Formula 1, Binotto: "Ferrari non favorita in Canada. Leclerc maturerà"

Il team principal ferrarista analizza il Gran Premio di Monaco ed esprime dubbi in vista dell'appuntamento in Canada.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il risultato finale del Gran Premio di Monaco 2019 non è stato poi negativo per la Ferrari, che ha messo Sebastian Vettel sul secondo gradino del podio. Un piazzamento che era difficile da immaginare, dato che entrambi i piloti Mercedes e anche Max Verstappen su Red Bull erano più veloci.

Il quattro volte campione del mondo di Formula 1 ha usufruito di errori e sfortune degli avversari, dato che Verstappen è stato penalizzato di 5" per unsafe release e Valtteri Bottas ha dovuto fare un pit-stop ulteriore proprio per colpa dell'olandese. La scuderia di Maranello in gara non ha commesso errori e dunque è riuscita ad ottenere anche qualcosa in più rispetto al suo potenziale reale.

Se dal lato del box di Vettel si può un po' sorridere, senza comunque illudersi visto che la SF90 va migliorata tanto, in quello di Charles Leclerc i volti sono scuri. Un weekend veramente da dimenticare per il pilota monegasco, che di fronte al suo pubblico sognava un grande risultato. Tutto è stato compromesso già sabato nelle qualifiche, dove un errore della squadra lo ha costretto a partire solo dalla quindicesima casella. In gara ha tentato una difficile rimonta, ma l'eccessiva foga lo ha portato a sbagliare e poi a ritirarsi.

Charles Leclerc si ritira nella gara di Formula 1 a Monaco
Deludente ritiro per Leclerc nella gara di Monaco, un weekend da dimenticare per Charles.

Formula 1, GP Monaco 2019: il commento di Binotto

Nell'analisi post-gara Mattia Binotto ha distinto tra quanto successo con Vettel e quanto con Leclerc. Inevitabile farlo, dato che partivano da posizioni in griglia diverse e poi l'esito della corsa è stato nettamente differente. Il team principal della Ferrari è stato contento della prova e del risultato di Seb, mentre per quanto riguarda Charles c'è dell'amarezza da ricondurre allo sbaglio grave della squadra in Q1.

Quello di Sebastian è buon risultato - spiega a Sky Sport F1 - dato che è partito quarto e ha concluso secondo. Sappiamo che sulla pista di Monaco è sempre difficile superare, lui ha tenuto un buon ritmo e ha gestito bene le gomme. Come squadra abbiamo scelto scelto gli pneumatici giusti, stavolta non siamo stati noi a commettere l'errore. Charles è partito forte, sapeva di dover rimontare. La gara era compromessa dalla qualifica, ma è partito bene e poi è normale che si rischi qualcosa quando si è aggressivi. L'ultimo sorpasso è forse stato eccessivo in quel momento. Normale che sia deluso. Sono convinto che maturerà e migliorerà in fretta.

La Formula 1 tornerà in azione a giugno (7-8-9) per il Gran Premio del Canada. La pista di Montreal ha caratteristiche che sulla carta si sposano bene con le qualità della Ferrari SF90, monoposto che si esalta su tracciati veloci grazie a un motore altamente performante. Tuttavia, Binotto ritiene che i favoriti saranno ancora i rivali della Mercedes.

La tipologia di curve è decisiva - spiega il team principal ferrarista -. Se c'è un misto di media-alta velocità e bassa velocità soffriamo in una delle due. Ci prepareremo al meglio per il Canada. Svilupperemo anche meglio la nostra monoposto nelle prossime settimane. Non so quando, ma arriveremo con un pacchetto migliorato. A Maranello si sta lavorando, vedremo i risultati poi. Dire che saremo i favoriti in Canada è un errore. I favoriti sono quelli che stanno davanti in classifica. La pista forse si adatterà meglio al nostro pacchetto, faremo del nostro meglio per giocarcela.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.