MotoGP Catalunya, Prove Libere 1/2: Ducati c'è, Valentino 7°

La prima giornata di prove in Catalunya vede Quartararo al comando davanti a Dovizioso. A disposizione di Rossi, settimo, e Vinales uno scarico allungato e un codone più affusolato.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il venerdì del GP di Catalunya di MotoGP vede Fabio Quartararo al comando in 1'40"079. Ancora una volta stupisce il rookie francese del team Yamaha Petronas SRT, veloce sul giro secco nonostante abbia subito un intervento chirurgico la settimana scorsa per risolvere un problema all'avambraccio. Sulle Yamaha ufficiali fa finalmente il suo esordio non solo uno scarico più lungo che dovrebbe migliorare un po' l'erogazione del gas, ma anche un nuovo codino più allungato. Valentino Rossi conclude al 7° posto e per il momento guadagna la Q2, anche se tutto sarà deciso nella FP3 di domani, quando l'asfalto sarà più pulito e garantirà maggior aderenza.

Entrambe nella top-10 le Ducati di Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci, con il pilota umbro che ha risolto qualche problema di setting registrato al mattino con la sua Desmosedici GP19. 4° posto per Pol Espargarò che conferma il suo stato di grazia in sella alla KTM. Non delude neppure Johann Zarco, 12esimo, che sembra trovare giovamento dal nuovo forcellone in carbonio e dal recente lavoro in pista intrapreso da Dani Pedrosa.

Soltanto 17° Marc Marquez, ma bisogna precisare che il leader del Mondiale ha preferito girare con gomme consumate, riuscendo ugualmente ad accreditarsi tra i primi dieci nella classifica combinata del venerdì. Jorge Lorenzo ha proseguito il suo lavoro sull'ergonomia della Honda RC213, apportando ulteriori modifiche nella zona del serbatoio, ma non va oltre il 13° posto. La MotoGP ritornerà in pista domattina alle 09:55 per la terza sessione di prove libere che sicuramente deciderà l'elenco dei 'magnifici dieci' che accederanno direttamente alla Q2.

MotoGP Catalunya, FP2: tempi e classifica finale

  1. Quartararo, 1'40,079
  2. Dovizioso, + 0,281 sec
  3. Nakagami, + 0,302
  4. Pol Espargaró, + 0,314
  5. Bagnaia, + 0,392
  6. Morbidelli, + 0,438
  7. Rossi, + 0,441
  8. Petrucci, + 0,520
  9. Crutchlow, + 0,623
  10. Rins, + 0,648
  11. Abraham, + 0,648
  12. Zarco, + 0,692
  13. Lorenzo, + 0,737
  14. Viñales, + 0,768
  15. Aleix Espargaró, + 0,799
  16. Miller, + 0,869
  17. Márquez, + 0,884
  18. Rabat, + 0,928
  19. Mir, + 0,991
  20. Oliveira, + 1,252
  21. Iannone, + 1,445
  22. Syahrin, + 1,448
  23. Guintoli, + 1,908
  24. Smith, + 2,077
Valentino Rossi pilota Yamaha MotoGP
Valentino Rossi in Catalunya

La prima sessione di prove libere

La FP1 del GP di Catalunya lascia già intendere le temperature elevate che accompagneranno il week-end di MotoGP e le intenzioni di Marc Marquez. Il leader del campionato stampa un buon 1'40"819 che vale il miglior crono del mattino. Non tutti i piloti hanno montato la gomma soft al posteriore per tentare l'assalto al tempo, ma è stata una buona sessione per intravedere alcune modifiche sui prototipi. A cominciare dalla Honda RC213V di Jorge Lorenzo che, dopo la tre giorni in Giappone, è sceso in pista con una modifica sulla zona del serbatoio per avere maggiore sostegno in frenata e in curva. Ma non sarà certo questa la modifica che consentirà al tre volte campione di andare più veloce.

Come al solito si rivelano veloci sul giro secco le Yamaha di Fabio Quartararo e Maverick Vinales. L'esordio del preannunciato nuovo scarico della M1 è stato rinviato al pomeriggio, mentre per lunedì non sono previsti aggiornamenti per le moto di Iwata. Valentino Rossi chiude al 9° posto, ma non può certo dirmire sonni tranquilli in vista delle qualifiche, dal momento che già dalla FP2 i tempi scenderanno sensibilmente, visto che stamane l'asfalto aveva poco grip, prima di gommarsi nelle fasi finali.

Bene Andrea Dovizioso che sembra aver trovato subito un buon setting per la sua GP19, mentre Danilo Petrucci scivola nei bassifondi della lista cronometrica. Aprilia comincia con Aleix Espargarò che centra la top-10 e Andrea Iannone soltanto 19°, con oltre 1" di gap dal best lap e mezzo secondo dal compagno di scuderia. Incoraggiante il 13° posto di Johann Zarco che può beneficiare di un nuovo forcellone in carbonio, nei giorni scorsi valutato positivamente anche dal collaudatore KTM Dani Pedrosa. Due le wild card impegnate in questo fine settimana: Sylvain Guintoli è alla prima uscita stagionale con Suzuki, terzo appuntamento del 2019 per Bradley Smith con Aprilia.

FP1: tempi e classifica finale

  1. Márquez 1'40,819
  2. Quarzararo, + 0,111 sec
  3. Viñales, + 0,180 sec
  4. Dovizioso, + 0,338
  5. Nakagami, + 0,348
  6. Miller, + 0,357
  7. Rins, + 0.450
  8. Morbidelli, + 0,468
  9. Rossi, + 0,498
  10. Aleix Espargaró, Aprilia, + 0.521
  11. Crutchlow, + 0,551
  12. Mir + 0,663
  13. Zarco, + 0.698
  14. Pol Espargaró, + 0,718
  15. Bagnaia , + 0,838
  16. Rabat, + 0.911
  17. Lorenzo, + 0,929
  18. Petrucci, + 0,932
  19. Iannone, + 1.133
  20. Oliveira, + 1.228
  21. Abraham, + 1.280
  22. Smith, Aprilia, + 1.476
  23. Guintoli, Suzuki, + 1,671
  24. Syahrin, + 1,756

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.