MMA, Ronda Rousey: "Per me UFC 157 fu più importante di Wrestlemania"

L'ex campionessa pesi gallo UFC torna a parlare del suo passato, chiarendo come il match contro Liz Carmouche sia stato per lei più importante di Wrestlemania.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Ronda Rousey torna a parare del suo passato nelle MMA. Intervistata da Megan Olivi per conto dei canali UFC, l'ormai ex fighter ed ex dominatrice della divisione pesi gallo non si è sottratta al riaffrontare quello che ha rappresentato la parentesi più importante della sua vita. Se da un lato le MMA femminili devono tanto, tantissimo all'ex judoka olimpica in sede di sdoganamento, infatti, è pur vero come lei debba altrettanto a loro per l'esplosione in termini di popolarità e successo professionale, che le hanno permesso di guadagnarsi le attenzioni di Hollywood e, successivamente, della WWE.

WWE da cui, al momento, Ronda ha deciso di allontanarsi per prendersi una pausa e provare ad avere un figlio con Travis Browne, suo compagno dal 2015 ed anche lui ex fighter o quasi, considerato come non entri nell'ottagono dal giugno del 2017. Un addio, quello alla federazione più famosa nel mondo del pro-wrestling, che ha sancito la fine di una avventura che ha consacrato Rowdy come la campionessa Raw più longeva della storia prima della perdita della corona a Wrestlemania 35.

Ciò nonostante, stando alle parole di Ronda il momento più importante della sua carriera non sarebbe stato quello che l'ha vista main eventer a Wrestlemania, bensì l'esordio in UFC contro Liz Carmouche. Quello, ricordiamo, fu l'unico match che vide concretamente una Ronda in grossa difficoltà nel suo periodo migliore, vale a dire quello antecedente al KO patito per mano - e tibia - di Holly Holm.

Wrestlemania è stato senza dubbio qualcosa di grande ma, in proporzione, la sfida tra me e Liz Carmouche è stata un qualcosa di decisamente più importante per me. Lo è pur trattandosi di tanti anni fa, ed essendo stato un evento all'Honda Center in cui avranno preso parte 16-20mila persone, che sono decisamente meno rispetto alle 80mila di Wrestlemania. Il match tra me e Liz è stato cruciale: tutto doveva verificarsi in quella maniera, altrimenti le MMA femminili non sarebbero mai neanche decollate. La posta in gioco rispetto a Wrestlemania era decisamente più alta, anche se pubblico e location erano decisamente inferiori.

MMA: Ronda e suo marito
MMA: Ronda Rousey alla cerimonia di introduzione nella Hall of Fame UFC. Assieme a lui il marito Travis Browne.

MMA: cosa ci sarà nel futuro di Ronda Rousey?

Difficile, al momento, capire cosa farà Ronda Rousey dopo esser diventata mamma: come confermato dalle sue stesse parole, d'altronde, potrebbe anche decidere di non fare più nulla e godersi la sua nuova famiglia.

Possibile, inoltre, che possa dedicarsi soltanto al mondo del cinema, che l'ha ormai consacrata come icona nascente del genere action per i ruoli femminili. Impossibile, o quasi, aspettarsi di rivederla nell'ottagono un giorno, mentre restano abbastanza valide le ipotesi di un ritorno - magari part time - alla WWE.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.