Scaloni record in Copa America: primo allenatore ammonito nella storia

Qatar-Argentina passerà alla storia per il cartellino giallo rimediato dal ct per eccesso di proteste. Si tratta della prima ammonizione dopo l'ingresso delle nuove regole FIFA.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La sua Argentina ha guadagnato sul campo il pass per i quarti di finale della Copa America 2019 superando il Qatar per 2-0 ed evitando un autentico flop, ma a catturare l'attenzione nell'ultima giornata del gruppo B è stato il ct dell'Albiceleste Lionel Scaloni. Tutto "merito" di una sanzione disciplinare inflitta dall'arbitro cileno Julio Bascuñán.

Messi e soci hanno confezionato una vittoria che, unita al contemporaneo ko del Paraguay contro la Colombia, ha permesso di conquistare l'accesso alla fase a eliminazione diretta e di evitare l'ennesimo psicodramma nella storia recente dell'Albiceleste dopo i flop nei Mondiali 2018. Non si può però dire che Scaloni abbia vissuto la partita contro il Qatar con serenità. Il commissario tecnico si è spesso speso in proteste a carico della squadra arbitrale, anche quando la sua squadra era avanti di due reti grazie ai centri di Lautaro Martinez e Sergio Aguero.

A provocare l'ammonizione è stato un gesto di stizza di Scaloni: dopo la mancata seconda ammonizione a carico di un calciatore del Qatar, l'ex difensore della Lazio ha perso la pazienza e ha scagliato una bottiglietta d’acqua sul terreno di gioco. Dopo l'ennesimo richiamo a carico della guida della Seleccin, l'arbitro Bascunan ha deciso di prendere una decisione a suo modo storica per la storia della Copa America. Il fischietto cileno ha infatti redarguito Scaloni, invitandolo a restare nella sua area tecnica, e successivamente gli ha mostrato un cartellino giallo.

Copa America, le proteste sono costate un'ammonizione storica al Ct dell'Argentina Scaloni
Copa America, le proteste costano un'ammonizione storica al Ct dell'Argentina Scaloni

Copa America, Scaloni e l'ammonizione: tutta "colpa" delle nuove regole FIFA

Non è la prima volta che le strade dell'arbitro cileno e dell'Argentina si incrociano dando vita a episodi sin lì inediti. Era già successo nel settembre 2016, in occasione della partita vinta dall'Albiceleste per 1-0 contro l'Uruguay: allora Bascunan tirò fuori per due volte il cartellino giallo nel corso del primo tempo a carico di Paulo Dybala, decretando di fatto la prima espulsione nella sua carriera in nazionale. Questa volta, però, la dinamica del provvedimento è molto più curiosa.

Scaloni ha pagato la sua irruenza con l'applicazione delle nuove regole imposte dalla FIFA, in base alle quali nel corso della partita l’arbitro è autorizzato ad ammonire anche gli allenatori ed i collaboratori. Il ct dell'Argentina è entrato così nella storia, ma non nel modo in cui avrebbe voluto. Per quello ci sarà tempo: la sua nazionale ha conquistato i quarti di finale e contro il Venezuela darà il via alla seconda fase di un cammino diretto verso un trofeo che manca in bacheca dal 1993.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.