Valzer delle panchine in Serie A: ecco i possibili scenari futuri

Allegri e Gattuso sembrano proprio alle prese con un ballo, ma in realtà si parla di panchine: chi siederà dove nella prossima stagione?

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Come il gioco delle sedie (o del trono, visto il periodo), dove quando si ferma la musica (leggi: finisce il campionato) bisogna sedersi il più velocemente possibile per non restare in piedi. Come il ballo di fine anno, quando devi cercare il partner perfetto per non restare solo.

Un’americanata, sì, mentre noi siamo in Italia, precisamente in Serie A. Un valzer, però, sta cominciando anche qui. Non ci sono sedie ma panchine, e la canzone di sottofondo è “O generosa!”, un inno mai veramente troppo apprezzato dai calciofili. Forse ha ricevuto più meme che applausi, ma è il nostro e ce lo teniamo.

“È il nostro e ce lo teniamo”: qualche presidente avrà fatto questo discorso, parlando del proprio allenatore. Lo ha fatto sicuramente De Laurentiis: Ancelotti, al momento, tra gli allenatori delle prime 8 squadre in classifica sembra l’unico sicuro del posto (insieme a Mazzarri). Per gli altri, tutto è possibile. Che comincino le danze.

Serie A, Simone Inzaghi saluta Luciano Spalletti

Serie A, comincia il valzer delle panchine: cosa cambierà?

L’addio di Allegri potrebbe scatenare l’effetto domino, ma in realtà qualche panchina già tremava. Dalla Juventus alla Lazio, le incognite in Serie A non sono poche. Si tratta di speculazioni o poco più, per il momento nulla di certo. Ma qualche riflessione può essere comunque fatta.

Massimiliano Allegri

Serie A, Allegri festeggia l'ennesima vittoria

Dopo cinque scudetti consecutivi, Allegri lascia la Juventus da vincente. Ennesimo trionfo in Serie A, ma la Champions League non è arrivata e questo potrebbe aver inciso in maniera determinante sulla fine di un ciclo che, comunque, resta da incorniciare.

Possibile destinazione: lui stesso ha detto che potrebbe prendersi un anno sabbatico, ma se così non dovesse essere Allegri potrebbe sedersi sulla panchina di una big europea (PSG su tutte). Permanenza in Serie A praticamente da escludere (nonostante qualche voce da Milano…). Nel frattempo, Galeone lancia l'ipotesi: Allegri al Real Madrid e Zidane alla Juventus. Suggestione intrigante, ma niente di più. Almeno per ora...

Possibile sostituto: lista ricca di grandi nomi, la verità è che al momento non c’è un candidato principale. Forse Guardiola è leggermente avanti agli altri (almeno secondo i bookmakers), in lista ci sono anche Klopp, Sarri, Deschamps, Simone Inzaghi, Conte e Pochettino. Sullo sfondo, un improbabile Mourinho se la ride. Ma anche Cristiano Ronaldo sembrava lontano...

Gian Piero Gasperini

Serie A, l'Atalanta di Gasperini continua a volare

Altra stagione incredibile della sua Atalanta, che nonostante le sistematiche (e da una parte anche giuste) cessioni è riuscita a rinnovarsi (di più: a migliorarsi) ogni anno sotto la sua sapiente guida. Dalla prossima stagione, però, Gasperini potrebbe cambiare aria.

Possibile destinazione: si è parlato di Milan, nel caso (ormai remoto) in cui l’Atalanta non dovesse raggiungere la Champions League; si è parlato anche di Roma e di altre squadre, lui per il momento è rimasto sul vago: dovrà parlare prima con Percassi.

Possibile sostituto: in caso di addio di Gasperini, l’Atalanta verosimilmente cercherà di continuare la strada già tracciata dal tecnico. E quindi punterà su un allenatore che sa far giocare bene la squadra e valorizzare I proprio giocatori. Due nomi: Giampaolo e De Zerbi. Outsider: Di Francesco.

Luciano Spalletti

Serie A, Spalletti probabilmente non guiderà l'Inter nella prossima stagione

Probabilmente la scintilla con l’Inter non è mai scoccata, probabilmente a fine anno sarà addio. Però potrebbe essere - no, meglio non usare questa espressione. Il ciclo di Spalletti all’Inter sembra finito, difficile ipotizzare una sua permanenza a Milano.

