Dario Silva: amputata una gamba, ora l'ex Cagliari lavora in pizzeria

L'ex attaccante uruguaiano, rintracciato da Jugones in un ristorante di Malaga: "Ho lasciato il calcio nel 2006 per mio padre malato e poi ho avuto un terribile incidente".

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il suo numero della vita è il 33. Quello di maglia non c'entra in questo caso, né al Cagliari né nelle altre squadre in cui ha giocato: Dario Silva è nato a Treinta y Tres, una cittadina di 25mila anime, capitale dell'omonimo dipartimento dell'Uruguay, e all'età di 33 anni ha avuto la vita cambiata radicalmente per ben due volte.

Attaccante con una discreta carriera alle spalle, prima nel Peñarol, poi in Sardegna, in Liga con le maglie di Espanyol, Malaga e Siviglia e infine, col Portsmouth in Premier League, a 33 anni ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo per un motivo molto nobile - d'altri tempi, verrebbe da dire - come ha raccontato allo spagnolo Jugones:

Un giorno mio padre mi disse che gli sarebbero rimasti tre mesi di vita. Non ci pensai un attimo e lasciai il calcio.

Lasciare il calcio volle dire salutare la Premier League a febbraio, a campionato pienamente in corso, fare le valigie e prendere il primo aereo per l'Uruguay. Non proprio una cosa banale, ma Dario non ebbe dubbi. Nel settembre successivo, però, il fato gli presentò il conto sotto forma di un gravissimo incidente stradale.

Cagliari Dario Silva
Cagliari: Dario Silva, qui contro Sensini del Parma, ha segnato 24 gol con la maglia rossoblù

Dario Silva, ex Cagliari, cameriere in pizzeria

Mentre era alla guida del suo pick-up a Montevideo, Silva perse il controllo del mezzo, venne sbalzato fuori e finì contro un lampione. I danni che l'ex attaccante del Cagliari riportò nell'incidente furono purtroppo molto gravi: da varie fratture del cranio a quella scomposta della gamba destra. Un successivo peggioramento provocò diverse complicazioni che portarono all'amputazione dell'arto sotto il ginocchio.

Uruguay per Dario Silva
Anche la Celeste si mobilitò per Dario Silva

Un caso che destò parecchio scalpore nel mondo del calcio di allora: molti furono gli ex compagni di squadra e di Nazionale - 14 gol in 49 partite per lui nella Celeste - che si mobilitarono, ma poi, come spesso succede, le luci dei riflettori si spensero e di Dario si persero le tracce. È stato proprio Jugones a rintracciarlo: oggi Dario Silva - 3 campionati vinti nel Peñarol, 24 gol segnati in 3 stagioni con la maglia del Cagliari e una cinquantina in Liga con tre club diversi - fa il cameriere in una pizzeria di Malaga:

I soldi che avevo guadagnato col calcio? Me li hanno presi tutti i miei agenti, ma non mi pento di quello che ho fatto per mio padre. Quello che mi è successo mi ha fatto molto male, ma in fondo poteva anche andarmi peggio.

Il tutto con uno di quei sorrisi disarmanti che tanto lo avevano fatto amare dai tifosi del Cagliari.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.