Eredivisie, ora è anche ufficiale: Ajax Campione d'Olanda!

Dopo l'ufficiosità di domenica, ora arriva il titolo al 100%: nell'ultima giornata i lancieri vincono 4-1 sul campo del De Graafschap, con doppietta del solito Tadic. Per gli ajacidi è il 34esimo della loro storia.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Mancavano soltanto 90 minuti all'Ajax per tornare sul tetto d'Olanda, per vincere una Eredivisie che mancava da cinque anni. Tanti, forse troppi per una squadra che nella sua storia ne aveva già vinte 33, più di chiunque altro. Dopo la vittoria di domenica sull'Utrecht, e la contemporanea sconfitta del PSV sul campo dell'AZ Alkmaar, nemmeno il più incallito degli scaramantici avrebbe potuto insinuare che il titolo sarebbe finito ad Eindhoven (la differenza reti era di 14 gol favorevole agli uomini di Ten Hag).

E dunque nell'ultima giornata l'imponderabile non è accaduto, anche se i presagi potevano esserci. A partire dall'avversario dei lancieri, ovvero quel De Graafschap che, proprio all'ultima giornata di tre anni fa, levò dalle mani il titolo alla squadra allora allenata da Frank De Boer nonostante l'aritmetica li avesse già condannati alla retrocessione in Eerste Divisie. 

La gara del De Vijverberg è una specie di passerella per i neo Campioni d'Olanda, anche se nel primo tempo c'è da soffrire. Dopo il vantaggio firmato Schöne e il pareggio immediato di El Jebli, Tagliafico e Tadic hanno regalato a Ten Hag la vittoria per festeggiare definitivamente il titolo. Inoltre, vista la vittoria anche in Coppa d'Olanda, per gli ajacidi è un double che mancava dalla stagione 1997/1998. 

La gioia dei tifosi dell'Ajax con i due trofei stagionali
Festa grande per i tifosi dell'Ajax, che a Doetinchem mostrano i trofei stagionali vinti

Eredivisie, Ajax subito in palla nel primo tempo

La prima buona notizia della serata, per l'Ajax, arriva da Eindhoven. L'Heracles, infatti, è passato in vantaggio al Philips Stadion dopo nemmeno un minuto di gioco. A Doetinchem nel frattempo gli uomini di Ten Hag giocano in maniera tranquilla, gestendo i ritmi e arrivano al tiro per due volte in dieci minuti, con Tadic prima e Mazraoui poi. 

Al 20' ci prova anche Blind con un missile dalla distanza, ma Bertams c'è e risponde presente. L'occasione buona per i lancieri capita al 37', quando una punizione capolavoro di Lasse Schöne fa gioire i suoi tifosi. Per il danese è il classico gol dell'ex, avendo giocato per il De Graafschap dal 2006 al 2008. I padroni di casa rispondono però subito, pareggiando i conti con Youssef El Jebli, servito in profondità da Nabil Bahoui e bravo a infilare Onana.

Il primo tempo però non è ancora finito, e allora c'è tempo per il nuovo vantaggio degli ospiti che questa volta colpiscono con Nicolas Tagliafico, che da due passi non sbaglia dopo l'azione personale di Ziyech. Per il terzino argentino è il secondo gol in questa Eredivisie, mentre per il marocchino è il 24esimo assist in stagione.

Nella ripresa si diverte Tadic

Nel secondo tempo, dopo una ventina di minuti di gestione pura da parte dell'Ajax, Frenkie De Jong (all'ultima partita in maglia ajacide) entra in area palla al piede e viene abbattuto dalla difesa avversaria. Per l'arbitro senza alcun dubbio è calcio di rigore, trasformato senza problemi dal solito Dusan Tadic.

Per il serbo è la rete numero 27 in Eredivise, il 37esimo totale in stagione. Numeri veramente incredibili per l'ex Southampton, che quest'anno ha mostrato al mondo tutto il suo talento. Nel finale vanno aggiornati questi numeri, perché ancora il numero 10 si inventa un gran gol per il definitivo 4-1. Raggiunto quindi Luuk de Jong in vetta alla classifica cannonieri. A tal proposito, il PSV alla fine rimonta l'Heracles e dunque si riporta a -3, ma ormai sono tutti calcoli inutili.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.