IAAF Diamond League: Asher Smith vola in 22”18 sui 200 metri con 12°C

Migliori prestazioni mondiali dell’anno per Dina Asher Smith sui 200 metri, Agnes Tirop sui 5000 metri femminili e Rhonex Kipruto nei 10000 metri nella gelida serata di Stoccolma

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il freddo quasi invernale è stato il grande protagonista della terza tappa della IAAF Diamond League nello storico Stadio Olimpico di Stoccolma. La temperatura novembrina di 12° C ha condizionato diverse prestazioni ma non ha impedito a Dina Asher Smith di stabilire la migliore prestazione mondiale dell’anno sui 200 metri femminili di 22”18. Le altre prestazioni  clou sono state il 69.57m dello svedese Daniel Stahl nel lancio del disco maschile, il 47”85 di Karsten Warholm sui 400 ostacoli maschili, il 20”06 del canadese Aaron Brown sui 200 metri maschili, il 12”52 di Kendra Harrison sui 100 ostacoli e il 44”53 di Michael Norman sui 400 metri maschili e le migliori prestazioni mondiali dell’anno del mezzofondo di Agnes Tirop sui 5000 metri femminili (14’50”82) e di Rhonex Kipruto sui 10000 metri (26’50”16).

200 metri femminili: Asher Smith realizza il crono più veloce dell’anno con 22”18

Il freddo non frena la tre volte campionessa europea di Berlino 2018 Dina Asher Smith, che ha vinto la seconda gara stagionale di Diamond League dopo Doha limando otto centesimi di secondo alla sua migliore prestazione mondiale dell’anno con 22”18, prestazione davvero eccellente considerata la temperatura di appena 12° C e che vale sicuramente un tempo al di sotto dei 22 secondi in condizioni climatiche migliori. Asher Smith ha vinto per la terza volta a Stoccolma dopo i successi sui 200 metri del 2016 e sui 100 metri del 2018. La fuoriclasse britannica ha battuto nettamente la due volte campionessa olimpica Elaine Thompson (22”66) e la medaglia d’oro mondiale di Pechino 2015 e di Londra 2017 Dafne Schippers (22”78). Asher Smith sfiderà Thompson, Marie Josèe Ta Lou e Aleia Hobbs al Golden Gala Pietro Mennea di Roma del prossimo 6 Giugno allo Stadio Olimpico.

Sono contenta. L’obiettivo era arrivare qui, correre la mia gara e vincere. Non mi aspettavo di correre così forte con questo freddo e alla sera tardi. Sono contenta che abbia smesso di piovere. Durante il giorno ho dormito e ho cercato di rilassarmi ascoltando la musica. Non sapevo neanche che mia mamma fosse qui. Quando l’ho vista in tribuna ero molto felice. La prossima gara sarà a Roma sui 100 metri prima di un periodo di allenamenti

Lancio del disco maschile: Stahl bissa il successo di Doha

Lo svedese Daniel Stahl si è confermato il miglior discobolo del mondo in questo momento vincendo la seconda gara stagionale di Diamond League con 69.57m un mese dopo aver battuto il record del circuito con la straordinaria misura di 70.56m a Doha sulla pedana dei prossimi Mondiali. Stahl ha regalato la seconda vittoria alla Svezia dopo il successo di Thobias Montler nel salto in lungo. Stahl ha effettuato un lancio nullo molto lungo intorno ai 73 metri. Ancora una volta la pedana di Stoccolma ha fatto registrare una gara di disco di straordinari contenuti tecnici con il giamaicano Fedrick Dacres, secondo con 68.96m, l’austriaco Lukas Weisshaidinger (66.97m) e il norvegese Ola Isene Stunes (66.65m). Daniel Stahl:

Ho lanciato il disco troppo in alto e per questo non sono riuscito a realizzare misure migliori. Sento di non aver dato il massimo delle mie potenzialità. La vittoria mi dà molta fiducia. Ho lavorato molto sulla tecnica durante l’inverno

400 ostacoli maschili: Warholm infrange la barriera dei 48 secondi al debutto stagionale

Il campione mondiale ed europeo Karsten Warholm ha debuttato in questa stagione scendendo sotto i 48 secondi con 47”85. Il fuoriclasse norvegese ha vinto per la seconda volta in carriera sulla pista di Stoccolma due anni dopo il successo del 2017 nell’anno del trionfo iridato di Londra. Molto lontano il secondo classificato TJ Holmes (49”25). Karsten Warholm:

Sono partito forte e ho mantenuto la ritmica dei 13 passi fino al nono ostacolo e questo è un buon risultato in queste condizioni. Quest’anno terrò sempre la cadenza dei 13 passi. Non ho avuto problemi con il freddo e il vento. Ho vinto ai Mondiali di Londra sotto la pioggia. Mi sono allenato in Norvegia e ho svolto due settimane di allenamento al caldo di Tenerife. La mia prossima gara sarà a Oslo e non vedo l’ora di correre davanti al pubblico di casa

