IAAF World Challenge, Norman eguaglia il personale sui 200m con 19”84

Michael Norman protagonista con il secondo crono mondiale dell’anno sui 200 metri al meeting IAAF World Challenge di Osaka

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Michael Norman ha regalato il risultato clou del Golden Grand Prix al Nagai Stadium di Osaka (tappa giapponese del circuito IAAF World Challenge) vincendo con vento contrario di -0.4 m/s i 200 metri in 19”84, tempo che eguaglia il record personale stabilito lo scorso anno al meeting di Parigi. Il giovane statunitense ha migliorato il record del meeting detenuto da 20 anni dal grande Frankie Fredericks con 19”87.

Norman ha gareggiato per la prima volta in carriera in Giappone nella terra di origine di sua madre, che gareggiava nello sprint a livello high school. Il cinese di Taipei Chun Han Yang si è classificato secondo in 20”50 davanti allo statunitense Chris Belcher (20”57) e al sudafricano Anaso Jobodwana (20”69).

Poche settimane fa il velocista allenato dal campione olimpico dei 400 metri di Barcellona 1992 Quincy Watts aveva realizzato il primato personale sui 400 metri con 43”45 a Torrance diventando il quarto velocista di sempre su questa distanza. Il prossimo 6 Giugno Norman sfiderà Noah Lyles (vincitore sui 100 metri a Roma in 9”86), Ramil Gulyev e gli azzurri Filippo Tortu e Eseosa Desalu in un 200 metri stellare al Golden Gala Pietro Mennea di Roma.

Michael Norman:

Sono davvero contento della prestazione. Sento di avere ancora margini di miglioramento. Tornerò a casa per lavorare in vista della prossima gara sui 200 metri a Roma

Gatlin ferma il cronometro in 10”00 sui 100 metri

Il campione del mondo dei 100 metri di Londra 2017 Justin Gatlin ha messo a segno il successo sui 100 metri in 10”00 con vento a favore di +1.7 m/s precedendo di un centesimo di secondo il primatista giapponese Yoshihide Kiryu e di tre centesimi di secondo l’indonesiano Lalu Mohamed Zohri (campione del mondo under 20 di Tampere 2018). Ottime prove per i giapponesi Yuki Koike (10”04) e Ryota Yamagata (10”12) che hanno preceduto il figlio d’arte statunitense Cameron Burrell (10”12).  

Il Giappone ha riscattato la delusione per la squalifica alle World Relays di Yokohama con una bella vittoria nella staffetta 4x100 in 38”00 (migliore prestazione mondiale dell’anno) davanti agli Stati Uniti con Justin Gatlin in seconda frazione (38”73).

Lalova-Collio brilla sui 200 metri

La sprinter bulgara Ivet Lalova Collio (moglie dell’ex velocista azzurro Simone Collio) ha dominato i 200 metri femminili in 22”55 battendo nettamente Kyra Jefferson (23”00).

Nelvis batte Pearson sui 100 ostacoli

La statunitense Sharicka Nelvis (vincitrice ai mondiali di staffette nella shuttle hurdles relay) ha battuto al photo-finish la campionessa mondiale in carica Sally Pearson nei 100 ostacoli con lo stesso tempo di 12”70. Terzo posto per Pedra Seymour delle Bahamas con 12”90.

La campionessa olimpica dei 400 ostacoli Dalilah Muhammad ha conquistato nettamente i 400 ostacoli femminili in 53”88 davanti alla rappresentante delle Barbados Tia Abana Belle (55”42).

Vittoria giapponese per il bronzo iridato under 20 Shunsuke Izumiya sui 110 ostacoli in 13”26 con vento a favore di +2.9 m/s.

La statunitense Mikiah Brisko si è aggiudicata i 100 metri femminili in 11”33 con vento contrario di -2.2 m/s precedendo di sei centesimi di secondo Olga Safronova.

