas Manolas e James Rodriguez, due nomi in grado di spostare gli equilibri tra difesa e centrocampo. Innesti necessari per ridurre il gap dalla Juventus e assicurare a Carlo Ancelotti una rosa ancor più competitiva di quella avuta a disposizione nella stagione 2019/2020.

Mentre il direttore sportivo Cristiano Giuntoli è volato a Montecarlo per discutere i dettagli del legame contrattuale con l'agente di Manolas, Mino Raiola, e James dalla Copa America (dove la sua Colombia è stata eliminata ai quarti dal Cile ai calci di rigore) lancia segnali sul proprio futuro, è toccato al presidente Aurelio De Laurentiis fare il punto sulle strategie adottate dal Napoli nel calciomercato estivo 2019.

Gli affari non viaggiano alla stessa velocità. Per Manolas la trattativa è praticamente in dirittura d'arrivo - alla Roma per il difensore greco andranno 34 milioni, mentre Diawara passerà ai giallorossi per 18 milioni di euro più 2 di bonus, legati al raggiungimento di determinati obiettivi - mentre per James Rodriguez il Napoli deve lavorare sulla formula da condividere con il Real Madrid, con il club azzurro che vorrebbe il calciatore in prestito con diritto di riscatto. Anche per questo De Laurentiis, intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss, non ha voluto dare troppi indizi.

Stiamo giocando su più tavoli per capire il più giusto. 

Calciomercato Napoli, James Rodriguez è un obiettivo concreto per il centrocampo
Calciomercato Napoli, James Rodriguez è un obiettivo da assicurare a Carlo Ancelotti

Calciomercato Napoli, De Laurentiis: "Capiremo con Ancelotti che tipo di gioco fare"

La scorsa stagione è stata quella della transizione tra due idee di calcio differenti come quelle di Maurizio Sarri e Carlo Ancelotti. L'annata 2019/2020, almeno nelle idee di Aurelio De Laurentiis, dovrà essere per il Napoli quella della crescita dal punto di vista della qualità e dell'identità di gioco. Un percorso reso necessario anche da due grandi ritorni sulle panchine di Serie A.

Con l'arrivo di Conte all'Inter e di Sarri alla Juventus, noi dobbiamo approfondire con Ancelotti, che è un maestro, che tipo di gioco fare. 

Raul Albiol ha lasciato il Napoli dopo sei anni e 234 presenze
Raul Albiol ha lasciato il Napoli dopo sei anni e 234 presenze: è passato al Villarreal

Aurelio De Laurentiis ha riservato anche un pensiero a Raul Albiol, che ha salutato il San Paolo in direzione Villarreal dopo sei stagioni in Serie A, con 234 partite giocate e 6 reti all'attivo. Il presidente del Napoli ha spiegato le ragioni che hanno spinto il difensore spagnolo a chiedere la cessione:

Negli ultimi due anni voleva andare via, ma l'abbiamo convinto a restare. Adesso non potevamo più farlo. Abbiamo accettato la sua richiesta perché glielo dovevamo, non possiamo sempre dire di no. Abbiamo fatto crescere Chiriches e Maksimovic accanto a Koulibaly, quindi staremmo a posto. Ma se vogliamo fare qualche passo in più possiamo farlo, ci stiamo provando e vediamo in che direzione andare.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.