Formula 1, Leclerc: "Mercedes davanti". Vettel: "Pensavo meglio"

Le dichiarazioni dei piloti Mercedes e Ferrari dopo la prima giornata di prove libere sul circuito Paul Ricard di Le Castellet.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La prima giornata di prove libere del Gran Premio di Francia di Formula 1 è ormai archiviata. Anche sul circuito Paul Ricard di Le Castellet è stata la Mercedes a farla da padrona.

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas hanno fatto doppietta sia al mattino che al pomeriggio, con l'inglese che si è preso il miglior tempo in FP1 e il compagno in FP2. Oltre che sul giro secco, anche nelle simulazioni di passo gara le Frecce d'Argento sono state superiori. Ci si aspettava qualcosa di più dalla Ferrari, che in Francia si è presentata con delle importanti novità aerodinamiche, in particolare la nuova ala anteriore.

In entrambe le sessioni Charles Leclerc è stato davanti a Sebastian Vettel, ma comunque nella scuderia di Maranello ci sarà del lavoro da fare sulla SF90. La FP3 di sabato mattina sarà un turno molto importante per migliorare in vista delle qualifiche e anche della gara. Serve trovare alcuni decimi per potersela giocare meglio domenica. Al momento, sul passo la Ferrari deve temere pure la Red Bull.

Lewis Hamilton nel box Mercedes Formula 1
Hamilton e Bottas devono sistemare solo dei dettagli, la Mercedes è superiore in Francia.

Formula 1, GP Francia 2019: le parole di Hamilton e Bottas dopo le prove libere

Hamilton è contento dell'avvio suo e del team Mercedes nelle prove libere di Le Castellet. La W10 si è confermata la monoposto migliore e il cinque volte campione del mondo di Formula 1 pensa che ci siano le premesse per un grande fine settimana in Francia.

Non è stato un brutto modo di iniziare il weekend - ammette Lewis -. C'è poco grip in pista e siamo stati tutti un po' in difficoltà. Alcune curve hanno l'asfalto nuovo e dunque ci sono stati degli errori. Abbiamo un buon passo, ma dobbiamo ancora lavorare per trovare il giusto setup. Io e Valtteri abbiamo chiuso in testa le sessioni, penso serva solo sistemare i dettagli.

Soddisfazione anche per Bottas, che comunque non vuole sottovalutare la concorrenza in vista del sabato di qualifiche. Nonostante il suo basso profilo, è però evidente che la scuderia di Brackley abbia tutti i pronostici a favore per il weekend.

Difficile dire chi ci potrà dare più fastidio in qualifica - spiega Valtteri -. Non è la prima volta che al venerdì ci troviamo così avanti e poi al sabato qualche team trova qualcosa per mettere in pista una macchina più veloce. Dobbiamo restare concentrati su noi stessi, pensando ai dettagli che ci possono permettere di migliorare nelle qualifiche.

Sebastian Vettel nel box Ferrari Formula 1
Vettel e Leclerc speravano che gli aggiornamenti Ferrari producessero effetti migliori in Francia.

Vettel e Leclerc avevano aspettative migliori a Le Castellet

Leclerc è molto onesto nell'ammettere che la Mercedes in questo momento è avanti rispetto alla Ferrari. Ovviamente c'è l'auspicio di poter fare qualche progresso, ma rimane complicato pensare di giocarsi pole position e vittoria in Francia.

Abbiamo un po' sofferto con le gomme - confessa Charles - e abbiamo fatto tante prove. Vediamo domani quando metteremo tutto assieme. Sicuramente sarà difficile andare a prendere la Mercedes, sono stati molto forti oggi anche sul passo gara. Speriamo comunque di riuscire ad avvicinarci.

Vettel un po' amareggiato oggi a Le Castellet, sia per la poca efficacia delle novità portare dalla Ferrari sulla SF90 che per la decisione dei commissari sul GP del Canada. Infatti, l'istanza di revisione presentata dalla scuderia di Maranello è stata respinta, dunque la vittoria di Montreal rimane ad Hamilton.

Non abbiamo avuto sensazioni non troppo buone con i nuovi aggiornamenti - ammette Seb -. C'è tanto lavoro davanti a noi. Le novità non hanno portato i vantaggi che ci saremmo aspettati, vedremo cosa riusciremo a trovare per cercare di andare meglio sabato. L'istanza respinta sul GP del Canada? Non sono stupito. Ovviamente c'è delusione, ma ormai dobbiamo guardare avanti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.