Campionato di Serie B 2019/2020: le 20 squadre al via

Con la promozione del Trapani, si completa il quadro della seconda serie nazionale. C'è anche il Palermo, dopo la bufera di fine campionato.

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

È stato un altro finale di stagione travagliato, con il futuro del Palermo che ha messo in discussione i playoff e i playout fino all'ultimo momento, sollevando anche le feroci proteste di chi è stato condannato proprio dalla posizione dei rosanero e dell'esito a cui si è giunti. Nonostante il polverone, a metà giugno la Serie B 2019/2020 può dirsi finalmente al completo. Gli ultimi verdetti hanno eletto le ultime squadre che faranno parte delle 20 concorrenti in cadetteria, una in più rispetto alle 19 dello scorso anno.

La promozione del Trapani ha aggiunto una siciliana nel prossimo campionato, escludendo un Piacenza beffato per due volte al rush finale tra regular season e playoff. Ce l'ha fatta anche il Pisa, che ha vinto in casa della Triestina e si è assicurato un posto nella Serie B della prossima stagione. Salutano la categoria, invece, le 4 retrocesse: Carpi e Padova già fuori dai giochi prima dell'ultima giornata, poi la rabbia del Foggia e soprattutto quella del Venezia retrocesso ai playout. Festa per Brescia, Lecce e Verona, che lasciano il posto a Chievo, Frosinone ed Empoli dalla Serie A.

Ancora da designare le date di inizio e fine campionato, tra le priorità della Lega Serie B nei prossimi giorni. Il ritorno a 20 squadre non cambia la formula per playoff e playout: agli spareggi promozione si qualificheranno dalla terza all'ottava, la sfida per non retrocedere direttamente sarà tra la quintultima e la quartultima.

 Squadre Serie B 2019/2020: Brescia campione nell'ultima stagione, chi sarà il successore?
Brescia campione nell'ultimo campionato cadetto: chi sarà il successore?

Squadre Serie B 2019/2020: i 20 club iscritti al campionato

Campania e Toscana saranno le regioni maggiormente rappresentate nella prossima Serie B: 3 squadre a testa, seguite dalle 2 di Calabria, Liguria, Sicilia e Veneto. Solo una, invece, per Abruzzo, Friuli Venezia-Giulia, Lazio, Lombardia, Marche e Umbria. C'è una squadra esordiente nella categoria: è il Pordenone, che ha vinto il girone B di Serie C ed è approdato per la prima volta in cadetteria. Queste le squadre ai nastri di partenza:

Ascoli

Dopo il 13° posto dello scorso anno, l'unica rappresentante delle Marche tra le squadre di Serie B si prepara ad affrontare il quinto anno consecutivo tra i cadetti. Dopo tante salvezze conquistate più o meno in anticipo, i bianconeri sperano in un anno senza patemi. Nel frattempo, è stata ultimata la manutenzione della tribuna Est dello stadio Del Duca. L'entusiasmo legato alla conclusione dei lavori potrebbe essere uno stimolo per gli investimenti anche nell'organico. I tifosi potrebbero trascinare la squadra in un campionato più sereno e positivo.

Benevento

Secondo anno consecutivo in Serie B per i sanniti, reduci dalla sconfitta nei playoff contro il Cittadella. Eliminazione inaspettata per i giallorossi, che in Veneto avevano anche vinto l'andata dello spareggio, prima del crollo in casa. Vigorito si prepara ad allestire un'altra squadra ambiziosa e determinata a lottare per i piazzamenti più importanti del campionato, come ammesso nella recente conferenza stampa. Il Benevento si ricandida per un approdo in Serie A al termine della stagione.

BN
Il Benevento proverà a tornare in Serie A dopo il clamoroso tonfo col Cittadella nei playoff

Chievo

Quello del Chievo è un ritorno tra le squadre di Serie B dopo la retrocessione della stagione 2006/2007. Dopo oltre un decennio di permanenza ininterrotta in Serie A, i veneti scendono di categoria e lo fanno con l'obiettivo dell'immediata risalita. È stata la prima squadra ad abbandonare matematicamente la massima serie: la prossima stagione sarà la prima senza lo storico capitano Sergio Pellissier, che ha dato l'addio a fine campionato. Non ci sarà il derby con il Verona, fresco di promozione tramite playoff: avvicendamento tra le due gialloblù.

Pellissier
Sarà il primo anno del Chievo senza Sergio Pellissier

Cittadella

Sconfitto in finale playoff proprio dal Verona, il Cittadella ha visto sfumare il sogno della prima, storica promozione in Serie A nonostante il 2-0 dell'andata. È la seconda squadra veneta in campionato, nonché altra partecipante ad alta quota. Il Tombolato ha voglia di lasciare la Serie B per provare palcoscenici nuovi e più prestigiosi, ma la lotta per la promozione sarà ancora durissima. La squadra di Venturato ha accumulato esperienza anche in tal senso, passando dall'impresa contro il Benevento alla cocente delusione nella finale tutta veneta.

