MotoGP, Dovizioso: "Sono al limite". Marquez: "Problemi risolti"

Il Motomondiale sbarca a Le Mans per il quinto round stagionale. Dovizioso non crede di essere favorito: "Siamo al limite, come tutti gli altri piloti". Marquez ottimista: "Risolto il problema al freno motore".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il Gran Premio di Le Mans di MotoGP prende il via con la consueta conferenza stampa del giovedì. Marc Marquez è il protagonista centrale dopo la vittoria di Jerez e la conquista del primo posto in classifica, frutto di due vittorie e un podio nelle prime quattro gare. Il campione in carica della Repsol Honda tenterà l'allungo sugli inseguitori, su un tracciato non sempre favorevole alla RC213V, ma dove nella scorsa stagione ha conquistato il gradino più alto del podio. Sarà la prima occasione per regalare alla sua squadra la vittoria numero 300 in classe regina.

Un solo punto separa Alex Rins dal Cabroncito e in casa Suzuki fissano nuovi obiettivi dopo la prima vittoria ad Austin. Lo spagnolo punta a ripetersi e proseguire la scia di risultati positivi dopo il 4°-5°-1°-2° posto di inizio campionato. La GSX-RR non è certo al top in termini di potenza sul rettilineo, ma trova vantaggio nella percorrenza di curva e Rins, con il suo stile di guida vellutato, sa come gestire al meglio le gomme e provare l'assalto al vertice fino all'ultimo giro. La gara di Le Mans sarà un banco di prova importante per il Ducati Team, con Andrea Dovizioso che dovrà centrare il podio dopo essere rimasto fuori sia in Texas che in Andalusia, oltre ad archiviare la caduta del 2018 mentre era in testa alla gara.

A fare gli onori di casa nella conferenza stampa di MotoGP il rookie Fabio Quartararo, reduce da un'ottima prestazione in terra iberica dove si è affermato come poleman più giovane della storia, e Johann Zarco, in grande difficoltà con la KTM RC16, una moto troppo aggressiva per il suo stile di guida gentile e vellutato. Nel week-end di Le Mans occhi puntati al cielo: la pioggia è quasi sempre stata una protagonista e per sabato le previsioni parlano di maltempo. Andrea Iannone ha passato la visita medica ed è stato dichiarato idoneo dopo il brutto infortunio alla caviglia rimediato a Jerez nel corso delle ultime prove libere.

Marc Marquez pilota Honda MotoGP
Il campione del mondo Marc Marquez

MotoGP, Marquez: "Problema al freno motore risolto"

Il leader del campionato MotoGP, Marc Marquez, approda su una pista tradizionalmente non favorevole alla sua Honda, ma la RC213V ha compiuto un ulteriore passo avanti durante i test invernali, soprattutto in termini di velocità assoluta, dove ha colmato il gap dalla Ducati. 

Jerez è stata importante, importante portare a casa i 25 punti e questo è ciò che cercavamo. Anche nel test abbiamo dimostrato di essere competitivi, la strada è quella giusta. Le Mans è una pista diversa, si parte da zero e con ottimismo, vedremo a che livello saremo e cercheremo di lottare per il podio. Qui l'anno scorso Dovizioso era molto veloce, poi Mugello e Montmelò saranno circuiti di Lorenzo. Ora pensiamo a Le Mans, abbiamo una moto diversa e sarà importante capire come funzionerà.

Dopo i vari problemi riscontrati ad inizio campionato, come la catena e l'handicap sul freno motore, i tecnici HRC hanno colmato ogni lacuna ed ora la moto sembra pronta per dare l'assalto al titolo iridato.

Abbiamo risolto il problema al freno motore a Jerez e questo ha portato alla vittoria. Qui abbiamo alcune curve a bassi giri e vedremo se abbiamo risolto davvero il problema. 

In casa Honda Cal Crutchlow si lamenta della mancanza di feeling con l'avantreno e questo avrebbe portato a qualche caduta di troppo, anche nella scorsa stagione. marc Marquez però non può che essere ampiamente soddisfatto di un prototipo cucitogli addosso in base ai suoi feedback.

Tutti i piloti hanno sensazioni diverse e direzioni diverse, ma per noi la cosa importante è che tutti e tre seguiamo lo stesso assetto. per la Honda è più facile capire che direzione seguire. Quando hai più coppia la moto diventa più difficile da guidare. Il segreto sta nel trovare il giusto equilibrio.

Dovizioso: "Sono al limite come gli altri"

Andrea Dovizioso è terzo in classifica MotoGP a soli tre punti di distanza dal rivale Honda. Non può ritenersi totalmente soddisfatto dello sviluppo della Desmosedici, ancora in difetto in percorrenza a centro curva. Ma la GP19 può contare su altri punti di forza, come la staccata, che qui a Le Mans possono fare la differenza. Il forlivese sarà l'ospite d'eccezione con Audi Sport nel Campionato DTM l'8-9 giugno e la notizia è rimbalzata nel paddock.

La situazione in campionato è buona ed è aperta. Quest'anno siamo più piloti a lottare per il campionato, sono contento di essere tra questi. Mi aspetto di essere più veloce rispetto a Jerez, poi c'è l'incognita meteo e pare sarà instabile. Tutto può accadere e ci faremo trovare pronti. Veloce sulle quattro ruote? Sarà una gara vera, è un'opportunità che ho voluto cogliere e sono contento di farlo con Audi. Sarà una bella esperienza, molto difficile, però siamo pronti.

DesmoDovi dovrebbe partire da favorito su un tracciato dove la staccata riveste un ruolo fondamentale, ma quest'anno il livello della concorrenza si è innalzato e fare previsioni non è possibile.

Il livello delle moto è molto ravvicinato e tutte e quattro le moto sono diverse, anche lo stile di guida dei piloti più forti è differente. Quindi ogni volta cambia il copione. Abbiamo ancora un limite a centro curva, ma abbiamo aspetti positivi in altri settori della moto. In alcune piste riusciamo a sfruttare i nostri punti di forza in altre i limiti sono più evidenti. A Jerez in prova siamo andati bene, ma la gara rispecchia la realtà. Non so se sarà sufficiente quanto fatto in inverno, ma abbiamo già vinto una gara e siamo lì, non sono preoccupato. Semplicemente sono al limite come tutti gli altri piloti.

Fabio Quartararo: "Fan pazzi di me"

Il pubblico di casa sarà tutto a favore di Fabio Quartararo che, in sella alla Yamaha M1, ha dimostrato grandi cose due settimane fa a Jerez. Poleman più giovane della storia della Top Class, gara strepitosa prima del guasto meccanico, miglior crono nei test IRTA del lunedì. 

Jerez è stato un week-end molto buono la gara stava andando bene, in gara ho faticato molto a seguire Franco e Marc, ma poi ho guadagnato qualche decimo. Abbiamo visto quello che è accaduto, ma è stato positivo vedere il nostro potenziale. Anche dopo quanto accaduto a Jerez i fan sono un po' più pazzi verso di me, ma dobbiamo mantenere i piedi ben saldi a terra e goderci il campionato.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.