Serie A, lotta salvezza: chi retrocede in caso di arrivo a pari punti

A 180 minuti dalla fine ci sono ancora 7 squadre che rischiano la retrocessione. In caso di parità, la discriminante principale è quella degli scontri diretti.

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Mai come quest'anno la corsa salvezza per restare in Serie A ha tutte le carte in regola per regalarci un finale di campionato particolarmente emozionante. Quando mancano 180 minuti al termine dei giochi, ci sono ancora addirittura 7 squadre che - teoricamente - potrebbe essere risucchiate al terzultimo posto attualmente occupato dall'Empoli. È stata proprio la vittoria dei toscani a riaprire definitivamente i giochi: col successo sul campo della Sampdoria, gli uomini di Aurelio Andreazzoli hanno accorciato le distanze sul Genoa, mettendo pressione a una squadra che - nel girone di ritorno - ha inanellato una serie impressionante di risultati negativi.

Genoa ma non solo. Ad apprendere con delusione i tre punti conquistati a Marassi dall'Empoli c'è un folto gruppo di squadre le cui certezze si sono sgretolate sugli ultimi assalti della Sampdoria alla porta difesa da Dragowski. Le indicazioni che arrivano adesso dalla classifica ci dicono che, a oggi, nemmeno Fiorentina e Cagliari possono dirsi certe al 100% di giocare in Serie A l'anno prossimo. Certo, l'eventualità di vedere una delle due - attualmente ferme a quota 40 punti - crollare verticalmente rimane difficile, ma non impossibile.

Se il match di Genova ha cambiato le carte in tavola, in tal senso molto ci verrà detto nello scontro diretto tra Bologna e Parma, perché qualora i Ducali dovessero fare l'impresa contro i lanciatissimi rossoblu di Sinisa Mihajlovic, ecco che la situazione per la squadra allenata da D'Aversa cambierebbe decisamente. In caso di vittoria, il Parma salirebbe a quota 41 punti, salutando quasi definitivamente il gruppo delle pericolanti. In caso contrario, sarebbe il Bologna a fare un deciso passo avanti, per quanto - anche in caso di vittoria - i giochi per la salvezza non sarebbero ancora fatti.

Una fase di Empoli - Genoa, lotta salvezza in Serie A
A due giornate dalla fine ci sono ancora 7 squadre in ballo per la lotta salvezza in Serie A: l'Empoli, terzultimo, è quella che rischia di più

Lotta salvezza in Serie A: sette pericolanti si giocano il futuro in due partite

L'Empoli rimane al momento la squadra più vicina alla Serie B. I toscani hanno davanti due giornate molto complicate, perché nei prossimi 180 se la vedranno prima con il Torino e poi con l'Inter, chiudendo il loro campionato a San Siro conto una squadra che probabilmente sarà alla ricerca dei punti Champions decisivi. Lo stesso discorso vale per il Toro, in piena bagarre Europa League. A questo punto molto dipenderà da ciò che succederà sugli altri campi. Per esempio, il Genoa in teoria ha due partite decisamente abbordabili (in casa col Cagliari e poi a Firenze), ma il momento del Grifone lascia aperte le speranze delle dirette concorrenti.

L'Udinese, che ha respirato aria fresca grazie alla bella vittoria di Frosinone, ospiterà la Spal e chiuderà la propria travagliata stagione a Cagliari, consapevole che in caso di percorso netto la salvezza sarà assicurata. Poi c'è il già menzionato Bologna, atteso dalla trasferta contro la Lazio e dal Napoli al Dall'Ara subito dopo il derby contro il Parma, che a questo punto diventa un match importantissimo. Fiorentina e Roma saranno invece le due avversarie contro le quali il Parma giocherà i suoi ultimi 180 minuti di Serie A, in un vortice di emozioni e combinazioni tra le quali potrebbero essere decisivi gli scontri diretti.

Arrivo a pari punti: cosa succede?

In caso di arrivo a pari punti infatti si procederà ad assegnare i posti in classifica tramite la discriminante degli scontri diretti. Se due squadre totalizzano gli stessi punti, si andrà a guardare come sono finiti i due match giocati tra andata e ritorno per capire chi sarà davanti. In caso di parità tra tre o più compagini verranno presi in considerazione gli scontri tra tutte le squadre coinvolte, riunite in una classifica avulsa. In tal senso vanno quindi considerate tutte le varie combinazioni.

L'Empoli non è messo benissimo, essendo avanti solo con Cagliari (quasi impossibile da agganciare) e Udinese, mentre il Genoa - oltre ad aver avuto la meglio nel doppio confronto contro i toscani - è in vantaggio anche contro il Bologna. Anche l'Udinese deve guardarsi le spalle, essendo esattamente pari col Bologna e sotto con Empoli e Genoa, mentre dovrà ancora giocare contro un Cagliari forse salvo all'ultima giornata. I destini di Bologna e Parma passeranno dallo scontro diretto: chi vince sguscia via, chi perde si fa risucchiare, mentre il Cagliari può dormire sonni tranquilli visto che, con un punto, le cose dovrebbero andare a posto.

Diverso il discorso legato alla Fiorentina: se Genoa ed Empoli vincono la prossima partita, in caso di doppia sconfitta i viola devono sperare che all'ultima giornata l'Inter non faccia scherzi contro la squadra di Andreazzoli. Una situazione abbastanza paradossale, per una realtà che a inizio anno sognava di lottare per l'Europa. La cosa certa è che, a 180 minuti dalla fine, i giochi sono ancora apertissimi.

Calendario

37esima giornata

  • Udinese - Spal
  • Genoa - Cagliari
  • Parma - Fiorentina
  • Empoli - Torino
  • Lazio - Bologna

38esima giornata

  • Inter - Empoli
  • Fiorentina - Genoa
  • Bologna - Napoli
  • Roma - Parma
  • Cagliari - Udinese

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.