Serie A: chi sono i proprietari delle 20 squadre del campionato?

Dai cinesi al fondo Elliott, passando per Agnelli e Pallotta fino alle neopromosse. Tutti i boss ai nastri di partenza della prossima stagione.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Con la promozione del Verona, la Serie A 2019/2020 può finalmente dirsi al completo. I veneti, insieme a Brescia e Lecce, hanno preso il posto di Chievo, Frosinone ed Empoli, retrocesse al termine della stagione. Anche per il prossimo campionato, le squadre ai nastri di partenza saranno 20 e avranno proprietari più o meno disposti ad investire nei rispettivi club.

Alle neopromosse e alle big già presenti, poi, si aggiungono quelle squadre che si apprestano a disputare la prima annata con una nuova proprietà. È il caso della Fiorentina, tra le società maggiormente sotto i riflettori nel periodo più recente. L'appeal ritrovato della Serie A, non solo per l'arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus, potrebbe alzare l'asticella delle spese anche per le altre concorrenti del campionato.

Aspettando di conoscere le strategie di calciomercato, ecco come si presenteranno i 20 club della massima serie. Ognuno con il suo budget, ognuno con le sue idee di investimento per la prossima stagione e non solo. Questi sono i rispettivi proprietari:

Serie A 2019/2020: tutti i proprietari delle 20 squadre ai nastri di partenza
Serie A 2019/2020: tutti i proprietari delle 20 squadre ai nastri di partenza

Atalanta - Antonio Percassi

L'imprenditore bergamasco, nato a Clusone, è presidente e proprietario dell'Atalanta. Il raggio d'azione di Percassi si estende anche al calcio, ma ha costruito il suo patrimonio attraverso la Odissea SRL, che include famosi marchi di multinazionali, diversi centri commerciali e attività presenti presso l'aeroporto di Orio al Serio. Anche il club fa parte della sua holding. Sarà la sua prima stagione in Champions League: è a capo della società nerazzurra dal 2010, dopo l'era Ruggeri.

Percassi
Antonio Percassi, proprietario dell'Atalanta appena qualificata in Champions League

Bologna - Joey Saputo

Il primo proprietario straniero in Serie A è a capo del Bologna. Joey Saputo è un imprenditore canadese che ha fatto le sue fortune nel campo delle industrie casearie. Con un patrimonio di oltre 5 miliardi di dollari, la sua famiglia è tra le prime 300 al mondo per ricchezza. Oltre ad essere proprietario e presidente del club emiliano, ricopre le stesse cariche anche nei Montreal Impact, club della MLS in cui ha giocato anche Didier Drogba.

Saputo
Joey Saputo, proprietario straniero del Bologna

Brescia - Massimo Cellino

Tra i nomi più noti del calcio italiano, Cellino ha riportato il Brescia in Serie A dopo aver gestito per anni il Cagliari, in un'esperienza che ha visto l'imprenditore condannato per tentato peculato e falso ideologico. Dopo le esperienze in Inghilterra con West Ham e Leeds, l'approdo in Lombardia. La sua attività imprenditoriale parte dall'azienda di famiglia, il Gruppo Cellino, a cui ha aggiunto la Transgrain France SA, un'azienda che si occupa di distribuzione alimentare.

Cellino
Massimo Cellino al Brescia dopo anni tra Cagliari, West Ham e Leeds

Cagliari - Fluorsid Group SRL

La società che si occupa di estrazione e lavorazione del fluoro ha fatto capo a Carlo Enrico Giulini, scomparso nel 2011. Il suo erede, Tommaso, è alla presidenza del Cagliari e si occupa contemporaneamente dell'azienda di famiglia, che ha stretto contatti importanti con Massimo Moratti per la sua influenza nel settore chimico, estrattivo, manifatturiero e del commercio. Dal 2014, Fluorsid è a capo del Cagliari, dopo averlo rilevato da Massimo Cellino.

Giulini
Tommaso Giulini, presidente del Cagliari

Fiorentina - Rocco Commisso

L'approdo di Rocco Commisso a Firenze ha posto fine all'era della famiglia Della Valle, che aveva risollevato i viola dopo il crollo in Serie C2. L'imprenditore italo-americano ha appena concluso la trattativa con gli ormai ex proprietari, diventando di fatto il nuovo numero uno della Fiorentina. Fondatore di Mediacom e già proprietario dei New York Cosmos, dal 6 giugno 2019 è sbarcato anche in Serie A.

Commisso
Rocco Commisso, a destra, nuovo proprietario della Fiorentina

Genoa - Enrico Preziosi

Fondatore e principale azionista di Giochi Preziosi, a cui ha dato il suo nome, Enrico Preziosi è uno dei proprietari più noti del calcio italiano. Alla guida del Genoa dal 2003, ha attraversato numerose vicende che l'hanno ripetutamente visto protagonista: dal caso Catania a Genoa-Venezia, fino a raggiungere la Serie A nel 2007. Dalla promozione in massima serie insieme a Juventus e Napoli, non l'ha più lasciata, pur avendo più volte rischiato la retrocessione.

