Gattuso e il Milan si separano: ecco chi può prendere il suo posto

Di Francesco in pole position, ma ci sono anche le opzioni De Zerbi e Giampaolo: ecco la lista dei papabili che possono prendere il posto di Gattuso.

1 condivisione 3 commenti

di - | aggiornato

Share

L'annuncio è arrivato, anche se a malincuore e con l'amaro in bocca per non essere riuscito a centrare la qualificazione in Champions League. Gennaro Gattuso non è più l'allenatore del Milan: il tecnico rossonero lascia al termine di una stagione conclusa al 5° posto, ad un solo punto da Atalanta e Inter che invece sono riuscite a staccare il pass per l'Europa che conta.

Con un'Europa League da disputare nella prossima stagione e un calciomercato da pianificare in tempi brevi, il Milan deve ora pensare al nuovo allenatore. Ancora nessuna indicazione certa, ma c'è già una lista di nomi: in tanti potrebbero far comodo al club, qualcuno anche con una comprovata esperienza europea. Bisognerà valutare, però, l'investimento da affrontare per la panchina.

C'è già un favorito e il suo nome circolava già prima dell'annuncio di Gattuso, quando il tecnico calabrese era a rischio esonero. Dopo l'esperienza alla Roma, Eusebio Di Francesco potrebbe approdare sulla panchina del Milan, ma il suo vantaggio sulla concorrenza non è particolarmente ampio. La dirigenza potrebbe virare altrove, anche per motivi strettamente economici.

Gattuso lascia il Milan, la lista dei possibili successori sulla panchina rossonera
Gattuso lascia il Milan, la lista dei possibili successori sulla panchina rossonera

Gattuso via dal Milan: chi prenderà il suo posto?

Dalla parte di Di Francesco c'è una semifinale di Champions League raggiunta un anno fa con la Roma, con conseguente qualificazione alla fase a gironi anche per questa stagione. I risultati altalenanti che l'hanno portato lontano dai giallorossi non sembrano preoccupare il Milan, che l'avrebbe indicato come prima scelta.

Di Francesco
Eusebio Di Francesco è il favorito: profilo da alta classifica ed esperienza europea con la Roma

In alternativa, soprattutto per le cifre richieste, ci sono Roberto De Zerbi e Marco Giampaolo: i tecnici di Sassuolo e Sampdoria hanno dimostrato di avere un'idea di calcio, ma l'hanno applicata a squadre di metà classifica e in ambienti meno esigenti di Milano. La panchina di San Siro potrebbe essere il definitivo salto di qualità o una scelta avventata.

La Roma si appresta a chiudere per Gian Piero Gasperini, pronto a lasciare l'Atalanta dopo averla portata in Champions League. Il Milan potrebbe inserirsi nella corsa all'ultimo momento, ma i giallorossi sembrano in vantaggio. Un altro nome potrebbe essere quello di Simone Inzaghi, ancora lontano da un accordo con Lotito per il rinnovo con ritocco dell'ingaggio. Con la Juventus che sembra aver virato altrove, il Milan potrebbe puntare sul tecnico della Lazio, fresco vincitore della Coppa Italia.

Decisamente più staccate le opzioni più costose che provengono dall'estero: Benitez, Jardim, Martinez e addirittura Wenger sono stati accostati al Milan, ma le piste della Serie A sono le più accreditate. Difficile anche vedere in panchina Donadoni e Sarri, mentre rimangono solo suggestioni due ex come Shevchenko e Van Bommel o perfino Erik ten Hag.

Shevchenko
Shevchenko dopo Gattuso: il Milan può sposare la linea degli ex calciatori?

L'unica certezza è che il Milan non potrà attendere a lungo per scegliere il nuovo allenatore. Programmare la prossima stagione, tra Europa League e Serie A, è un obiettivo a cui lavorare già dalle prossime settimane. Con una guida tecnica in panchina già da giugno, orientarsi sul calciomercato sarebbe più facile e più sensato.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.