Serie B, Tar accoglie il ricorso del Foggia: no allo stop dei playout

Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso d'urgenza presentato dal Foggia e ha sospeso l'annullamento dei playout: "Lo scorrimento della classifica ne permette lo svolgimento"

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Ancora uno scossone alla Serie B che non sembra proprio aver pace. Il Tar ha accolto il ricorso del Foggia contro la cancellazione dei playout che era stato decretato da una delibera della Lega di B. Una decisione che aveva portato alla salvezza di Venezia e Salernitana e condannato i pugliesi alla retrocessione diretta in Serie C. Una decisione che aveva poi scatenato una tempesta di polemiche e ricorsi. 

Tutto nasce dallo scorrimento della classifica provocato dalla retrocessione del Palermo per irregolarità amministrative. La Lega di Serie B aveva deciso per l'annullamento dei playout facendo piombare nella terza serie il Foggia (retrocesso sul campo) che invece sperava a quel punto di giocare lo spareggio per rimanere in cadetteria contro la Salernitana. 

Un caos che ora si alimenta di un nuovo capitolo. Il tribunale amministrativo del Lazio, infatti, ha deciso per la sospensione della decisione della Lega. Una scelta figlia dell'udienza straordinaria che si è tenuta oggi a Roma. Il Tar doveva analizzare il ricorso d'urgenza presentato dal Foggia, mentre in aula erano presenti anche le altre parti costituite in giudizio: la Salernitana e i comuni di Foggia e Salerno, i cui legali hanno supportato le tesi delle rispettive squadre.

Serie B, il Foggia in campo
Serie B, il Tar accoglie il ricorso del Foggia

Il Tar sospende l'annullamento dei playout: "Disparità di trattamento"

La sentenza del Tar è stata motivata con un comunicato in cui si evidenza come la scelta di annullare i playout non sussita proprio in relazione della retrocessione del Palermo.

La modifica della graduatoria del campionato, a seguito della retrocessione della squadra del Palermo, provoca uno scorrimento che ha come effetto quello di permettere la disputa dei playout a squadre diverse rispetto a quelle individuate nella precedente graduatoria. 

Non solo. Il Tar si concentra anche sulla disparità di trattamento che l'annullamento dei playout aveva generato in relazione alla contemporanea ammissione del Perugia agli spareggi promozione in luogo del club rosanero: 

Essa è configurabile come una disparità di trattamento nell'ambito delle modifiche della medesima graduatoria.

Il ricorso sarà esaminato in camera di consiglio l’11 giugno prossimo, ma al momento la delibera della Lega di B è sospesa e quindi i playout di fatto riabilitati. Ora l’attesa è per l’udienza alla Corte federale d'appello con protagonista il Palermo. Se i siciliani evitassero la retrocessione in Serie C, a quel punto gli spareggi per rimanere in Serie B si giocherebbero tra Salernitana e Venezia con il Foggia di nuovo retrocesso in C. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.