500 Miglia di Indianapolis, clamoroso: Alonso fallisce le qualifiche

Il due volte campione del mondo della Formula 1 deve rinviare l'appuntamento con la Triple Crown. A sorpresa, non si è qualificato per la 500 Miglia.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Lasciata la Formula 1 al termine del campionato 2018, a Fernando Alonso rimaneva un obiettivo importante da conseguire: la Triple Crown. Si tratta del riconoscimento non ufficiale per chi nel corso della propria carriera ha vinto il Gran Premio di Monaco in F1, la 24 Ore di Le Mans nel WEC e la 500 Miglia di Indianapolis in IndyCar.

Il pilota spagnolo è a due terzi del cammino. Ha vinto per due volte nel Principato, poi nel 2018 ha trionfato anche nella prestigiosa gara di durata del campionato mondiale Endurance e gli mancava solo la Indy 500. Purtroppo per lui, però, l'appuntamento con la Tripla Corona andrà rinviato al 2020. Infatti, in questo weekend Fernando Alonso non è riuscito a qualificarsi per la celebre corsa che si svolge presso il Motor Speedway di Indianapolis. Per 12 millesimi ha fallito, una vera beffa. Quindi, nel prossimo weekend non potrà prendere parte alla 103esima edizione della 500 Miglia.

Il driver di Oviedo, al volante della McLaren motorizzata Chevrolet, già sabato aveva fallito le prime qualifiche arrivando 33esimo e dunque fuori dai primi 30 che potevano accedere alla gara. Domenica c'era la sessione di spareggio con tre posti a disposizione per poter rientrare nella competizione, ma il due volte campione del mondo della Formula 1 ha chiuso al quarto posto venendo beffato da Kyle Kaiser per pochi millesimi.

Fernando Alonso nel box McLaren
Fernando Alonso ha fallito la qualificazione alla 500 Miglia di Indianapolis

Fernando Alonso, niente 500 Miglia di Indianapolis: Triple Crown rinviata

Ovviamente tanta delusione per Alonso, che non si aspettava certamente di rimanere fuori dalla 500 Miglia di Indianapolis. Dopo aver conquistato a gennaio la 24 Ore di Daytona ed essersi preparato tanto per la Indy 500, è molto dispiaciuto per aver fallito il proprio obiettivo.

Una settimana difficile, senza dubbio. Abbiamo fatto del nostro meglio, abbiamo cambiato setup e approccio per questi 4 giri, ma non siamo stati abbastanza veloci. Abbiamo fatto del nostro meglio e siamo stati coraggiosi, ma c'erano persone che hanno svolto un lavoro migliore del nostro. Il successo o le delusioni vengono solo se accetti grandi sfide. Lo abbiamo accettato. Grazie per il grande supporto che c'è sempre qui sulla speedway e tutti a casa. Ora concentrati sul prossimo obiettivo.

Già nel 2017 Fernando aveva provato a vincere questa gara, senza riuscirci. Dopo essere scattato da una positiva quinta casella in griglia, si ritirò a 20 giri dalla fine mentre si trovava in settima posizione a causa della rottura del motore Honda della sua McLaren. Il pilota asturiano era convinto che il 2019 fosse l'anno giusto per dare l'assalto alla Triple Crown, vinta solamente da Graham Hill nella storia. Invece, è arrivata una delusione. Probabilmente ci riproverà nella prossima edizione della corsa. Il quotidiano Marca ha rivelato che, in realtà, avrebbe ancora una chance di correre la 500 Miglia di Indianapolis: il suo team potrebbe comprare da un altro il posto il griglia. Così facendo, Alonso partirebbe comunque ultimo. Alcuni casi nella storia sono successi, però il CEO Zak Brown ha già smentito tale possibilità.

Non intendiamo comprare l'iscrizione - ha dichiarato -, parteciperemo alla 500 Miglia quando lo meriteremo. Ringrazio la squadra per averci messo l'anima nel tentativo di riuscire a centrare la qualifica. Mi dispiace tanto per tutti loro e, ovviamente, anche per Fernando.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.