Maldini: "Il futuro di Gattuso? Devo essere freddo nel valutarlo"

L'ex capitano del Milan parla in un'intervista a DAZN: "Lo rispetto ma abbiamo ruoli diversi ora. Vogliamo avere uno stadio di proprietà, anche insieme all'Inter".

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

I prossimi giorni saranno decisivi per conoscere il futuro prossimo del Milan, concentrato sulla partita di Ferrara in casa della SPAL che chiuderà il suo campionato e con la speranza del passo falso di una fra Inter e Atalanta che gli permetterebbe di qualificarsi alla prossima edizione della Champions League.

Ma anche la dirigenza rossonera sta vivendo un periodo particolarmente tumultuoso, in particolare con la figura di Leonardo che sembra sempre più lontana da Milano nella prossima stagione dopo soltanto un anno dal suo arrivo.

Chi invece rimarrà sicuramente è Paolo Maldini, che stando a quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport è ritenuto una figura fondamentale dalla dirigenza e dall'amministratore delegato Gazidis. E l'ex capitano del Milan sta già pensando ai progetti in vista della stagione che verrà.

Paolo Maldini nella sede della Lega Serie A
Maldini ha parlato in un'intervista a DAZN

Maldini su Gattuso: "Dovremo valutare in modo freddo"

Maldini è stato protagonista di una lunga intervista ai microfoni di DAZN: risponendo alle domande di Diletta Leotta, il dirigente del Milan ha parlato del futuro di Gattuso che potrebbe non essere più sulla panchina dei rossoneri dopo l'ultima giornata di campionato.

Con lui ho un rapporto ottimo iniziato tanti anni fa e di lui ho grande rispetto, entrambi lavoriamo per il bene del Milan. Ma il suo lavoro va valutato in maniera fredda, ora non siamo più compagni di squadra. Abbiamo ruoli diversi.

L'ex capitano è arrivato a Casa Milan con il ruolo di Direttore dello sviluppo strategico dell'area sportiva rossonera principalmente per volere di Leonardo dopo aver rifiutato offerte simili poco tempo prima.

Il mio ruolo è poco esplicativo, Leo mi ha chiesto di accompagnarlo nel ruolo di dirigente. Ho accettato perché mi sembrava la chiusura di un cerchio, anche se al primo incontro con i dirigenti Elliot avevamo opinioni molto diverse.

Trattato anche l'argomento dello Stadio del Milan, idea che la nuova proprietà sta portando avanti sin dal suo insediamento. Anche Maldini è convinto che il Diavolo abbia bisogno di un impianto di proprietà.

Vogliamo riportare il Milan a vincere ma ci vorrà tempo. Una delle nostre idee è avere lo stadio di proprietà. Si tratta di un progetto a lunga scadenza e potremmo farlo anche insieme all'Inter.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.