Tobe vince il salto in alto con 2.27

Il giapponese Naoto Tobe ha aperto la stagione outdoor vincendo il salto in alto con 2.27m. L’azzurro Marco Fassinotti ha superato 2.10m prima di commettere tre errori a 2.15 ma era reduce da un periodo di pausa a causa di una microfrattura alla sinfisi pubica, che lo ha costretto a rimanere fermo per tre mesi fino a Marzo. Il trentenne torinese gareggiava per la prima volta dopo il trasferimento in Australia, dove si sta allenando sotto la guida di Alex Stewart, coach di Brandon Starc (campione dei Giochi del Commonwealth di Gold Coast e della Diamond League nel 2018).

Craddock oltre i 17 metri nel triplo

Lo statunitense Omar Craddock ha confermato il suo buon momento di forma vincendo il salto triplo con la misura di 17.16m con vento contrario di -0.4 m/s.

Il lituano Edis Matusecivius (bronzo europeo under 20) ha avvicinato di 23 centimetri il record nazionale del giavellotto con la buona misura di 84.55m.

Wang stabilisce la migliore prestazione su suolo giapponese nel martello.

Il Golden Grand Prix di Osaka ha inaugurato il circuito del World Challenge del lancio del martello a livello femminile. La campionessa asiatica Wang Zheng ha vinto con oltre un metro di vantaggio sulle avversarie stabilendo la migliore prestazione su suolo giapponese con 75.27m. Il precedente record era detenuto dalla tedesca Betty Heidler con 74.76m dai Mondiali di Osaka 2007. La statunitense Gwen Berry si è classificata seconda con 74.09m davanti alla primatista nord americana Deanna Price (72.92m).

Il keniano Jonathan Kitilit si è imposto sugli 800 metri maschili in 1’46”37 davanti al britannico Guy Learmonth (1’46”81) e sul keniano Alfred Kipketer (1’46”88). Lo statunitense Vernon Norwood ha fatto suoi i 400 metri maschili in 45”79 precedendo il giapponese Julian Walsh (46”26).

Crouser ancora oltre i 22 metri nel peso a Tucson

Il campione olimpico Ryan Crouser si è confermato su eccellenti livelli vincendo la gara del getto del peso dell’Elite Classic di Tucson con la misura stratosferica di 22.67m davanti a David Pless (21.06m).

Baie Mahault: migliore prestazione mondiale dell’anno sui 100 ostacoli di Kendra Harrison

La primatista del mondo dei 100 ostacoli Kendra Harrison ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno sui 100 ostacoli con 12”47 al meeting di Baie Mahault in Guadalupa precedendo la giamaicana Danielle Williams (12”70).

Il campione del mondo indoor e due volte argento olimpico del salto triplo Will Claye ha realizzato l’ottima misura di 17.40m nella sua prima gara dal Maggio 2018.

Kenturah Orji (quarta alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 nel salto triplo) ha vinto il salto in lungo con 6.80m battendo la quattro volte campionessa mondiale e oro olimpico di Londra 2012 Brittney Reese (6.73m).

La giamaicana Chrisann Gordon si è imposta sui 400 metri femminili in 50”66 precedendo la campionessa Phyllis Francis (50”86).

Il campione europeo dei 100 metri di Berlino 2018 Zharnel Hughes ha fermato il cronometro in 10”03 sui 100 metri davanti a Bryce Robinson (10”18). La sprinter britannica Jodie Williams ha confermato il suo ritorno a buoni livelli vincendo i 200 metri femminili in 22”92.

Il francese Wilhelm Belocian ha realizzato il suo miglior tempo dal 2016 vincendo i 110 ostacoli in 13”35 per un centesimo sul rappresentante di Barbados Shane Brathwaite. Byron Robinson ha vinto i 400 ostacoli maschili in 49”37 battendo al photo finish il vincitore delle ultime due edizioni Kyron McMaster.

