Da scarto del PSG a superstar: mezza Europa sulle tracce di Lo Celso

L'argentino ha giocato una grandissima stagione, attirando su di sé le attenzioni di molte big. Riscattato dal PSG, ha una clausola rescissoria da 100 milioni di euro.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Giovani Lo Celso è stato il grande protagonista della stagione del Betis, una delle poche note positive per club andaluso che, nonostante le buone premesse, ha terminato il campionato in un'anonima posizione di metà classifica. L'argentino però ha fatto stropicciare gli occhi a mezza Europa: merito, in primis, delle giocate d'alta scuola disegnate dal suo sinistro, uno dei piedi stilisticamente più sopraffini dell'intera Liga. I suoi numeri parlano chiaro: in 45 partite ufficiali giocate in maglia biancoverde, il talento albiceleste ha segnato 16 gol e messo a referto 6 assist, diventando una delle pedine fondamentali per Quique Setien.

Che, adesso, può essere considerato l'allenatore chiave nella svolta professionale di Lo Celso: arrivato in estate dal PSG in prestito con diritto di riscatto, il giocatore originario di Rosario è stato subito dirottato nel ruolo di interno di centrocampo con compiti principalmente di costruzione, una posizione che lo ha rivitalizzato dopo le prestazioni in chiaroscuro di Parigi nel ruolo di playmaker basso schierato davanti alla difesa. Emery lo utilizzava così, precludendogli l'uso della sua imprevedibilità tra le linee, una delle sue caratteristiche migliori.

Le sue skills ovviamente non sono passate inosservate, tanto che - durante tutto il campionato - sulle tribune del Benito Villamarin si sono visti molti osservatori per prendere nota della crescita di questo ragazzo, rinato in un sistema volto principalmente a valorizzare il talento tramite il possesso palla. Lo Celso è stato riscattato da poco per una cifra che si aggira intorno ai 22 milioni di euro, ma si può già affermare con tranquillità che il valore del suo cartellino - dopo un solo anno di Liga - sia almeno triplicato.

Lo Celso in Milan - Betis
Giovani Lo Celso è una delle poche note liete stagionali del Betis: il centrocampista classe 1996 piace a tante big d'Europa, ma ha una clausola rescissoria da 100 milioni di euro

Big inglesi e Real Madrid su Lo Celso: ha una clausola da 100 milioni di euro

La pensano così a Londra, sponda Tottenham: secondo il Diario de Sevilla, uno dei quotidiani più vicini alle vicende dei club della città andalusa, gli Spurs avrebbero già messo sul piatto un'offerta da 60 milioni di euro, per il momento rispedita al mittente. Non è difficile capirne i motivi: dopo una stagione del genere, è molto facile che sul classe 1996 argentino si possa scatenare un'asta di mercato furibonda, quindi il Betis vuole guardarsi intorno prima di accettare la prima proposta che arriva in sede.

Oltre al Tottenham infatti, pare si siano mossi anche Manchester United e Real Madrid, con quest'ultimo pronto a fare ponti d'oro al calciatore, visto come uno degli elementi più adatti in circolazione per costruire quello che sarà il nuovo progetto tecnico delle Merengues in vista della prossima stagione. Dopo averlo riscattato, il Betis lo ha blindato fino al 2023 con una clausola rescissoria da 100 milioni di euro, il 20% della quale finirà dritta nelle casse del PSG. A Siviglia sono coscienti del grande interesse suscitato dal loro gioiellino, ma l'obiettivo sarebbe quello di tenerlo ancora una stagione a Heliopolis.

D'altro canto, la società potrebbe farci poco qualora qualcuno si presentasse con i soldi della clausola e trovasse l'accordo con il giocatore: in questo caso caso trattenerlo sarebbe impossibile, ma è pur vero che - con quella cifra - la dirigenza avrebbe la possibilità di andare a sistemare la squadra inserendo più di un nuovo tassello nel motore. Considerando che potrebbe partire anche Junior Firpo, ecco che le casse del club scoppierebbero di soldi utili a correggere le tante cose che quest'anno non hanno funzionato. Costruire una squadra competitiva, Lo Celso o meno, è l'obiettivo principale del Betis, consapevole che un pezzo da novanta del genere difficilmente si potrà trattenere a lungo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.