Serie A, top 11 Opta: Napoli e Atalanta le squadre più rappresentate

Il portale che raccoglie statistiche legate al calcio ha stilato l'annuale formazione tipo del campionato. Sorpresa Cancelo, presenti anche Acerbi, Kolarov e Handanovic.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Atalanta e Napoli in abbondanza, uno spruzzo di Juventus, Inter e le due romane a corredo. Sono queste le squadre rappresentate nell'annuale top 11 della Serie A composta dal sito Opta, portale che si occupa di statistiche applicate al calcio e viene utilizzato dalle maggiori realtà mondiali che operano nel settore. Ovviamente le scelte non sono frutto di opinioni o preferenze personali, ma ponderate in base a dati raccolti durante tutto l'arco della stagione. Per questo motivo, per esempio, anche se dal punto di vista delle prestazioni gente come Salvatore Sirigu o Alessio Cragno meriterebbero di essere eletti come migliori portieri del campionato, a prendersi questa slot è Samir Handanovic.

L'estremo difensore nerazzurro ha chiuso per ben 17 volte con la porta inviolata, contribuendo in maniera sensibile ad aiutare l'Inter nel raggiungere l'obiettivo del quarto posto, l'ultimo utile per accedere alla fase a gruppi della prossima Champions League. Il tutto, mentre lo sloveno durante l'anno è passato dall'essere messo in dubbio per alcuni interventi rivedibili a perno incrollabile della squadra, salvata anche contro l'Empoli con un paio di parate provvidenziali come quella sfoderata su Caputo.

Per quest'anno Opta ha deciso di proporre un 4-3-3 a trazione anteriore, imperniato sulla solidità di una difesa fisicamente top e composta da quattro punti fermi delle rispettive squadre. Per esempio, una menzione particolare la merita Francesco Acerbi, roccioso centrale della Lazio che in stagione ha messo insieme più minuti rispetto a qualunque altro calciatore. Il leader biancazzurro ha giocato 37 partite - saltando solo l'ultima contro il Torino - per un totale di 3310 minuti, 13390 se si considerano le ultime quattro annate di Serie A. Una specie di highlander, soprattutto considerati i problemi di salute che ha dovuto superare per poter tornare in campo.

Duvan Zapata con l'Atalanta: anche lui nella top 11 della Serie A
Con i suoi 23 gol in campionato ha contribuito a portare l'Atalanta in Champions League: Duvan Zapata è uno dei migliori 11 scelti da Opta per la formazione stagionale della Serie A

Serie A, conferme e qualche sorpresa nella top 11 stagionale di Opta

Il suo compagno di reparto è Kalidou Koulibaly, gigantesco centrale senegalese del Napoli. Il suo record stagionale riguarda i 2959 palloni giocati, il picco più alto per un difensore, che testimoniano come KK sia oggi il primo regista della squadra allenata da Ancelotti, nonché il perno dal quale ripartire in vista del prossimo anno. Sulla destra trova spazio un nome abbastanza inaspettato, viste i tanti punti interrogativi che si sono aggirati sulla sua testa a causa della poca inclinazione a difendere. Si parla di Joao Cancelo, laterale della Juventus al primo posto nella classifica dei dribbling effettuati da un difensore (69). Sull'out opposto Opta propone Aleksandar Kolarov, serbo della Roma che ha terminato il campionato con ben 8 gol segnati, il massimo nel ruolo tra tutti i top tornei d'Europa.

Non ci sono grandi sorprese nemmeno per quanto riguarda il centrocampo, dove da interno viene schierato Miralem Pjanic, il cui record è legato alla realizzazioni su calcio piazzato: dal suo arrivo in Italia ne ha realizzati 16, almeno 4 in più di ogni altro giocatore in questo preciso periodo di tempo. Vicino a lui troviamo Fabian Ruiz, uno dei centrocampisti rivelazione di quest'anno: arrivato al Napoli dal Betis, il talenti spagnolo è il più giovane ad aver messo a referto 4 gol e altrettanti assist nell'attuale Serie A.

Sono invece 112 le occasioni create da Alejandro Gomez, numero 10 dell'Atalanta fresca di qualificazione in Champions League: il Papu ha arretrato il suo raggio d'azione per mettersi a disposizione di Gasperini, che lo ha sfruttato in chiave di rifinitura e a supporto di Josip Ilicic, una sorta di socio in affari di Gomez. Lo sloveno ha fatto registrare un dato molto interessante, che riguarda la sua tripletta segnata al Sassuolo da subentrato a fine 2018, una situazioe che non accadeva dal 2011 (Kevin-Prince Boateng, ai tempi al Milan, contro il Lecce).

A corredo di questa formazione mancano solo le due bocche da fuoco offensive. La prima è Dries Mertens, unico di questa Serie A a essere andato in doppia cifra di gol e di assist: il belga, una pedina molto importante nello scacchiere tattico di Ancelotti, ha chiuso con 16 gol all'attivo - il 22% del totale di squadra - e ben 11 passaggi decisivi. Ultimo, ma non per importanza, Duvan Zapata: a partire da novembre 2018, il colombiano della Dea ha segnato un totale di 23 gol, secondo nei 5 top tornei europei alle spalle del solo Messi. Tutte reti, quest'ultime, fondamentali per la grande cavalcata bergamasca, decisamente la realtà migliore dell'anno.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.