MotoGP Assen, FP1/2: Vinales davanti, Rossi 9°. Lorenzo in ospedale

Il week-end di Assen si apre con una brutta notizia per i tifosi di Jorge Lorenzo: il pilota Honda riporta una frattura vertebrale e dovrà restare fuori per molto tempo. Miglior tempo di Vinales, Rossi 9°.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La seconda sessione di prove libere del GP di Assen si apre con una brutta notizia per gli amanti della MotoGP: Jorge Lorenzo ha riportato una frattura alla sesta vertebra dorsale che lo costringerà a restare fuori per almeno un paio di mesi. Il maiorchino della Honda salterà sicuramente la tappa olandese e quella tedesca in programma fra una settimana, prima delle tre settimane di stop del campionato, durante le quali si avranno notizie più chiare sulle sue condizioni di salute. Un periodo davvero sfortunato per Lorenzo, iniziato ad Aragon nella scorsa stagione dopo un contatto con Marquez, poi un altro infortunio in Thailandia, un altro durante la pausa invernale, fino alla doppia caduta a Barcellona di dieci giorni fa.

Le FP2 vedono al comando ancora una volta le due Yamaha di Maverick Vinales, che sfiora il record del circuito detenuto da Valentino Rossi, e di Fabio Quartararo. Inseguono le Ducati di Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso, con il forlivese che ha proseguito il lavoro di test con il nuovo telaio che dovrebbe esordire solo in seguito. Prove di carene aerodinamiche in casa Yamaha: Valentino Rossi ha adottato nel pomeriggio le alette più piccole per avere più agilità nei cambi di direzione, riuscendo a chiudere al 9° posto.

Aprilia ha provato alcune migliorie su elettronica, mappature motore e ciclistica. Piccoli passi avanti che sembrano aver soddisfatto le richieste di Andrea Iannone, autore di una buonissima prestazione in sella alla RS-GP. Per il pilota di Vasto 6° crono a sette decimi dal leader di giornata. Marc Marquez, invece, chiude 7° ma ancora una volta non sembra abbia riservato il venerdì al time attack. Accedono provvisoriamente alla Q2 anche le due Suzuki di Alex Rins e Joan Mir e la Honda di Cal Crutchlow. Intanto HRC rende noto che già da domani Jorge Lorenzo verrà sostituito dal collaudatore Stefan Bradl. La classe MotoGP tornerà in pista sabato mattina alle 09:55 per le FP3.

Maverick Vinales pilota MotoGP
Maverick Vinales pilota Yamaha

MotoGP Assen, FP2: tempi e classifica finale

  1. Viñales, Yamaha, 1'32"638 min
  2. Quartararo, Yamaha, + 0,180 sec
  3. Petrucci, Ducati, + 0,314
  4. Dovizioso, Ducati, + 0,585
  5. Rins, Suzuki, + 0,667
  6. Iannone, Aprilia, + 0,717
  7. Márquez, Honda, + 0,775
  8. Mir, Suzuki, + 0,777
  9. Rossi, Yamaha, + 0,879
  10. Crutchlow, Honda, + 1,089
  11. Bagnaia, Ducati, + 1,177
  12. Abraham, Ducati, + 1,216
  13. Miller, Ducati, + 1,236
  14. Morbidelli, Yamaha, + 1,325
  15. Pol Espargaró, KTM, + 1,333
  16. Nakagami, Honda, + 1,402
  17. Zarco, KTM, + 1,556
  18. Rabat, Ducati, + 1,732
  19. Aleix Espargaró, + 1,899
  20. Oliveira, + 1,990
  21. Syahrin, + 2,612

La prima sessione di prove libere

Nella prima sessione di prove libere MotoGP ad Assen Fabio Quartararo si riconferma pilota da giro secco segnando il miglior crono in 1'33"909. Il rookie del team satellite Petronas SRT si mette alle spalle, ancora una volta, i due piloti Yamaha ufficiali, anche se Maverick Vinales resta incollato al secondo posto con soli 77 millesimi di differenza. Mattinata da dimenticare per Valentino Rossi, che ritarda l'ingresso in pista di circa 15 minuti a causa di un problema al sensore del rivelatore di velocità sulla ruota anteriore. Il Dottore è costretto a compiere pochi giri riuscendo a risalire fino alla 12esima piazza, ma con otto decimi di gap dal best lap.

Nelle FP1 si registrano diverse cadute: la prima di Danilo Petrucci in curva 14: il pilota Ducati si rende autore di un highside che non comporta conseguenze fisiche. NOnostante lo schianto il pilota umbro riesce a siglare il terzo miglior crono del mattino. Diverso destino per Andrea Dovizioso che deve accontentarsi del 13° tempo, probabilmente concentrato più sullo studio del nuovo telaio che sulle prestazioni pure. La terza Desmosedici GP19 di Jack Miller chiude la top-10, soltanto penultimo Pecco Bagnaia che non ha trovato il feeling con l'avantreno. Scivolone anche per Aleix Espargarò che perde l'anteriore della sua Aprilia RS-GP: lo spagnolo, reduce dall'incidente a Barcellona, non ha riportato nessuna conseguenza.

Meno fortunato, invece, Jorge Lorenzo che a pochi minuti dal termine delle FP1 rimedia una brutta caduta in curva 7 dopo aver perso l'anteriore della sua Honda RC213V. Il maiorchino, che stamane aveva a disposizione ulteriori aggiornamenti aerodinamici e piccole modifiche alla carena, è stato subito trasferito al centro medico del circuito olandese e poi trasferito all'ospedale più vicino per ulteriori accertamenti. Reduce dal doppio incdiente in Catalunya, è arrivato ad Assen con dolori alla schiena e al collo. La caduta peggiora le sue condizioni, ma sono stati esclusi danni cerebrali e lesioni alle vertebre. Jorge avvertiva qualche dolore al torace e una certa difficoltà nella respirazione, quindi si è reso necessario approfondire il quadro clinico con una tac total body che lo costringe a saltare la seconda manche di prove libere.

FP1, tempi e classifica finale

  1. Quartararo, 1'33"909
  2. Viñales, + 0,077
  3. Petrucci, + 0,260
  4. Rins, + 0,514
  5. Nakagami, + 0,532
  6. Márquez, + 0,613
  7. Crutchlow, + 0,680
  8. Abraham, + 0,687
  9. Pol Espargaró, + 0,750
  10. Miller, + 0,675
  11. Iannone, + 0,789
  12. Rosis, + 0,837
  13. Dovizioso, + 0,847
  14. Aleix Espargaró, + 1,012
  15. Rabat, + 1,079
  16. Mir, + 1,225
  17. Morbidelli, + 1,591
  18. Loenzo, + 1,752
  19. Zarco, + 1,850
  20. Oliveira, + 1,860
  21. Bagnaia, + 2,259
  22. Syahrin, + 2,412

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.