Possibile destinazione: forse l’allenatore toscano prenderà una pausa, oppure tornerà all’estero. In Serie A si è parlato di due possibili destinazioni, entrambe parecchio improbabili: Milan e Juventus. 

Possibile sostituto: un nome su tutti campeggia sulle prime pagine dei giornali. Non ci sarebbe neanche bisogno di farlo, ma lo citiamo lo stesso: Antonio Conte. Insieme a Marotta potrebbe ricostituire il binomio vincente dei tempi di Torino, i tifosi nerazzurri sognano. Indietro tutti gli altri, Mourinho compreso: un suo ritorno al momento è da escludere.

Gennaro Gattuso

Serie A, Gattuso resterà ancora sulla panchina del Milan?

Sentimenti contrastanti nella Milano rossonera: c’è chi pensa che Gattuso abbia tirato fuori il massimo da una squadra non irresistibile, c’è chi invece vorrebbe accompagnarlo subito alla porta a causa di alcune (forse troppe) prestazioni davvero deludenti.

Possibile destinazione: in realtà, l’allenatore potrebbe anche restare, ma la sua permanenza sembrava (o meglio: sembra ancora, finché la matematica lo permette) legata al quarto posto. Difficile ipotizzare su quale panchina potrebbe sedersi, dopo l’eventuale addio al Milan. Un’esperienza all’estero forse potrebbe fare al caso suo. Si è parlato di Roma per qualche giorno, poi tutto si è spento: con ogni probabilità si trattava solo di un fuoco di paglia.

Possibile sostituto: anche per il Milan si era fatto il nome di Conte, ma l’ex Juventus sembra ormai destinato all’Inter. Però l’ultima giornata di Serie A potrebbe ribaltare tutto… Altri nomi che sono stati fatti: Sarri, Simone Inzaghi, Gasperini, Di Francesco.

Claudio Ranieri

Serie A, probabilmente Ranieri non guiderà la Roma nella prossima stagione

Tra tutti quelli in lista, Allegri a parte, è l’unico sicuro di non restare. Anche in questo caso, un clamoroso (e improbabile, classifica alla mano) accesso in Champions potrebbe cambiare le cose, ma quasi sicuramente Ranieri non allenerà la Roma nella prossima stagione. Era stato chiamato come traghettatore, ha traghettato. Stop.

Possibile destinazione: no al passaggio “dietro la scrivania”, almeno per ora. Ranieri ha ribadito la sua volontà di voler continuare ad allenare, ma al momento la sua prossima destinazione è davvero un’incognita. 

Possibile sostituto: senza Champions sarà difficile puntare su un big, e anche per questo Conte ha detto “not today” alla panchina giallorossa. I nomi in questo caso sono tre: Sarri (pur sempre un big, comunque), Gasperini e Giampaolo.

Simone Inzaghi

Serie A, Inzaghi festeggia la vittoria della Coppa Italia con i tifosi

Dulcis in fundo, il tecnico della Lazio, fresco vincitore della Coppa Italia. Simone Inzaghi ultimamente ha preso la curiosa abitudine di disertare le conferenze stampa, e questo non fa che alimentare le voci su un suo possibile addio. Non sono in pochi a pensare che il suo ciclo alla Lazio si finito. E anche lui stesso dopo la finale vinta ha detto che “non sempre le cose sono così scontate”...

Possibile destinazione: la Juventus è una pista verosimile, Simone Inzaghi ha dimostrato il suo valore con la Lazio, tra posti Champions sfiorati e finali vinte. Al momento, però, per la panchina bianconera i nomi caldi sono altri. Si parla anche di Milan, ma un suo possibile arrivo in rossonero sembra inverosimile.

Possibile sostituto: se da una parte sono tante le incertezze sul futuro dell’attuale tecnico, dall’altra per il possibile sostituto si fa soprattutto un nome. È laziale anche lui, in passato ha indossato la maglia biancoceleste e di recente è stato anche all’Olimpico. Sì, è così: dopo aver salvato il Bologna con maestria, Sinisa Mihajlovic potrebbe tornare a casa.

Stay tuned.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.