Roma, tifo più forte delle difficoltà: abbonamenti in aumento

Nonostante gli addii di Totti e De Rossi, si registrano 3800 tessere in più rispetto allo stesso periodo del 2018. Ad agevolare il dato l'apertura anticipata della vendita libera.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Una stagione terminata al sesto posto e fuori dalla Champions League, passando per un'umiliante eliminazione dalla Coppa Italia con il 7-1 per mano della Fiorentina. L'addio inatteso a Daniele De Rossi e la separazione burrascosa con Francesco Totti. La possibile partenza di due big come Kostas Manolas ed Edin Dzeko. Dinamiche che la Roma ha vissuto e sta attraversando negli ultimi mesi, ma per i tifosi giallorossi l'amore per la maglia conta più di ogni altra cosa: a dimostrarlo, i dati emersi nella prima fase della campagna abbonamenti 2019/2020.

La sessione iniziale di sottoscrizioni, conclusa nella giornata di giovedì 20 giugno, ha infatti rivelato un dato significativo: gli abbonamenti sottoscritti sono stati 16.300, ben 3800 in più rispetto allo stesso segmento della scorsa annata, quando la Roma era reduce da una semifinale di Champions League e aveva chiuso la Serie A in terza posizione con 77 punti all'attivo.  I numeri raccontano quindi una fede calcistica che neanche davanti alle crisi di risultati e ai tanti cambiamenti societari molla di un centimetro.

Questa mattina alle 10 ha avuto il via la seconda fase della campagna abbonamenti e l'obiettivo primario è mantenere inalterato il trend positivo rispetto alla scorsa stagione: allora la fase di rinnovo si chiuse con 17.266 sottoscrizioni, mentre i nuovi abbonati furono 12.506, per una cifra globale di poco meno di 30mila tesserati. Un tetto che la tifoseria giallorossa potrebbe superare.

28 maggio 2017, il saluto di Francesco Totti alla Roma in uno stadio Olimpico sold out
28 maggio 2017, il saluto di Totti alla Roma in uno stadio Olimpico sold out

Roma, la campagna abbonamenti va di corsa: ecco perché

Se i numeri della prima fase della campagna abbonamenti sembrano però in contrasto con il sentiment che sta circondando la nascita della nuova Roma targata Paulo Fonseca, non per demeriti dell'allenatore ma per le recenti scelte assunte dalla dirigenza giallorossa, ci sono anche due spiegazioni "tecniche". La prima risiede nel fatto che rispetto al passato la società ha aperto sin dai primi giorni la vendita libera, bypassando di fatto il periodo di prelazione. Nelle 16.300 tessere staccate sono quindi inclusi sia coloro che hanno esercitato il diritto di prelazione sul loro abbonamento che chi ha potuto comprarne uno nuovo. Per capire quanto i numeri siano influenzati da questa nuova procedura, occorrerà aspettare i primi giorni della fase 2 e capire a che ritmi procederà la vendita libera.

L'abbraccio dei compagni di squadra a De Rossi nel giorno dell'addio alla Roma
L'abbraccio dei compagni di squadra a De Rossi nel giorno dell'addio alla Roma contro il Parma

L'altra ragione alla base del segno + è legata a una motivazione squisitamente tecnologica. La presenza del nuovo abbonamento digitale - con l'app dedicata "As Roma il mio posto" - rende possibile la sottoscrizione di un abbonamento via smartphone o dal divano di casa, senza doversi per forza recare in uno store. Risultati? Tempi di attesa estremamente ridotti, che potrebbero aver persuaso qualche tifoso che temeva di incorrere in lunghe file per acquistare una tessera. Al netto delle semplificazioni, resta però il patrimonio umano che lega la maglia giallorossa ai suoi sostenitori. Il dato da cui ripartire in vista della prossima stagione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.