Juventus, Chiellini sull'addio di Allegri: "Me l'aspettavo. Magari tornerà"

Le parole del capitano bianconero sul tecnico livornese: "Ha fatto la storia della Juve e non mi sorprenderei di rivederlo un giorno. Futuro? Vogliamo continuare a vincere".

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

"Sono alla Juventus da 15 anni, dire che non mi aspettavo l'addio di Allegri sarebbe una bugia. Certi silenzi e certi atteggiamenti si possono interpretare, ho una certa esperienza ormai". Parla così Giorgio Chiellini a Sky Sport a margine della serata dedicata agli Insuperabili Onlus e Reset Academy. Tra il difensore e il tecnico c'è un legame particolare, motivo per cui pochi meglio del capitano bianconero possono parlare dell'argomento più caldo del momento:

Allegri è una persona speciale, acclamata come merita sia domenica dai tifosi che dal presidente in conferenza stampa. Ha fatto la storia della Juve e non mi sorprenderei di rivederlo un giorno qui, ha doti incredibili e mancherà a tutti. Un messaggio da inviargli? No, lo sentirò al telefono o magari lo vedrò a Livorno. Siamo arrivati alla fine del ciclo del mister e dobbiamo ringraziarlo, la Juventus andrà avanti come sempre

Inevitabile parlare dell'allenatore che verrà:

Non so che tipo di allenatore arriverà, ci sono persone che sanno meglio di me chi prendere. Sono tranquillo e lo devono essere anche i tifosi. Non sto leggendo niente e non so niente, mi sto allenando perché voglio giocare domenica e mi voglio tenere in forma anche per la Nazionale. Poi sapremo con calma il prossimo allenatore. Dico solo che vogliamo continuare a vincere e la Juve lo farà, perché lo ha nel DNA

Su Barzagli:

Questo è stato il primo anno da capitano, mi ha fatto piacere condividere questo scudetto con Barzagli che è una persona silenziosa ma tanto importante in questo gruppo. Ha ricevuto il giusto tributo e sono sicuro che sarà ancora una persona importante per la Juventus. Ora dovrà staccare un attimo e riposare, ma poi sarà un valore aggiunto. Gente come lui può aiutare tanto, soprattutto i giovani 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.