Coppa Italia, insulti a Mihajlovic: non sono stati dei tifosi

A qualche ora di distanza dallo spiacevole episodio, emergono nuovi dettagli sull'aggressione verbale nei confronti dell'allenatore del Bologna.

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Già ieri sera, quando era iniziata a circolare la notizia (con tanto di video a testimoniare il tutto) di un Sinisa Mihajlovic furioso per via di un epiteto razzista ricevuto da una persona nelle ore precedenti la finale di Coppa Italia, era apparso molto strano che potesse trattarsi - come inizialmente ipotizzato da molti mezzi di informazione - di un tifoso della Lazio.

Il rapporto tra l'attuale allenatore del Bologna (ed ex calciatore biancoceleste) con la piazza romana è ottimo e va avanti da anni, con continue manifestazioni di stima reciproche.

Ed effettivamente, con il passare delle ore, è emersa la verità e di conseguenza anche la conferma che la situazione tra l'allenatore e i sostenitori biancocelesti resti tale. A rivolgere l'insulto a sfondo razziale, "zingaro", a Sinisa Mihajlovic all'ingresso dello stadio Olimpico, infatti, non sarebbe stato un tifoso, ma incredibilmente si tratterebbe di un rappresentante delle forze dell'ordine.

Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna
Coppa Italia, Mihajlovic insultato prima della finale

Coppa Italia, nuovi dettagli sugli insulti ricevuti da Mihajlovic

Sono in corso accertamenti, ma dalle prime ricostruzioni pare si tratti di un vigile della Polizia Municipale che si stava occupando di regolare l'ingresso delle persone all'impianto in zona Ponte Milvio. Secondo le ricostruzioni riportate da molti mezzi di informazione di Bologna, lui e Mihajlovic avrebbero avuto un battibecco verbale, che sarebbe poi degenerato nel momento in cui il soggetto in questione avrebbe utilizzato il termine "zingaro" nei confronti dell'allenatore del club rossoblù.

A quel punto Sinisa, come testimoniato dal video, ha perso le staffe e ha tentato di arrivare al confronto fisico con il suo interlocutore.

Il tecnico serbo è stato fermato tempestivamente da quattro poliziotti, che resosi conto immediatamente del momento delicato hanno evitato che la situazione degenerasse, allontanando Mihajlovic e facendolo entrare poi all'interno dello stadio Olimpico, per guardarsi come da programma la finale di Coppa Italia vinta poi dalla Lazio (che affronterà proprio il Bologna lunedì) sull'Atalanta.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.