Preziosi
Enrico Preziosi alla guida del Genoa, portato in Serie A nel 2007

Inter - Suning Holdings Group

La proprietà cinese dell'Inter porta il nome della società di Zhang Jindong, attuale proprietario del club nerazzurro attraverso la sua attività. Si occupa di vendita al dettaglio in diversi settori, ma anche di investimenti finanziari e di attività immobiliari. Steven Zhang, presidente di Suning International, ha preso il posto di Erick Thohir nel 2018, diventando il secondo presidente straniero del club e il più giovane di sempre.

Zhang
Steven Zhang insieme a Beppe Marotta. È il più giovane presidente della storia dell'Inter

Juventus - Famiglia Agnelli

Andrea Agnelli è il presidente della Juventus e rappresentante della sua famiglia, proprietaria del club campione d'Italia in carica. Gli eredi di Gianni Agnelli detengono le quote del club bianconero attraverso Exor N.V., che sta per "naamloze vennootschap": è un'azienda di diritto olandese con un capitale quantificato in 24 miliardi di dollari al 2017. È la prima società italiana per fatturato e la 19^ al mondo. La Juventus, ovviamente, ne trae beneficio anche in fase di calciomercato, come avvenuto per l'acquisto di Cristiano Ronaldo durante la scorsa estate.

Agnelli
Andrea Agnelli gestisce la Juventus attraverso Exor. Qui con l'ex allenatore Massimiliano Allegri

Lazio - Claudio Lotito

Tra le figure più influenti in Serie A e in Lega, Claudio Lotito è alla guida della Lazio dal 2004. È un imprenditore attivo nel servizio delle pulizie, della vigilanza privata e del settore alimentare: nonostante le numerose divergenze con i tifosi biancocelesti, è rimasto in sella al club che, dall'inizio dello strapotere della Juventus, è la seconda squadra italiana ad aver vinto più trofei. Dal 2011 è anche proprietario della Salernitana, in società con Marco Mezzaroma.

Lotito
Lotito è alla guida della Lazio dal 2004, è proprietario della Salernitana dal 2011

Lecce - Saverio Sticchi Damiani

Il doppio salto dalla Serie C alla Serie A ha riportato il Lecce tra le squadre più importanti del calcio italiano. Proprio dal 2017, anno in cui è iniziata la risalita dei salentini, il presidente e proprietario del club è Saverio Sticchi Damiani, subentrato ad Enrico Tundo e alla famiglia Tesoro. Avvocato e professore presso l'Università del Salento, è stato definito "presidente operaio" dai tifosi giallorossi. La sua vicinanza alla squadra e allo staff, al punto da scendere in prima linea per rastrellare uno stadio Via del Mare in pessime condizioni, gli ha permesso di raggiungere un alto livello di gradimento a prescindere dai risultati raggiunti.

US Lecce
Saverio Sticchi Damiani ha riportato il Lecce in Serie A con un doppio salto dalla Serie C

Milan - Elliott Management Corporation

Il Milan post-Berlusconi è stato al centro dell'interesse mediatico per diverso tempo. Il presidente è Paolo Scaroni, membro del consiglio di amministrazione insieme all'amministratore delegato e direttore generale Ivan Gazidis. Il club rossonero, però, appartiene agli americani del fondo Elliott. La considerazione che i media hanno di questa azienda è piuttosto controversa: per il Guardian e l'Independent è considerato un fondo avvoltoio che opera investendo in debiti di sofferenza. Per altri, invece, crea valore a lungo termine. Il Milan spera di far parte della seconda fazione.

Gazidis
Ivan Gazidis è tra le figure centrali del CdA del Milan, ma la proprietà fa capo al fondo Elliott

Napoli - Filmauro SRL

Aurelio de Laurentiis è il presidente del Napoli, ma il club è riconducibile alla Filmauro SRL. L'azienda cinematografica vede ovviamente a capo l'imprenditore romano, che dal 1992, anno della scomparsa di suo padre Luigi, ne ha assunto il comando. AdL, tra i big della Serie A non solo per i risultati ottenuti, è alla guida dei partenopei dal 2004, anno del fallimento e della ripartenza dalla Serie C1. Dalla terza serie è arrivato a disputare regolarmente Champions League ed Europa League. Dal 2018 è anche alla guida del Bari, rilevato dopo il fallimento estivo: i biancorossi hanno subito vinto il campionato di Serie D.

AdL
Aurelio De Laurentiis ha rilevato il Napoli post-fallimento

Parma - Nuovo Inizio SRL

Nuovo Inizio SRL e Parma Partecipazioni calcistiche SPA hanno fatto rinascere il Parma dopo il crollo in Serie D. Desports, invece, è il gruppo cinese presieduto da Jiang Lizhang che ha rilevato il club nel 2017, dopo la promozione in Serie B. Già proprietario di Granada, Chongqing Lifan e socio di minoranza dei Minnesota Timberwolves in NBA, l'azienda cinese si occupa di marketing sportivo. Con i problemi finanziari emersi nell'ultimo periodo e con la clausola inserita nel contratto di cessione, l'imprenditore ha nuovamente passato la proprietà nelle mani di Nuovo Inizio SRL, composto da 7 imprenditori locali.

