Inter, casting per l'attacco

Nerazzurri al lavoro per studiare l'eventuale rivoluzione del reparto offensivo in caso di cessione di Icardi. Per Dzeko è quasi fatta, Lukaku o una new entry sostituiranno l'argentino.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

A tenere banco in queste ore in casa Inter non è solo la questione riguardante il prossimo incrocio di campionato contro il Napoli, dal quale potrebbe dipendere il destino europeo della squadra. In ballo c'è anche il futuro legato al calciomercato, strategie che si intrecciano sia in entrata che in uscita portando i nerazzurri a fare alcuni ragionamenti molto importanti. Il primo riguarda la situazione Mauro Icardi: nonostante la sua smentita, La Gazzetta dello Sport continua a scrivere che il centravanti argentino avrebbe espresso la volontà di trasferirsi alla Juventus, dove la moglie-agente Wanda Nara ha tutta l'intenzioe di portarlo.

I contatti tra le parti proseguirebbero da un anno, ovvero dalla scorsa sessione estiva di mercato, quando l'accordo era stato quasi raggiunto prima che la dirigenza interista si mettesse di mezzo. Ora che però Icardi sembra decisamente sul piede di partenza, ecco che andranno studiati alcuni acquisti mirati da regalare ad Antonio Conte, probabile prossimo allenatore dell'Inter.In questi anni la figura dell'attaccante ha albiceleste ha un po' monopolizzato l'attenzione e anche la proposta tattica della squadra, che in Maurito ha sì un perfetto finalizzatore ma anche un letale accentratore di gioco.

L'idea è quindi quella di rifare il look al reparto offensivo: nel momento in cui il divorzio dall'ormai quasi ex numero 9, l'Inter interverrà portando a Milano non uno, ma ben due attaccanti. In pratica si vorrebbe creare un pacchetto dalle qualità più eterogenee, in grado di offrire al tecnico leccese più varietà di scelta e, soprattutto, che permetta all'Inter di affontare le varie competizioni con una rosa dalle rotazioni decisamente più ampia. L'obiettivo principale rimane sempre Edin Dzeko, per il quale i nerazzurri sono in lizza da tempo: il bosniaco è un pallino di Conte e va in scadenza con la Roma, due condizioni che stuzzicano non poco Beppe Marotta.

Edin Dzeko, obiettivo di mercato dell'Inter, con la Roma
Edin Dzeko è la prima scelta per l'attacco dell'Inter della prossima stagione: il centravanti bosniaco piace a Conte e va in scadenza a breve con la Roma

Inter, casting per l'attacco: Dzeko prima scelta, poi Lukaku o un nome nuovo

Dzeko ha già dato il suo assenso al trasferimento, per questo ora le due società dovranno sedersi a un tavolo per trattare sul valore del cartellino. La Roma chiede almeno 20 milioni, cifra che i nerazzurri vorrebbero spuntare dato che il vincolo del centravanti scade nel 2020. L'impressione è che comunque si riuscirà a trovare un accordo soddisfacente per tutti e tre le parti in causa. Che la trattativa vada in porto o meno, non precluderà però l'arrivo di un secondo attaccante capace di entrare in competizione con l'esperto giallorosso e Lautaro Martinez.

La pista principale porta sempre a Romelu Lukaku: il numero 9 del Manchester United è in uscita ed è un pallino di vecchia data di Conte, che finalmente potrebbe abbracciarlo dopo averlo vanamente inseguito ai tempi del Chelsea. Sul belga pesa però l'eccessiva valutazione fatta dai Red Devils, che per cederlo chiedono almeno 60 milioni di euro, una cifra non eccessiva che però va contestualizzata alla condizione economica nerazzurra, uscita da poco dal regime di controlla UEFA riguardo al fairplay finanziario.

Detto che Duvan Zapata al momento non sembra stuzzicare particolarmente le idee dei dirigenti dell'Inter (l'Atalanta lo valuta 40 milioni, troppi per un elemento senza esperienza internazionale), ecco spuntare due freschissime new entry. La prima è Alexis Sanchez, per il quale lo United sarebbe disposto ad accettare la formula di prestito con diritto di riscatto pagandone l'ingaggio pur di toglierselo dai piedi. Dal momento del suo arrivo nel nord dell'Inghilterra, il cileno non ha mai praticamente trovato spazio. Oggi ha 31 anni e la voglia di rimettersi in discussione, ma rimane comunque un profilo da valutare attentamente.

Decisamente più interessante è la candidatura di Timo Werner, punta del Lipsia che, nella prossima sessione di mercato, sicuramente lascerà il club della Red Bull. Su di lui c'è da tempo anche il Bayern Monaco, alla ricerca di profili giovani ma pronti per rinnovarsi completamente, e per questo entrarci in concorrenza richiederebbe una grossa dose di autostima (e, ovviamente, tanti soldi). Werner tatticamente si completerebbe a meraviglia sia con una prima che con una seconda punta, è un classe 1995 e da tempo si è preso il posto da titolare nella nazionale tedesca. Per questo, per meno di 60 milioni di euro, sarà difficile anche solo abbozzare un discorso.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.