Cosenza

Nonostante fosse data tra le candidate alla retrocessione, il Cosenza ha sorpreso tutti raggiungendo una salvezza senza particolari affanni. Da ultima arrivata in Serie B dopo i lunghissimi playoff di Serie C della scorsa stagione, la squadra calabrese ha centrato la permanenza con largo anticipo rispetto ad avversarie più quotate, togliendosi parecchie soddisfazioni. Anche quest'anno, dalle parti del Marulla, ci si aspetta una stagione serena e ricca di entusiasmo, magari al punto da trascinare i silani verso qualcosa di più importante.

Cremonese

Playoff mancati per un soffio, dopo una buona fetta di campionato trascorsa anche a ridosso della promozione diretta. La Cremonese potrebbe riprovarci quest'anno, nelle vesti di unica squadra lombarda rimasta in Serie B dopo la promozione del Brescia. I grigiorossi dovranno sgomitare parecchio in un campionato dalla concorrenza spietata, evitando di mollare nelle fasi finali della stagione. Obiettivo alla portata dopo l'esperienza accumulata nei mesi scorsi: sarà la terza stagione consecutiva in cadetteria.

Crotone

Il flop della scorsa stagione, in cui ci si aspettava una lotta serrata per il ritorno in Serie A, ha lasciato con tante perplessità il pubblico di Crotone, distratto anche dal futuro dello stadio. Lo Scida, inoltre, potrebbe ospitare anche le partite interne del Lecce in massima serie, qualora il Via del Mare non dovesse ottenere l'ok. È importante, però, ritrovare risultati convincenti: in Calabria c'è ancora entusiasmo, ma la seconda stagione consecutiva in Serie B deve rispondere alle aspettative dei tifosi.

Empoli

Una retrocessione dolorosa, dopo una disperata rincorsa a Genoa e Fiorentina. L'Empoli ha abbandonato la Serie A e ha raggiunto la ricca schiera di toscane in Serie B, con l'obiettivo di rimanerci il meno possibile. Pur con l'addio imminente di Krunic e diversi pezzi pregiati già sul mercato, la sessione estiva potrebbe essere d'aiuto per costruire una squadra di vertice, capace di ritornare in massima serie in tempi brevissimi. Dalle cessioni potrebbero arrivare cifre consistenti da reinvestire per un campionato ad altissima quota.

Empoli FC
La delusione dell'Empoli dopo la retrocessione

Frosinone

La seconda retrocessa dalla Serie A vive ancora sulla scia dell'entusiasmo per il nuovo stadio. Lo Stirpe è uno dei più moderni d'Italia e può essere la spinta per un immediato successo anche in Serie B. Il Frosinone si sta abituando all'altalena tra le prime due serie del calcio italiano e l'obiettivo della prossima stagione è dichiaratamente quello di risalire la china. Evitare i patemi del 2018, con la promozione diretta sfumata col Foggia e con la bufera nei playoff con il Palermo, è la speranza dei ciociari, decisamente più propensi a vincere il campionato.

Frosinone calcio
Poche gioie per il Frosinone in Serie A, dove però proverà a tornarci durante questa stagione in Serie B

Juve Stabia

La Serie B riabbraccia le vespe, assenti dalla stagione 2013/2014. La Juve Stabia ha dominato il girone C di Serie C, dal quale è arrivata anche la promozione del Trapani, a lungo unica concorrente dei campani prima della fuga decisiva dopo lo scontro diretto vinto al Menti. Per i gialloblù si apre un'estate importante, in cui dovranno gettare le basi quantomeno per la permanenza in cadetteria. L'obiettivo non sarà facile, considerando la concorrenza, ma c'è una buona base di partenza con elementi già pronti per la nuova sfida nella categoria superiore.

Livorno

Una salvezza conquistata in extremis e con qualche sofferenza di troppo, nonostante le paure maggiori toccassero a Salernitana, Venezia e Foggia. Per gli amaranto, che l'anno scorso erano neopromossi, sarà importante un upgrade per tornare ai piani più alti della Serie B. Uno degli stimoli più forti arriva da un testa a testa che potrà emozionare tifosi della squadra e non: il Livorno ritrova il derby con il Pisa, stavolta nella seconda serie nazionale. La sfida con i nerazzurri potrebbe essere d'aiuto anche sulla lunga distanza.

Palermo

Senza dubbio il centro della Serie B, sia per quel che riguarda la stagione appena conclusa sia per la prossima. Dopo essere stata esclusa dai playoff a causa della penalizzazione, il Palermo ha evitato in extremis un'ulteriore retrocessione in Serie C, sanzione inflitta in primo grado poi annullata dalla Corte d'Appello federale, che ha optato per il -20 nella stagione appena conclusa. Niente spareggi, rischi per l'iscrizione al prossimo campionato da formulare entro il 24 giugno, un anno con tanti punti interrogativi pronto a cominciare. Sul futuro del Palermo c'è ancora tanto da capire.