Nuovo Inizio
Nuovo Inizio SRL: un gruppo di imprenditori locali alla guida del Parma

Roma - James Pallotta

L'imprenditore americano è tra i co-proprietari dei Boston Celtics, franchigia NBA con cui ha vinto l'anello nel 2008. Le sue attività riguardano prevalentemente il settore degli investimenti finanziari, avendo diretto il Raptor Fund, ma si è distinto anche negli impegni benefici e artistici.

Pallotta
James Pallotta, proprietario americano della Roma. È anche co-proprietario dei Boston Celtics

Sampdoria - Massimo Ferrero

Proprietario e presidente della Sampdoria dal 12 giugno 2014, è finito al centro di numerose controversie per aver patteggiato una pena ad un anno e 10 mesi per il fallimento della compagnia aerea Livingston Energy Flight. Il tutto è avvenuto nello stesso giorno in cui ha acquistato il club blucerchiato. Figura vulcanica e di grande impatto mediatico, Ferrero è un produttore cinematografico. Ha rilevato la Sampdoria a titolo gratuito dai Garrone, ma con 15 milioni di euro di debiti pendenti.

Ferrero
Massimo Ferrero è a capo della Sampdoria: controversie sul patteggiamento nel giorno dell'acquisto

Sassuolo - Giorgio Squinzi

Il Sassuolo, pur essendo tra i club con il bacino d'utenza più piccolo della Serie A e con un blasone ridotto rispetto alle altre concorrenti, può contare sulla forza economica di Giorgio Squinzi. L'imprenditore bergamasco, amministratore unico di Mapei, è alla guida del club dal 2002, anno in cui gli emiliani rischiano la retrocessione in Serie D. La programmazione del proprietario e presidente dei neroverdi porta alla Serie A in poco più di 10 anni, poi ad una partecipazione all'Europa League.

Squinzi
Giorgio Squinzi ha portato il Sassuolo in Serie A. Lo gestisce dal 2002

Spal - Vetroresina SPA

Con Walter Mattioli presidente e Francesco e Simone Colombarini proprietari, la Spal è tornata ai vertici del calcio italiano dopo decenni di assenza. Vetroresina SPA è l'azienda attraverso cui viene gestita la proprietà del club di Ferrara, che soltanto nel 2013 è riuscita a rinascere grazie all'acquisizione del titolo della Giacomense, piccolo club di Masi San Giacomo militante nell'allora Lega Pro. Il doppio salto dalla terza serie alla Serie A, con le due salvezze che portano il nome del tecnico Leonardo Semplici, amplificano la portata del miracolo dei Colombarini e di Mattioli.

Colombarini Spal
La famiglia Colombarini alla guida della Spal dal 2013

Torino - Urbano Cairo

Presidente di Cairo Communication e RCS Media Group, Urbano Cairo è il proprietario del Torino dal 2005. Attivo nel campo dei media e della comunicazione, l'imprenditore milanese ha subito centrato una promozione in Serie A, per poi risalire una seconda volta in massima serie e rimanere stabilmente tra le grandi del calcio italiano. Pur lamentando un budget ristretto sul mercato, i tifosi granata sono tornati in Europa League sotto la presidenza Cairo e hanno sfiorato la qualificazione alle competizioni internazionali anche a fine stagione.

Cairo
Urbano Cairo ha conquistato una qualificazione in Europa League con il Torino, sfiorata quest'anno

Udinese - Giampaolo Pozzo

Giampaolo Pozzo è uno dei proprietari più longevi della Serie A. Ha rilevato l'Udinese nel 1986, dopo una carriera imprenditoriale costruita sulla sua Freud: è un'azienda di utensili industriali per la lavorazione del legno, fondata nel 1910. Si occupa di utensili industriali anche in Spagna e Francia, rispettivamente con la Casals e la Saturne. Nel 2008, invece, ha ceduto la Freud alla Bosch. È anche proprietario del Watford in Premier League, con cui in passato ha creato contatti di calciomercato con l'Udinese.

Pozzo
Giampaolo Pozzo, la sua gestione dell'Udinese è ultra-trentennale

Verona - Maurizio Setti

A capo del Verona c'è Maurizio Setti, che è anche socio di maggioranza del Mantova. I veneti tornano in Serie A con il patron che rilevò il club nel 2012, riportandolo per la prima volta in massima serie dopo 11 anni. La seconda promozione è arrivata attraverso i playoff di Serie B vinti contro il Cittadella. L'imprenditore emiliano si occupa di retail e negozi multimarca, ma ha anche partecipazioni nel settore immobiliare e degli investimenti finanziari.

Setti
Maurizio Setti è una delle re-entry in Serie A: a capo del Verona dal 2012

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.