MXGP, GP Russia: Cairoli si arrende al dolore, Gajser in testa

Weekend da dimenticare per il talento di Patti che vede sfilarsi dalle mani la tabella rossa dal campione del mondo 2016.

Tony Cairoli in lotta con Tim Gajser

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il weekend russo è stato decisamente grigio per Tony Cairoli. Il talento di Patti ha rimediato una brutta caduta durante le qualifiche del sabato ed è stato costretto a scattare da uno dei peggiori cancelletti. Come se non bastasse il siciliano ha dovuto correre anche con un forte dolore alla schiena che in un primo momento aveva messo a rischio addirittura la sua partecipazione alla gara.

In Gara-1 Cairoli, scattato abbastanza bene, si è toccato con un'altra moto alla prima curva scivolando subito nelle retrovie. Il siciliano nonostante il dolore ha provato comunque una complicata risalita chiudendo infine solo 12°.

Tracciato decisamente insidioso quello Orlyonok, tantissime le cadute, alcune anche con conseguenze fisiche pesanti per i rider coinvolti. In particolare, tra i piloti finiti vittima del circuito russo, ci sono stati Paulin e Desalle.

A vincere la gara ci ha pensato Tim Gajser che con questo successo è riuscito a sfilare anche la tabella rossa proprio a Tony Cairoli. Alle sue spalle un ottimo Tonus, che per larghi tratti è rimasto incollato al pilota sloveno, terzo Febvre. Da sottolineare la grande prestazione del campione del mondo in carica Jeffrey Herlings, che tornato da un lungo infortunio ha chiuso la prima manche con un buon 4° posto.

Tony Cairoli sul podio
Tony Cairoli non è più in testa al Mondiale

MXGP, buona rimonta per Cairoli in Gara-2

Gara-2, invece, decisamente più agevole per Tony Cairoli che partito da un cancelletto migliore è riuscito sin da subito a piazzarsi tra i primi e grazie ad una buona rimonta ha chiuso al 4° posto limitando i danni nella pericolosa emorragia di punti che ormai permane da ben 3 GP. Ennesima vittoria, invece, per Tim Gajser, che superato Coldenhoff a metà gara ha lentamente preso il largo incrementando ancor di più il proprio vantaggio in termini di punti nella graduatoria iridata. Lo sloveno ha chiuso davanti a Tonus e Seewer. Più complicata, invece, la seconda manche per Herlings che ha chiuso comunque con un ottimo 7° posto nonostante fosse palese che non avesse la forma fisica per spingere al massimo nell'intero weekend di gara.

Ora Tim Gajser comanda la classifica con 351 punti davanti a Tony Cairoli che è staccato di 13 lunghezze a 338. La lotta Mondiale sembra un discorso racchiuso a loro due con il primo degli inseguitori, Gautier Paulin, che ha totalizzato sinora solo 231 punti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.