De Ligt: "Le parole di Cristiano Ronaldo? Il mio futuro lo decido io"

Il difensore olandese dell'Ajax non si farà condizionare: "Quando sarà il momento sceglierò dove andare".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Ha appena 19 anni, ma lo vogliono tutti i grandi club. Matthijs de Ligt ha la fortuna (e il merito, dimostrato sul campo) di poter scegliere con chi giocare nella prossima stagione. Lascerà l'Ajax, poco ma sicuro. Diventa difficile pensare che i Lancieri possano trattenerlo nella prossima sessione di calciomercato vista l'asta che si sta creando nei suoi confronti. Lo vuole da tempo il Barcellona, così come il Psg,la Juventus e molte altre.

Mica male, insomma, la scelta che si trova di fronte il difensore olandese: una decisione che condizionerà per forza di cose la sua carriera calcistica e che potrebbe essere ridotta in modo semplicistico a tre opzioni. Da una parte il Barça di Leo Messi (ma anche del suo amico de Jong), dall'altra il Paris Saint-Germain di Neymar e Mbappé (a patto che rimangano), dall'altra ancora la Juventus di Cristiano Ronaldo, che nell'ultimo scontro in Nations League ha agito da "ds" bianconero, tentando di spingere de Ligt a prendere in considerazione la possibilità di raggiungerlo in Serie A.

Tre alternative tutte di altissimo livello, con i catalani che sembrano in vantaggio da tempo. A parlare dell'argomento ci ha pensato il diretto interessato a Mundo Deportivo, subito dopo la conclusione della Nations League, dimostrando grande personalità e determinazione:

Un grande onore il fatto che grandi club stiano combattendo per me. Per me la cosa più importante è sapere che la squadra dove andrò possa darmi risalto e permettermi di giocare con continuità. Non so ancora cosa dica il mio cuore, mi sono concentrato finora su Ajax e Nazionale. Ora andrò in vacanza e penserò a cosa fare nel mio futuro.

Calciomercato, de Ligt tentato da Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo invita de Ligt a raggiungerlo alla Juventus nel calciomercato

Calciomercato, de Ligt risponde a Cristiano Ronaldo

Il fatto che a Barcellona possa trovare una nutrita concorrenza come Piqué, Umtiti, Lenglet e il giovane promettente Todibo, non lo spaventa:

Chiaro che il Barça abbia una grande difesa, ma la competizione non è qualcosa che mi spaventa. È logico e normale che in un grande club come il Barcellona ci sia competizione. Ovvio che sarebbe bello indossare la maglia blaugrana, ma devo guardare a ciò che è meglio per me.

Sui consigli ricevuti negli ultimi giorni da de Jong e Cristiano Ronaldo, poi, la risposta di de Ligt è netta:

Io non presto attenzione a nessuno. Il mio percorso lo devo scegliere da solo. Non so quando lo farò, mi prenderò il mio tempo. I soldi non sono un problema.

Il suo futuro, insomma, de Ligt deve deciderlo. La scelta di calciomercato tra Messi, Cristiano Ronaldo, Neymar e Mbappé (sempre che restino al Psg) è molto difficile e deve essere ancora presa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.