400 metri maschili: Norman vince il primo 400 metri della sua carriera su suolo europeo

Il campione NCAA 2018 Michael Norman ha vinto la prima gara sui 400 metri in Diamond League su suolo europeo in 44”53 battendo nettamente il compagno di allenamenti Rai Benjamin (45”13) nella gara che ha aperto il programma delle gare di corsa. Il freddo e la pioggia non hanno permesso a Norman di avvicinare il 43”45 realizzato a Torrance a metà Aprile. Michael Norman:

Oggi è stata una gara difficile sia dal punto di vista fisico sia mentale. Ci sono molti aspetti sui quali devo lavorare. Non sono particolarmente contento della mia gara. Devo lavorare molto sulla seconda parte della gara, ma c’è ancora molto tempo da qui ai Mondiali di Doha

100 ostacoli femminili: Harrison vince per la seconda volta a Stoccolma

La primatista mondiale dei 100 ostacoli Kendra Harrison ha vinto per la seconda volta in carriera a Stoccolma in 12”52 tre anni dopo la prima affermazione in questo meeting. Sharicka Nelvis ha completato la doppietta statunitense classificandosi seconda in 12”69 davanti alla nigeriana di stanza negli Stati Uniti Tobi Amusan (12”85) e alla campionessa europea di Amsterdam 2016 Cindy Roleder (12”94).

Ho gareggiato con temperature ancora più fredde. Ho cercato semplicemente di concentrarmi sulla mia gara e di eseguire al meglio il mio compito. Non sono uscita bene dai blocchi ma ho finito nel modo migliore. Ora torno negli Stati Uniti per preparare i Trials. Al momento non sto pensando troppo ai tempi cronometrici ma ad arrivare pronta ai Trials e ai Mondiali di Doha”.

200 metri maschili: Brown supera Gulyev

Il canadese Aaron Brown ha vinto la seconda gara stagionale di Diamond League in 20”06 bissando il successo di due settimane fa a Shanghai. Brown ha superato nettamente il campione mondiale ed europeo Ramil Gulyev (20”40) e Jereem Richards (20”45). Una settimana fa Brown è stato battuto da Filippo Tortu sui 100 metri alla Fastweb Cup di Rieti.

Sono uno dei migliori partenti sui 200 metri grazie al mio passato sui 100 metri. Ho cercato di partire forte per staccare subito i miei avversari e di tenere fino alla fine. Questo è stato il mio piano. Gulyev ha un ottimo finale e mi ha già battuto un paio di volte. Ho migliorato il mio personale stagionale di 1 centesimo di secondo. Sono stato in giro per un mese a gareggiare e ho bisogno di tornare a casa e lavorare. L’obiettivo è vincere una medaglia ai Mondiali

10000 metri maschili: Kipruto scende sotto i 27 minuti

Il diciannovenne keniano Rhonex Kipruto ha realizzato la terza migliore prestazione mondiale della serata correndo i 10000 metri in 26’50”16 (primato del meeting) nella gara che ha concluso il meeting per festeggiare i dieci anni della Diamond League. Kipruto ha superato l’etiope Hagos Gebrihwet (27’01”02) e l’eritreo Kifle (27’27”68). Lo svizzero Julien Wanders ha stabilito il record nazionale con 27’44”36.

Sono contento della migliore prestazione mondiale dell’anno e del tempo al di sotto dei 27 minuti. Ora torno in Kenya per correre un altro 5000 metri in un altro meeting della Diamond League. Disputerò un altro 10000 metri

Salto in lungo maschile: lo svedese Montler batte Echevarria

Il freddo non ha permesso gli straordinari risultati dell’anno scorso ma la serata è stata comunque da ricordare per il pubblico svedese che ha festeggiato il successo del beniamino di casa Thobias Montler, che ha vinto con la misura di 8.22m con vento di +1.5 m/s precedendo il grande protagonista della passata edizione Juan Miguel Echevarria (8.12m ventoso), il campione olimpico Jeff Henderson (8.09m) e il campione del mondo Luvo Manyonga (8.07m). Montler aveva già battuto Echevarria lo scorso Febbraio al meeting indoor di Karlsruhe.

Sono contento di aver saltato 8.22m con questo freddo. Ho realizzato anche lo standard per le Olimpiadi di Tokyo. Settimana scorso ho saltato 8.43m ma con troppo vento a favore. Questo risultato mi ha dato fiducia per la gara di oggi.

