Inter, la priorità di Conte è Lukaku: prima offerta per il belga

I nerazzurri riflettono su due piste per arrivare al centravanti del Manchester United: attendere e fare cassa oppure provare a chiudere per un prestito oneroso con obbligo di riscatto. In ogni caso il belga è sempre più vicino.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il centravanti ideale che Antonio Conte sogna per la sua Inter, chiamata (quasi obbligata) a rientrare dalla prossima stagione nel giro Scudetto, ha un nome e cognome: Romelu Lukaku. È il poderoso centravanti belga l'obiettivo principale di un calciomercato che vedrà i nerazzurri impegnati su più fronti, tra giocatori in entrata e altri in uscita in un difficile tentativo di far quadrare il cerchio e migliorare la squadra senza però perdere d'occhio i bilanci.

Più di Edin Dzeko, Lukaku rappresenta il centravanti ideale nella mente di Antonio Conte, capace di farsi sentire in area avversaria ma anche abile nell'aprire spazi per gli inserimenti dei compagni. 15 gol in 45 partite nel'ultima stagione, il belga ha appena 26 anni e il potenziale per fare molto meglio, soprattutto se circondato dalla fiducia di compagni e mister. Quella che è mancata nell'annata appena conclusa al Manchester United, dove il rapporto con Solskjaer non è mai decollato.

Il Manchester United se ne libererà e intende farlo nel corso di questa sessione di calciomercato, volontà che incoraggia l'Inter, ma non intende certo svendere un giocatore ancora giovane e con qualità comprovate: i Red Devils chiedono almeno 75 milioni di euro per il belga di origini congolesi, forse potrebbero bastarne anche 10 in meno, ma certo in questo momento Marotta e Ausilio non dispongono di certe cifre. Eppure l'affare si potrebbe fare comunque.

Romelu Lukaku, braccia sui fianchi

Calciomercato, le due opzioni dell'Inter con Lukaku: attendere o stringere subito?

Per arrivare a Lukaku e fare felice Antonio Conte, infatti, l'Inter ha davanti a se due strade e deve decidere quale percorrere: quella dell'attesa, che si traduce nel tentativo di cedere prima qualche elemento per poi presentarsi a Manchester con i soldi in mano, oppure quella che potrebbe portare a chiudere subito, magari con un prestito oneroso con obbligo di riscatto.

Secondo Sky Sport è di quest'ultima opzione che si sta parlando in queste ultime ore: l'Inter potrebbe versare 10 milioni di euro al Manchester United per avere subito in prestito Romelu Lukaku e poi fissare un obbligo di riscatto per l'estate 2020, quando i vincoli di bilancio dovrebbero essere meno stringenti, pari a 60 milioni. In questo caso i conti dovrebbero essere salvaguardati e i Red Devils, che non intendono tenere il giocatore e non hanno altri acquirenti alla porta almeno per il momento, accontentati.

Rimane comunque da verificare la posizione del club inglese, che registrata la volontà dell'Inter di prendere a tutti i costi Lukaku potrebbe anche tirare la corda rifiutando un pagamento così dilazionato nel tempo. A quel punto tornerebbe attuale la strada dell'attesa, ipotizzata dalla Gazzetta dello Sport in edicola oggi e che passa attraverso a qualche cessione eccellente: detto che la situazione legata a Mauro Icardi è ancora in alto mare, e di fatto lo pone fuori dalle trattative almeno per il momento, a partire potrebbero essere Perisic in direzione Premier, Nainggolan, Joao Mario (piace al Monaco), Dalbert e Borja Valero.

Voci dalla Premier League parlano di un Manchester United pronto a voltare pagina: Rashford, che sembrava in partenza, è vicino al rinnovo mentre i Red Devils preparano un'offerta-monstre per Aubameyang dell'Arsenal. Vero è che a differenza dell'Inter i Red Devils non devono pesare il bilancio con il cucchiaino, ma in caso di arrivi in attacco la presenza in rosa di Lukaku potrebbe diventare ingombrante e il suo prezzo scendere. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.