Hobbs (New Mexico), straordinario Bednarek: sotto i 20 secondi sui 200 metri e sotto i 45 secondi sui 400 metri nello stesso giorno

Il fine settimana dell’atletica statunitense è stato illuminato dalla straordinaria doppietta del ventenne Kenny Bednarek, che ha corso i 200 metri in 19”82 con vento contrario di -0.8 m/s a 1000 metri di altitudine a Hobbs in New Mexico facendo meglio rispetto a Michael Norman, vincitore a Osaka in 19”84 nello stesso giorno. Nella batteria Bednarek aveva ottenuto un clamoroso 19”49 con un vento a favore esagerato di +6.1 m/s. Lo sprinter nato nel 1998 è tornato in pista poche ore dopo per correre i 400 metri in 44”73. Nella storia soltanto Isaac Makwala del Botswana era riuscito nell’impresa di correre i 200 metri sotto i 20 secondi e i 400 metri sotto i 45 secondi con 19”77 e 43”92 a Madrid nel 2017.

Gillespie sotto i 10 secondi sui 100 metri

Lo sprinter dell’Oregon Cravon Gillespie ha polverizzato il record personale sui 100 metri di 13 centesimi di secondo con 9”97 nei PAC 10 di Tucson. Lo stesso meeting ha fatto registrare l’ottimo 42”44 della staffetta della University of Southern California formata da McGlaston, Annelus, Thomas e Terry.

Il nigeriano Divine Oduduru è sceso per la seconda volta sotto i 10 secondi con 9”99 a Oklahoma. Lo sprinter di Barbados Mario Burke si è migliorato correndo i 100 metri in 9”95 all’American Conference in Kansas.

Nuovo exploit del talento bianco Boling

L’astro nascente dello sprint statunitense Matt Boling (velocista bianco) ha vinto i 100 metri in 10”13 ai Campionati delle High School di Austin in Texas stabilendo il record personale con vento regolare poche settimane dopo il clamoroso 9”98 ventoso.

Migliore prestazione mondiale di Caballero nel lancio del disco

La campionessa mondiale di Pechino 2015 Denia Caballero ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno del lancio del disco con 68.43m a l’Avana. Misure spettacolari anche nel salto triplo: Liadagnis Povea 15.00m con vento di +2.1 m/s in campo femminile e Cristian Napoles (17.43) e Andy Diaz (17.21m).

La campionessa olimpica del salto triplo Caterine Ibarguen ha realizzato la misura di 14.38m a Barranquilla precedendo di due centimetri Yosirys Urrutia.

Tentoglou e la giovane Tzenggo brillano in terra greca

Il campione europeo outdoor e indoor Miltiadis Tentoglou ha realizzato 8.10m sull’isola di Cefalonia.

Sempre in Grecia la sedicenne Elina Tzenggo ha stabilito il record del mondo del giavellotto con attrezzo da 500 grammi con un eccellente 65.90m

Ottima Alina Reh a Karlsruhe

La ventunenne tedesca Alina Reh ha realizzato il minimo per i Mondiali di Doha sui 5000 metri con un ottimo 15’12”96 a Karlsruhe.

Buon test di Crippa sui 1500 metri a Trento

Il bronzo europeo dei 10000 metri di Berlino 2018 Yeman Crippa ha corso i 1500 metri in 3’40”03 precedendo Osama Zoghlami (3’42”60) a Trento nella prima gara stagionale in pista dopo un periodo di allenamenti a Flagstaff in Arizona. Crippa vanta un personale sui 1500 metri di 3’38”22 realizzato al Golden Gala 2018. La gara disputata in una giornata fredda e piovosa è stata un buon test agonistico in vista dei 5000 metri del prossimo Golden Gala Pietro Mennea allo Stadio Olimpico di Roma.