Palermo US
Tanti punti interrogativi intorno al Palermo: dopo la bufera di fine stagione, si passa all'iscrizione

Perugia

Dopo 4 sconfitte ai playoff nelle ultime 5 partecipazioni in Serie B, il Perugia spera che sia l'anno giusto per progettare l'approdo in Serie A. Una lunga assenza dalla massima serie per gli umbri, che proveranno a rimanere aggrappati agli spareggi promozione, con una piccola speranza di avventurarsi anche in posizioni più favorevoli. L'ottavo posto di questa stagione, ultimo piazzamento utile per i playoff, è arrivato grazie alla penalizzazione del Palermo: serve qualcosa in più per far parte della concorrenza ai piani alti.

Pescara

Tra le numerose candidate per la promozione c'è anche il Pescara, reduce dal quarto posto della stagione 2018/2019 e dall'eliminazione in semifinale playoff. Gli abruzzesi speravano di ripercorrere il cammino del 2016, culminato con la promozione in massima serie dopo gli spareggi, ma il sogno si è infranto alla penultima curva. Il prossimo campionato vedrà la squadra di Sebastiani nuovamente tra le potenziali concorrenti di vertice, con l'obiettivo di riportare l'Adriatico tra gli stadi della Serie A.

Pisa

Promosso dopo una cavalcata trionfale, fatta soprattutto di strappi decisivi in trasferta, il Pisa è ancora sotto l'effetto dei festeggiamenti post-Trieste. La vittoria in finale playoff di Serie C ha catapultato i nerazzurri in cadetteria dopo 2 anni di assenza. Stagione ancora tutta da programmare per i toscani, che però ritrovano lo storico derby con il Livorno dopo l'ultimo faccia a faccia in terza serie. La posta in gioco è ancora più alta, ma è la salvezza a dover essere conquistata al più presto.

Pordenone

Prima, storica partecipazione alla Serie B per il Pordenone, che nel passato recente vanta già una trasferta a San Siro contro l'Inter in Coppa Italia. Per i ramarri è arrivata la vittoria del girone B di Serie C, un traguardo quasi mai in discussione dalle fasi iniziali del campionato. Salito alla ribalta per le divertenti trovate di marketing e comunicazione, sarà l'unico club del Friuli Venezia-Giulia in corsa: la Triestina, sconfitta dal Pisa in finale playoff, non è riuscita a fare il bis regionale. Da esordiente, il Pordenone è ancora un punto interrogativo ma può essere la mina vagante.

Salernitana

Le preoccupazioni maturate a campionato in corso rischiavano di diventare una triste realtà. La permanenza in Serie B è arrivata soltanto dopo i rigori nel playout contro il Venezia, vinto tra le polemiche in trasferta. La Salernitana, che da diverse stagioni prova a fare il salto di qualità per giocarsi un posto in massima serie, continua a navigare a vista. La piazza granata è spaccata sul ruolo di Lotito e Mezzaroma, che però rimarranno alla guida del club anche nell'anno del centenario. Provando, magari, a regalare qualcosa in più rispetto ad una salvezza risicata.

Spezia

I liguri tornano a disputare i playoff dopo un anno di assenza, ma l'esito non è quello sperato e l'esperienza si conclude al primo turno. Il 6° posto è comunque un risultato onorevole e soprattutto una buona base di partenza anche per la prossima stagione, durante la quale l'obiettivo sarà ancora quello di rimanere ai piani alti. Difficile ipotizzare un progetto di promozione diretta, ancora lontano dalle aspettative nonostante investimenti e giocatori importanti in rosa. Lo Spezia, però, può essere la sorpresa nella corsa alla massima serie.

Trapani

Ultima squadra ad aggiungersi al blocco della Serie B 2019/2020, il Trapani è reduce dalla lunga campagna playoff in Serie C. Dopo aver tentato di contrastare la Juve Stabia, i siciliani hanno concluso la propria corsa alla cadetteria con il successo sul Piacenza, nell'esplosione di gioia del Provinciale. Il ritorno in seconda serie arriva dopo 2 anni in Serie C. Si tratta di un'altra incognita del prossimo campionato: soltanto 3 anni fa, i granata hanno sfiorato la Serie A dopo la finale playoff persa con il Pescara, per poi retrocedere l'estate successiva. Può accadere di tutto anche nella prossima stagione.

Virtus Entella

Chiavari ha festeggiato una delle promozioni più incredibili e sudate di questa stagione. Scontro diretto con il Piacenza, primo in classifica a +2, all'ultima giornata. Dopo una rincorsa estenuante ed una serie di sorpassi reciproci, la Virtus Entella ha centrato la promozione diretta vincendo la sfida decisiva contro gli emiliani, scavalcandoli all'ultimissima curva della regular season. Dopo la retrocessione del 2018, è bastato un anno di Serie C prima di tornare in cadetteria. L'obiettivo, ovviamente, è rimanerci e togliersi qualche soddisfazione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.