5000 metri femminili: successo per Tirop

La medaglia di bronzo iridata di Londra 2017 dei 10000 metri Agnes Tirop ha conquistato il successo stabilendo la migliore prestazione mondiale dell’anno con 14’50”82 davanti a Fantu Worku (14’51”31) e all’altra keniana Lilian Rengeruk (14’51”34). Da sottolineare il record canadese di Gabriela Debues Strafford, che ha stabilito il record nazionale con 14’51”59. Hellen Obiri non è andata oltre il dodicesimo posto in 15’07”70 dopo essere stata coinvolta in una collisione ai 1000 metri. Dieci atlete sono scese sotto i 15 minuti.

Sono contenta di aver fatto bene. Non sapevo se avevo chance di vincere. Ora sono concentrata sui Mondiali di Doha. Dopo Stoccolma torno in Kenya per allenarmi per le prossime gare. Ora posso correre per vincere i mondiali e il diamante della Diamond League

1500 metri maschili: Cheruiyot vince per la seconda volta a Stoccolma battendo Ingebrigtsen

Timothy Cheruyiot ha bissato il successo di due anni fa sulla pista di Stoccolma in 3’35”79. Jakob Ingebrigtsen ha compiuto una straordinaria rimonta che gli ha permesso di recuperare posizioni sul rettilineo finale e di raggiungere il gibutiano Ayanleh Souleiman sul traguardo. Solo il photo finish ha decretato il secondo posto di Souleiman, che ha avuto la meglio sul vichingo norvegese con lo stesso tempo di 3’37”30. Il primatista mondiale dei 1500m indoor Samuel Tefera si è classificato quinto in 3’40”19 battuto da Bethwell Birgen (3’39”18).

Salto in alto femminile: Lasitskene debutta con 1.92m nel gelo di Stoccolma.

La temperatura molto fredda tutt’altro che estiva ha condizionato la prestazione delle saltatrici in alto. Maria Lasitskene è stata l’unica a superare 1.92m dopo aver fatto fatica a valicare la quota di 1.90m solo alla terza prova. La campionessa mondiale outdoor e indoor ha provato successivamente tre prove alla quota di 1.97m. La vice iridata Yulia Levchenko si è classificata seconda precedendo la svedese Erika Kinsey con la stessa misura di 1.90m ma con un numero minore di errori. Elena Vallortigara si è classificata settima con 1.78m a pari merito con la tedesca Marie Laurence Jungfleisch ma ha commesso tre errori a 1.83m.

Salto con l’asta maschile: Kendricks vince in condizioni difficili

Il freddo, il vento e la pioggia non hanno certamente aiutato il compito degli astisti. Lo statunitense Sam Kendricks è stato l’unico a superare la quota di 5.72m dopo aver rischiato di uscire di scena alla misura di 5.48m. L’astista di Oxford in Mississippi ha battuto il polacco Piotr Lisek (5.60m).

Lancio del disco femminile: doppietta cubana per Caballero e Perez

La cubana Denia Caballero (leader mondiale stagionale) ha vinto la prima gara stagionale di Diamond League con un lancio da 65.10m al secondo tentativo battendo di un solo centimetro la connazionale Yaimé Perez. La due volte campionessa olimpica e mondiale Sandra Perkovic ha aperto la stagione classificandosi quinta con 63.71m alle spalle delle due cinesi Chen Yang (64.25m) e Feng Bin (63.87m).

800 metri femminili: Wilson supera Alemu

La statunitense Ajée Wilson si è imposta sul doppio giro di pista in 2’00”87 davanti all’etiope Habitam Alemu (2’01”26) e alla keniana Nelly Jepkosgei (2’01”98).

1500 metri femminili: dominio di Laura Muir

La campionessa europea outdoor e indoor Laura Muir ha dominato con una gara in solitaria in 4’05”37 precedendo di quattro secondi la marocchina Malika Akkaoui (4’09”70).

800 metri maschili: Tuka torna al successo

Il bosniaco Amel Tuka è tornato al successo in un grande meeting battendo il portoricano Ryan Sanchez per quattro centesimi di secondo in 1’46”68 con un grande sprint sul rettilineo finale. Il campione europeo indoor di Glasgow 2019 Marcin Lewandowski si è classificato terzo con 1’46”79.

Salto con l’asta femminile: vittoria svedese per Bengtsson

La svedese Angelica Bengtsson ha vinto la gara di salto con l’asta femminile non valida per il punteggio della Diamond <League con 4.57m battendo la connazionale Meijer (4.47m).

Nel corso del pomeriggio le gare di getto del peso non valide per il punteggio della Diamond League hanno visto i successi dello svedese Wictor Peterson con 20.11m e della bielorussa Alyona Dubitskaya con 18.49. L’olandese Churandy Martina e la candese Crystal Emmanuel si sono imposti sui 100 metri in 10”36 e in 11”37.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.