Societari allievi: l’azzurrina Idea Pieroni sale a 1.85 nel salto in alto

L’eccellente 1.85m nel salto in alto realizzato a Cecina dalla portacolori della Virtus Lucca Idea Pieroni è stato il risultato clou della seconda fase dei Campionati italiani di società allievi. Con questa prestazione Pieroni è salita al sesto posto delle liste italiane under 18 a 5 centimetri dal record italiano di categoria detenuto da Alessia Trost e da Barbara Fiammengo. La sedicenne toscana aveva realizzato il precedente record personale di 1.81m una settimana fa. Con L’anno scorso si è classificata quarta agli ultimi Europei Under 18 di Gyor e ha partecipato alle Olimpiadi giovanili di Buenos Aires.

La promettente lombarda Veronica Besana ha stabilito il primato stagionale sui 100 ostacoli con 13”64 a Saronno avvicinando la migliore prestazione italiana under 18 di 13”43 da lei stessa realizzata nel 2017.

Simone Cuciniello ha incrementato il record personale nel lancio del giavellotto di quasi un metro con 69.05m con l’attrezzo da 700 grammi.

Carmelo Musci terzo di sempre nel getto del peso juniores

Continua la crescita del diciassettenne Carmelo Musci, che ha realizzato la terza migliore prestazione italiana di sempre del getto del peso con attrezzo da 6 km con 19.74m sulla pedana di Matera. Il lanciatore pugliese, medaglia di bronzo alle Olimpiadi giovanili di Buenos Aires nel 2018, ha migliorato di quasi un metro il record personale di 18.93m realizzato a livello indoor. Cresce anche il coetaneo Riccardo Ferrara, che si è migliorato di oltre un metro nella stessa specialità co 19.58m.

Campionati italiani universitari a L’Aquila: in evidenza i quattrocentisti Troiani e Sibilio

I quattrocentisti Virginia Troiani e Alessandro Sibilio sono stati i protagonisti dei Campionati Italiani Universitari a l’Aquila una settimana dopo aver contribuito alla qualificazione della staffetta 4x400 mista per i Mondiali di Doha in occasione delle IAAF World Relays. Virginia Troiani si è imposta sui 400 metri femminili in 53”75 arrivando a poco più di due decimi di secondo dal record personale realizzato nella scorsa stagione. Serena Troiani, sorella gemella di Virginia, ha conquistato il titolo sugli 800 metri in 2’11”09.

Il vice campione europeo under 20 dei 400 ostacoli Alessandro Sibilio ha vinto i 400 metri maschili in 46”90 precedendo il compagno di allenamenti e di scuola Andrea Romani (47”54). Sibilio ha fatto successivamente doppietta vincendo anche i 200 metri in 21”28 battendo Simone Tanzilli al photo-finish.

Il campione italiano indoor degli 800 metri Simone Barontini ha preceduto Enrico Riccobon sugli 800 metri in 1’49”18.

Sebastiano Bianchetti ha debuttato in questa stagione vincendo il getto del peso con 19.15m. Silvia Taini ha vinto i 100 ostacoli femminili migliorando il record personale di un centesimo di secondo con 13”60. Il ventenne Mattia Montini si è aggiudicato i 110 ostacoli maschili in 14”00 dopo aver corso la batteria in 13”99.  

Mattuzzi e Dini campioni italiani dei 10000 metri

La finalista europea dei 3000 siepi di Berlino 2018 Isabel Mattuzzi e l’argento europeo under 20 dei 10000m di Rieti 2013 Lorenzo Dini si sono laureati campioni italiani dei 10000 metri sulla pista di Monselice in provincia di Padova. Mattuzzi si è imposta in 32’36”50 migliorando il personale di un minuto davanti alla maratoneta Giovanna Epis (33’28”75). Dini, ora allenato da Stefano Baldini, ha vinto il suo primo titolo italiano assoluto fermando il cronometro in 28’51”99 davanti a Nekagenet Crippa (29’24”47) sotto la pioggia battente.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.