Europa League, Green e la maglia Chelsea indossata solo per la foto

Mai impiegato nel torneo, il terzo portiere dei Blues ha assistito in tribuna alla vittoria sull'Arsenal. A fine partita ha vestito maglia e guanti per una foto-ricordo memorabile.

Chelsea, il terzo portiere Robert Green solleva l'Europa League vinta contro l'Arsenal

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Sulla carta, quella coppa non è anche sua. Colpa del numero zero alla voce "presenze stagionali" nel corso dell'Europa League 2018/2019, che preclude la medaglia a chi non è mai sceso in campo nella competizione. Al di là del regolamento, però, il terzo portiere del Chelsea Robert Green non ha voluto rinunciare a una foto-ricordo dopo che i suoi compagni hanno conquistato il prestigioso trofeo grazie alla vittoria per 4-1 contro l'Arsenal nella finale di Baku.

Green ha assistito al successo di Hazard e soci dalla tribuna, mentre i suoi colleghi Kepa e Caballero si dividevano campo e panchina. Al fischio finale, però, l'esperto portiere - un passato con West Ham e Norwich, oltre 300 presenze in Premier League e una partita giocata con l'Inghilterra ai Mondiali 2010 - ha deciso di abbandonare gli abiti eleganti, raggiungendo gli spogliatoi e indossando maglia da portiere, pantaloncini e scarpe da gioco. Obiettivo: raggiungere il palco della premiazione.

Europa League, la foto-ricordo di Robert Green con il Chelsea a Baku
Europa League, la foto-ricordo di Robert Green con il Chelsea a Baku dopo il 4-1 all'Arsenal

Green, addio al Chelsea da vincente: la foto della notte di Baku è sua

Così, anche se non ha ricevuto la medaglia per la vittoria del Chelsea, Green ha voluto comunque prendere parte alla festa dei suoi compagni. Giroud, David Luiz e Hazard gli hanno subito servito un assist. E la coppa. La foto della serata di Baku lo vede così protagonista: Bob, come lo conoscono nell'ambiente del calcio inglese, che solleva l'Europa League, il primo trofeo della sua carriera, mentre i suoi compagni lo festeggiano. E pazienza se nel corso della competizione il portiere classe 1980 non è mai nemmeno andato in panchina.

Che lo abbia fatto per sfizio o per fare gruppo, poco conta. Green ha festeggiato il primo trofeo della sua carriera tra gli abbracci di staff e compagni di squadra. Immortalati da uno scatto che il diretto interessato ha postato su Twitter, corredato da due emoji: una coppa e due occhi spalancati, in segno di stupore per quanto successo a Baku. Arrivato al Chelsea nella scorsa estate dopo l'annata all'Huddersfield, Green saluterà i Blues il 30 giugno per fine contratto con un trofeo virtuale in tasca e una foto memorabile. E pazienza se nella sua valigia di ritorno dall'Azerbaigian non c'è la medaglia dell'Europa League.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.