Roma: Petrachi si è dimesso dal Torino ma la situazione è complicata

Cairo non ha accettato formalmente le dimissioni del suo direttore sportivo e la situazione rimane in stand-by. Di fatto i giallorossi rimarrebbero senza ds fino al 1° luglio.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

L'uomo che è stato scelto per gestire il calciomercato della Roma è sotto contratto per un altro club, il suo predecessore, liberato formalmente all'inizio della settimana scorsa, si sta accasando altrove e il club giallorosso, al momento, sembra vestire i panni di quello che alla fine si guarda in giro senza sapere bene che cosa fare perché è rimasto col cerino in mano.

Ma riassumiamo i fatti per vedere dove, se errore c'è stato, si è sbagliato qualcosa. Da tempo James Pallotta si era accordato con Gianluca Petrachi, direttore sportivo del Torino - che soprattutto nelle ultime sessioni di mercato si era dimostrato in grado di mettere a segno colpi importanti senza spendere una fortuna - e gli aveva affidato il ruolo di ds del club giallorosso.

Peccato che, mentre Petrachi a quanto pare si muovesse già nel nuovo ruolo, nessuno avesse pensato ad avvisare Urbano Cairo. Ovvio che il presidente granata non abbia gradito le voci in base alle quali un suo collaboratore, stipendiato dal Torino e sotto contratto fino al 2020, curasse in qualche modo gli interessi di un'altra società e di conseguenza abbia alzato la voce.

Calciomercato Roma: Petrachi
Calciomercato Roma: Petrachi si è dimesso dal Torino ma la situazione è in stand-by

Roma: Petrachi si è dimesso dal Torino

Nel frattempo la Roma aveva già congedato Frederic Massara, oggi in procinto di accasarsi al Milan, e in questo momento, in piena bagarre di mercato, è formalmente senza un ds. Troppo tardi sono arrivate nelle ultime ore le dimissioni di Petrachi dal Toro, un atto che Cairo, infastidito, non ha ancora formalmente accettato e tiene in stand-by, congelando di fatto le trattative del club giallorosso.

Pallotta Roma
Pallotta è alle prese con una situazione gestita con scarsa accortezza fin dall'inizio

La situazione rimane complicata

Al momento Petrachi e la Roma sono in un vicolo cieco e oltrettutto, se il Torino decidesse di dimostrare, e ne avesse gli elementi, che un suo dipendente ha operato a favore di un altro club, rischiano pure grosso: inibizione per il ds e sanzione economica per la società di Pallotta. Una storia come minimo gestita con scarsa accortezza e serietà fin dall'inizio e che non giova a nessuno, nemmeno a Cairo che, in fondo, non ha interesse ad arrivare allo scontro frontale. Probabile che alla fine si arrivi a un punto d'incontro che potrebbe prevedere, oltre alla rinuncia da parte di Petrachi a qualunque buonuscita, un indennizzo al club granata, magari sotto forma di cartellino di un giovane della Primavera giallorossa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.